Scritto: Mercoledì, 06 Maggio 2020 05:36 Ultima modifica: Mercoledì, 06 Maggio 2020 07:00

Lunar Flashlight: un cubesat per cercare acqua sulla Luna


Prima di riportare l'uomo sulla Luna, la NASA andrà in giro a cercare ghiaccio d'acqua nascosto nei crateri sparando con laser dall'orbita.

Rate this item
(1 Vote)
Lunar Flashlight: un cubesat per cercare acqua sulla Luna Crediti: Credits: NASA/JPL-Caltech

L'acqua sarà una risorsa fondamentale per i futuri astronauti e per stabilire basi permanenti sul nostro satellite. Ma in quali quantità questa risorsa sia disponibile in loco, come è distribuita, com'è la corrispondenza tra ghiaccio superficiale e serbatoi sotterranei e se è facile accesso, nessuno ancora lo sa esattamente. Così l'Agenzia Spaziale Americana sta pianificando una missione a basso costo per mappare con più precisione la preziosa risorsa, nell'ambito del programma Small Spacecraft Technology, a cura dall'Ames Research Center in California.

Gestito dal Jet Propulsion Laboratory (JPL), il nanosatellite da 6U Lunar Flashlight sarà una dimostrazione tecnologica integrata nel payload della missione di test Artemis 1.
Cercherà ghiaccio d'acqua usando i laser e sarà il primo veicolo spaziale planetario ad utilizzare il cosiddetto propellente "verde", un nuovo tipo di combustibile più sicuro da trasportare ed immagazzinare rispetto all'idrazina, comunemente usata per le missioni spaziali. Il combustibile è stato sviluppato dall'U.S. Air Force diversi anni fa ed è composto principalmente da liquidi ionici che conferiscono un'alta densità di energia.

Lunar Flashlight

Nel corso di due mesi, la "torcia lunare" si concentrerà sul Polo Sud del nostro satellite ed utilizzerà la spettroscopia a riflettanza infrarossa per sondare le regioni in ombra perenne. Si ritiene, infatti, che questi crateri oscuri, situati ai poli, siano delle "trappole fredde" in grado di accumulare e conservare molecole ghiacciate di diverse sostanze, compresa l'acqua, consegnate alla superficie da impatti con comete, asteroidi e dalle interazioni con il vento solare.

Lunar Flashlight è dotato di un illuminatore laser attivo che utilizzerà lunghezze d'onda del vicino infrarosso prontamente assorbite dall'acqua (∼1,5 e 2 μm) per identificare eventuali accumuli di ghiaccio sulla superficie. Sul cubesat un ricevitore ottico multibanda riceverà il segnale di ritorno e misurerà la riflettanza della superficie.
Se i laser colpiranno la roccia nuda, la luce sarà riflessa verso il cubesat e ciò indicherà l'assenza di ghiaccio d'acqua; al contrario, se il raggio laser sarà assorbito e non avrà ritorno (o avrà un ritorno parziale), allora il nanosatellite segnalerà la presenza di acqua. 

Ma attenzione, Lunar Flashlight potrà segnalare solo il ghiaccio d'acqua veramente superficiale: la profondità di penetrazione del laser, infatti, ha la stessa scala della lunghezza d'onda impiegata (vale a dire, la spettroscopia IR rileva i primi 1-2 micron della superficie).
Tuttavia, i suoi dati saranno preziosi per colmare le lacune e per comparare la grande mole di informazioni già ottenute da altre missioni (Clementine, Lunar Prospector e Lunar Reconnaissance Orbiter - LRO).

Lunar Flashlight ed i payload secondari della missione Artemis 1 saranno lanciati all'interno del Secondary Payload Deployment System (SPDS) di Orion che, dopo il lancio, distribuirà gli esperimenti a bordo in diverse "fermate" lungo il percorso.
Il cubesat sarà rilasciato alla prima, a circa 36.000 chilometri di quota sopra la Terra.

Lunar Flashlight profilo della missione

 

La raccolta di dati scientifici avverrà durante 10 orbite nell'arco di due mesi. Poiché il nanosatellite dovrà aggiustare costantemente la sua traiettoria, se i livelli di propellente lo consentiranno, al termine della missione primaria potrebbe essere valutata una fase estesa. In ogni caso, le operazioni si concluderanno con un impatto controllato vicino al polo sud.

 

Maggiori informazioni: ieeexplore.ieee.org/document/9076196

Altre informazioni su questo articolo

Read 128 times Ultima modifica Mercoledì, 06 Maggio 2020 07:00
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 3 Giugno

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 2 Giugno sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 2 Giugno [Last update: 06/02/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 1/6/20 - Sol 537] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 3 Giugno [updated on Jun,03]

HOT NEWS