Scritto: Mercoledì, 03 Settembre 2014 20:15 Ultima modifica: Domenica, 11 Gennaio 2015 13:55

La missione di GAIA (prima parte)


La missione GAIA è una delle più ambiziose nel campo dell'astronomia spaziale ed è interamente europea, con un forte contributo italiano. Vediamo come è nata e come sta procedendo, dopo il lancio del 19 dicembre...

Rate this item
(0 votes)
Gaia - rappresentazione artistica Gaia - rappresentazione artistica Credits: ESA/ATG medialab; background image: ESO/S. Brunier Gaia Artist's Impression

Nota bene: Questo articolo è scritto per un pubblico ampio che, eventualmente, non ha una conoscenza di base dei termini astronomici e della trigonometria. Per coloro che hanno già una "infarinatura" su questi argomenti e non vogliono annoiarsi, consiglio di saltare le parti scritte in corsivo/italico.

Essendo una missione di "astrometria", cioè di misura della posizione degli astri, dobbiamo prima fare una piccola digressione tecnico-storica al riguardo.

 

L'astrometria e la sua evoluzione

Per prima cosa, che significa misurare la posizione di un astro?

Cresits: amastrofili.orgPer pura comodità, assumiamo che le stelle siano tutte alla stessa distanza, fissate ad una immaginaria “sfera celeste” che ruota attorno a noi in 24 ore. La posizione di un astro su questa sfera è definita da due angoli, analogamente alle coordinate “longitudine” e “latitudine” usate per posizionare un luogo sulla superficie terrestre.
I due angoli si chiamano ascensione retta (AR) e declinazione (dec). Come si vede nel disegno a lato (Cresits: amastrofili.org), il secondo esprime la distanza dell'astro dall'equatore celeste (proiezione dell'equatore terrestre), mentre l'ascensione retta misura la distanza da un "punto Gamma" o "vernale", che poi è il punto in cui si trova il Sole durante l'equinozio di prmavera.

Nel II secolo a.C. Ipparco da Nicea compilò il primo catalogo stellare appuntando posizione e luminosità di oltre 1.000 stelle. Avvalendosi di osservazioni precedenti, scoprì anche lo spostamento dell'asse di rotazione terrestre, oggi chiamato "precessione". Tuttavia, la precisione consentita dall'osservazione ad occhio nudo non permetteva di rivelare il lento movimento peculiare di ciascuna stella né, tanto meno, l'effetto di parallasse di cio parleremo tra poco...

Dunque, l'astrometria si basa sulla misura degli angoli.
Notoriamente, gli angoli vengono misurati in gradi, minuti d'arco e secondi d'arco (sistema sessagesimale). Il diametro apparente della Luna o del Sole, ad esempio, è pari a circa mezzo grado o 30 minuti d'arco. Un secondo d'arco (arcsec) è pari a 1/3600 di grado, un angolo già molto piccolo che non è possibile apprezzare ad occhio nudo ma solo con un telescopio; esso corrisponde al diametro apparente di una moneta da 1€ vista da 4 km di distanza. In seguito, useremo spesso come unità di misura il millesimo di secondo d'arco (mas); esso corrisponde all'angolo sotto il quale vediamo una moneta da 1€ quando questa si trova a una distanza di 4000 km (da Londra a Lisbona!).

GAIA, come vedremo, misurerà angoli 100 volte più piccoli... questo significa spostare la nostra monetina sulla Luna!

L'angolo di parallasse non è altro che l'angolo π che si forma tra le due linee di vista di due osservatori che guardano uno stesso oggetto, posti ad una certa distanza tra loro. Nella visione binoculare, ci permette di stimare istantaneamente la distanza di un oggetto senza toccarlo; in atronomia, invece, si sfrutta il movimento di rivoluzione della Terra attorno al Sole per rilevare il piccolo spostamento di una stella vicina rispette a quelle sullo sfondo (vedi figura sotto). Il primo a misurare questo effetto fu Bessel nel 1838 (61 Cygni).

Parallasse

 

Credit: vialattea.net

Una volta misurato l’angolo di parallasse π, la trigonometria insegna che l’inverso di questo angolo è proporzionale alla distanza: d (anni luce) = 3,26/π (arcsec).
Per dare una idea di quanto le distanze in gioco siano grandi, la parallasse di Proxima Centauri (la stella più vicina) è pari a 0,77 secondi d'arco; da qui la distanza di 4,2 anni luce.

A questo punto, noti posizione e distanza, possiamo ricostruire la distribuzione tridimensionale delle stelle nello spazio attorno al Sole. Tutto questo non basta, però, perché le stelle in realtà si muovono continuamente!

Contrariamente al moto apparente di parallasse, dovuto al movimento della terra attorno al Sole, il moto proprio è legato al movimento reale dell'astro e richiede una osservazione prolungata per anni. Il primo a rilevarlo fu l’astronomo inglese E.Halley nel 18° secolo, confrontando le posizioni nei cataloghi del tempo proprio con quelle osservate da Tolomeo e Ipparco 2000 anni prima!
Il moto proprio più veloce appartiene alla Stella di Barnard, invisibile ad occhio nudo: si muove a 10,3 secondi d'arco all'anno. Per dare un'idea, significa che questa stella impiega 180 anni per spostarsi in cielo di una distanza pari al diametro del disco lunare. Quasi tutte le altre stelle si spostano molto più lentamente, qualche secondo d'arco al secolo o anche meno.

Bisogna qui fare un breve accenno anche alla velocità radiale:  è la velocità dell'astro lungo la linea di vista che lo unisce a noi: viene misurata tramite l’effetto Doppler (spostamento della frequenza nelle righe spettrali).
Questa informazione, insieme al moto proprio e alla distanza (misurata con la parallasse per le stelle vicine) fornisce un quadro completo sul movimento della stella in 3 dimensioni.

Detto questo, GAIA riuscirà a fare tutte queste misure di posizione e velocità autonomamente, senza ricorrere al supporto di altri osservatori, e lo farà con una precisione e un raggio d'azione assolutamente straordinari rispetto al passato. Come questo sia possibile, lo scopriremo nella prossima puntata...

Link consigliati:
http://sci.esa.int/gaia/
http://www.asi.it/it/attivita/cosmologia/gaia

Read 3643 times Ultima modifica Domenica, 11 Gennaio 2015 13:55
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Latest from Marco Di Lorenzo (DILO)

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 21 Febbraio) 

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 22 Febbraio [Last update: 02/22/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 22 Febbraio [Last update: 02/22/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 22/2/20 - Sol 440] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS