Scritto: Martedì, 03 Dicembre 2019 17:39 Ultima modifica: Lunedì, 06 Gennaio 2020 09:21

Vikram ritrovato!


LRO ha fotografato il luogo in cui scese, nella sera del 6 Settembre, il lander indiano; analizziamo i segni dell'impatto...

Rate this item
(0 votes)
Differenza tra le riprese LRO prima e dopo l'impatto (contrasto locale accentuato); le linee diagonali sono artefatti dovuti alla scansione durante la ripresa. Differenza tra le riprese LRO prima e dopo l'impatto (contrasto locale accentuato); le linee diagonali sono artefatti dovuti alla scansione durante la ripresa. Credits: NASA/Goddard/Arizona State University - Processing: Marco Di Lorenzo

 Tre mesi fa seguimmo con apprensione, poi divenuta sconforto, il primo tentativo da parte dell'India di effettuare un atterraggio morbido nelle regioni meridionali della Luna con il lander Vikram. I contatti con il veicolo vennero persi poco prima del previsto allunaggio, a meno di 2 km di altezza e con una velocità verticale comunque eccessiva. L'operazione venne dichiarata fallita e, nei giorni immediatamente successivi, circolarono indiscrezioni riguardanti l'avvenuto "avvistamento" dei resti del povero lander da parte della sonda madre Chandrayaan-2 in orbita attorno alla Luna. Quelle voci, però, non erano supportate da immagini pubbliche, forse per una sorta di pudore o censura da parte dell'agenzia spaziale nazionale. Nelle settimane seguenti, anche la NASA tentò di fotografare la zona utilizzando l'orbiter LRO ma quei tentativi sembrarono infruttuosi, a causa di una illuminazione poco favorevole; in realtà, già nelle riprese fatte il 17 Settembre e rese pubbliche dalla NASA 9 giorni dopo, Shanmuga Subramanian (ingegnere e blogger, guarda caso indiano) identificò un possibile sito candidato di impatto e di questa segnalazione ha fatto tesoro il team di LRO per finalizzare le osservazioni successive ed eventualmente confermare la segnalazione. 

vikram impact blink 1

Animazione che mette a confronto le immagini del luogo di impatto riprese prima e dopo il 6 settembre (se l'l'immagine appare statica, cliccarci sopra) - Credits: NASA/Goddard/Arizona State University

 In effetti, la segnalazione era corretta e i successivi tentativi di immortalare il sito di impatto hanno avuto successo. Lo si vede nell'animazione qui sopra e soprattutto nell'immagine di apertura, ottenuta sottraendo tra loro i due mosaici di immagini ottenuti dallo strumento ad alta risoluzione LROC della sonda americana. Le riprese post-impatto risalgono al 14-15 Ottobre e all'11 Novembre; le più recenti hanno una risoluzione di 70 cm/pixel e sono state effettuate in condizioni di illuminazione ideale, con un angolo d'incidenza di 72°.

 Il punto di primo impatto del lander si riconosce dalla raggiera scura ampia una decina di metri, circondata da un alone più chiaro e asimmetrico di materiale "disturbato" che si estende fino a un centinaio di metri dal punto di impatto. Nelle immediate vicinanze, il lander non è riconoscibile e potrebbe essersi disintegrato nell'impatto. Tuttavia, si notano anche due scie scure e sottili, una vicina e a destra del punto d'impatto (sul prolungamento della linea tratteggiata azzurra nella figura qui sotto) e un'altra più remota in basso (alla fine della linea tratteggiata verde); presumibilmente, sono state lasciate da frammenti di hardware che sono rimbalzati dopo il primo impatto, colpendo la superficie a distanza. Come mostrato chiaramente nell'ingrandimento, al termine della seconda scia è chiaramente visibile il frammento scuro che l'ha causata e che risulta di dimensioni decisamente ampie, circa 4 x 2 m, come un'automobile. La personale opinione di chi scrive è che questo è proprio Vikram, o perlomeno il troncone più grosso che lo costituisce. Esso è probabilmente adagiato su un lato e il colore scuro potrebbe essere dovuto ai pannelli solari di cui è circondato. Sulla base della distanza percorsa dal punto di primo impatto (quasi 130 metri) e della accelerazione di gravità lunare, questo implica una velocità di rimbalzo di almeno 14,5 m/s, di più se l'angolazione con cui il lander è rimbalzato fosse diversa da 45°. La direzione presunta di arrivo del lander, prima dell'impatto principale, è indicata dalla freccia verde.

VikramDeltaZoom2

Credits: NASA/Goddard/Arizona State University. - Processing: Marco Di Lorenzo

 Va detto che, secondo quanto dichiarato nel comunicato NASA, quello inizialmente identificato da Shanmuga è un detrito situato a ben 750 metri dal punto di impatto, in direzione NW; esso è evidenziato da una "S" nell'immagine sottostante, che abbraccia una regione più ampia delle precedenti. Inoltre, si afferma che i detriti più grandi sono tre e misurano circa 1,5 m (2 pixel). Questi, insieme ad altri frammenti più piccoli, sono segnalati nella mappa come pallini verdi, mentre le zone di terreno "disturbato", perché presumibilmente colpito da detriti secondari più piccoli e invisibili, sono indicati dai pallini azzurri. La freccia rossa, infine, identifica il grosso frammento da me evidenziato in precedenza.

Vikram detriti 2

Credits: NASA/Goddard/Arizona State University. - Processing: Marco Di Lorenzo

 Il sito di impatto ha coordinate 70.881°S, 22.784°E ed è situato a una altezza di 834 m rispetto alla superficie media lunare, a circa 580 km da polo Sud.

 

Riferimenti:

https://www.nasa.gov/image-feature/goddard/2019/vikram-lander-found

Altre informazioni su questo articolo

Read 505 times Ultima modifica Lunedì, 06 Gennaio 2020 09:21
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 1 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 1 Aprile).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Marzo [Last update: 03/30/2020]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 5/3/20).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Marzo [Last update: 03/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 31/3/20 - Sol 476] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS