Scritto: Venerdì, 18 Dicembre 2015 18:28 Ultima modifica: Venerdì, 18 Dicembre 2015 20:25

Curiosando tra le Dune


Le ultime visite ravvicinate di Curiosity sulle mutevoli dune di Bagnold ci offrono degli insoliti e affascinanti panorami.

Rate this item
(0 votes)
Immagine Right-Mastcam, Sol 1190 (2015-12-11 15:05:32 UTC). Immagine Right-Mastcam, Sol 1190 (2015-12-11 15:05:32 UTC). Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

  Procedendo lentamente ma inesorabilmente verso le pendici del Monte Sharp, all'interno del cratere Gale, Curiosity si è imbattuta in un enorme campo di dune di sabbia, denominato "Bagnold", dal nome dell'ufficiale inglese che, a cavallo tra le due guerre mondiali, fu tra i primi a studiare a fondo i deserti e le dune.
 Le dune si formano quando il vento fa rimbalzare granelli di sabbia sul terreno; esse sono comuni nei deserti sulla Terra, ma questa è la prima indagine di un campo di sabbia attivo su un altro pianeta e, dalle immagini inviate finora, la somiglianza con le dune terrestri è impressionante. Qui sotto, una collezione di panorami ottenuti negli ultimi giorni assemblando e colorando le immagini riprese dalla camera di Navigazione.

Curiosity Sol 1192 3a Ken Kremer

La duna "Namib" in un mosaico di immagini NavCam del 13 dicembre, con aggiunta di colori artificiali; si noti in lontananza il bordo settentrionale del cratere Gale.
Credit: NASA/JPL/Ken Kremer/kenkremer.com/Marco Di Lorenzo

N1194b

Una vista al tramonto con le tracce delle ruote nella sabbia, Sol 1194
Credit: NASA/JPL/Ken Kremer/Marco Di Lorenzo

N1194f

Una impressionante ansa scoscesa nella parte meridionale della duna "Namib", vista adiacente alla precedente
Credit: NASA/JPL/Ken Kremer/kenkremer.com/Marco Di Lorenzo

 Come illustrato in un precedente articolo di Elisabetta, le immagini di HiRISE del Mars Reconnaissance Orbiter hano mostrato che queste dune sono attive e che, nel corso degli anni, si sono spostate di pochi metri; l'ultimo panorama ripreso qui sopra mostra proprio una delle due regioni in cui tali cambiamenti sono stati osservati. L'indagine di Curiosity aiuterà a capire come si muovono queste dune e quali differenze vengono introdotte dal fatto che l'atmosfera di Marte è densa meno dell'1% di quella terrestre, mentre la gravità è più bassa del 65%.

Olivia

Abbondanza superficiale di olivina osservata da satellite.
Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

 Le dune Bagnold sono fatte di minerali basaltici, tra cui olivina e pirosseni, che danno loro il loro colore scuro. Le osservazioni dagli orbiter ci dicono quale è la distribuzione di questi minerali (si veda l'immagine qui sopra) e suggeriscono che essi vengano segregati dai venti, separando l'olivina dagli altri minerali. Curiosity ha anche "saggiato" il terreno sabbioso con le ruote, facendo dei test di mobilità in una patch di sabbia vicino a una delle grandi dune del settore Bagnold; lo scopo era di valutare le prestazioni del rover e questo è importante perché in passato Curiosity ha scavalcato facilmente alcune sabbie ma ha avuto difficoltà con altre. Si vuole capire come sabbie di diverse granulometrie possono avere diverse mineralogie e chimiche, usando anche gli strumenti Chemin e SAM. Stavolta si spera di ottenere analisi su grani più grossolani rispetto alla "componente fine" studiata in passato in altre locazioni, per vedere se c'è una differenza chimica o mineralogica. Questa prima parte della "campagna Bagnold dunes" impegnerà Curiosity fino all'inizio del prossimo anno; poi, dopo aver girovagato per un paio di mesi in questa zona, farà una sosta finale presso una duna meno attiva durante la scalata al Monte Sharp.

 Di seguito, il percorso recente di Curiosity come riportato sul sito ufficiale e anche nel nostro Log:

Curiosity Location Sol1187 full

 Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

 

Riferimenti:
http://www.universetoday.com/123874/curiosity-reaches-massive-field-of-spectacularly-rippled-active-martian-sand-dunes

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2387 volta/e Ultima modifica Venerdì, 18 Dicembre 2015 20:25
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 22 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista