Scritto: Sabato, 09 Febbraio 2013 21:44 Ultima modifica: Mercoledì, 20 Febbraio 2013 13:28

Primo utilizzo del trapano su Marte: Curiosity fora John Klein


Il rover della NASA Curiosity dopo i test di pre-carico, drill-on-rock checkout e mini-drill ha eseguito la sua prima perforazione e prelevato un campione della polvere prodotta per la prima volta su Marte.

Il foro è stato eseguito su un'area a grana fine di John Klein, vicino al quello di 2 centimetri eseguito durante il test mini-drill.

Rate this item
(0 votes)

CURIOSITY sol 182 MAHLI drill

CURIOSITY sol 182 MAHLI drill
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Il rover della NASA Curiosity dopo i test di pre-caricodrill-on-rock checkout e mini-drill ha eseguito la sua prima perforazione e prelevato un campione della polvere prodotta per la prima volta su Marte.

Il foro è stato eseguito su un'area a grana fine di John Klein, vicino al foro profondo 2 centimetri eseguito nel test mini-drill.

Il buco prodotto è di 1,6 centimetri di larghezza e 6,4 centimetri di profondità.

CURIOSITY sol 182 MAHLI drill anaglyph

CURIOSITY sol 182 MAHLI drill anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

CURIOSITY sol 182 MAHLI drill 3d

CURIOSITY sol 182 MAHLI drill 3d
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

John Klein potrebbe essere rappresentativa di un ambiente passato umido e quindi potrebbe fornire importanti dettagli sulle precedenti condizioni ambientali di Marte. Curiosity utilizzerà prossimamente CheMin (Chemistry and Mineralogy) e SAM (Sample Analysis at Mars) per scoprirlo.

"Il più avanzato robot planetario mai costruito è ora un laboratorio di analisi completamente operativo su Marte", ha detto John Grunsfeld, amministratore associato del NASA Science Mission Directorate.
"Questo è il raggiungimento di una pietra miliare per la squadra di Curiosity dall'atterraggio con lo Sky-Crane lo scorso agosto, un altro momento di orgoglio per l'America".

L'immagine in apertura è una delle riprese del MAHLI pubblicate oggi stesso del sol 182: nella foto elaborata, oltre alle particelle grigie finissime di John Klein, è visibile una certa varietà cromatica di diverse tipologie di polveri.

CURIOSITY sol 182 MAHLI base hole

CURIOSITY sol 182 MAHLI base hole
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Il mosaico qui in alto mostra sulla sinistra un 3d in rotazione dove è visibile l'impronta lasciata dalla testa del trapano sulla polvere estrusa dalla punta durante la perforazione con percussione; a destra, uno scatto del MAHLI, probabilmente ripreso con i led bianchi accesi, dove è stato illuminato il fondo del foro.

Nei prossimi giorni il team invierà i comandi da Terra per distribuire il campione tra i vari strumenti di analisi.

"Abbiamo comandato la prima perforazione completa e crediamo di aver raccolto materiale sufficiente dalla roccia per raggiungere i nostri obiettivi di pulizia del hardware e per il campione da analizzare", ha dichiarato Avi Okon del NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, California.

Il trapano dispone di un'area di stoccaggio dove la polvere raccolta può essere conservata fino alla consenga al CHIMRA (Collection and Handling for In-Situ Martian Rock Analysis) per la setacciatura e porzionatura del campione da ripartire tra CheMin e SAM. Tuttavia, prima di utilizzare il materiale per le prima analisi, la polvere verrà fatta vibrare e poi scartata per almeno tre volte, per garantire una pulizia accurata delle pareti da eventuali contaminazioni pre-lancio.

"Costruire uno strumento per interagire con forza con le imprevedibili rocce di Marte ha richiesto un ambizioso programma di test", ha detto Louise Jandura, ingenere capo al JPL. "Per arrivare al punto di fare questo buco su una roccia su Marte, abbiamo usato otto punte e 1200 fori in 20 tipi diversi di rocce sulla Terra"

Read 5177 times Ultima modifica Mercoledì, 20 Febbraio 2013 13:28
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio 

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 20 gennaio)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 19 gennaio [Last update: jan,19]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 19 gennaio [Last update: 19/01].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al20/1/20 - Sol 406

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 12/1/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 18 Gennaio [updated on Jan,18]

HOT NEWS