Venerdì 28 Aprile 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Curiosity: verso le dune attive della Valle Dorata

Curiosity Navigation Cameras Sol 1169 anaglifo
Curiosity Navigation Cameras Sol 1169 anaglifo Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Mentre si avventura verso la base del Monte Sharp per studiare il passato geologico di Marte, Curiosity avrà la possibilità di osservare da vicino come si trasforma il paesaggio di oggi.

Reduce da due perforazioni avvenute a pochi sol di distanza l'una dall'altra, la prima su "Big Sky" e la seconda su "Greenhorn", il team sta pianificando la campagna "Bagnold Dunes", destinata al campo di dune scure sul lato nord-occidentale del tumulo alto 5,5 chilometri al centro del cratere Gale. Il nome è stato dedicato a Ralph Bagnold (1896-1990), un ingegnere militare britannico, pioniere nelle esplorazioni dei deserti sulla Terra e nello studio della sabbia trasportata dal vento.

Curiosity: route map aggiornata al sol 1168

Curiosity: route map aggiornata al sol 1168
Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona / Phil Stooke, University of Western Ontario

Finora gli esploratori robotici marziani hanno incontrato per lo più piccole increspature ma Curiosity sarà il primo rover a visitare una duna di queste dimensioni, alta come un edificio a due piani e larga quanto un campo da calcio.

Le Bagnold Dunes sono attive: le immagini orbitali ad alta risoluzione riprese con la fotocamera HiRISE a bordo della sonda Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) hanno mostrato che si spostano di circa un metro ogni anno terrestre e che la loro composizione non è uniforme.

"Useremo Curiosity per sapere se è il vento a creare un certo tipo di ordinamento, trasportando materiali a granulometrie diverse", ha detto nella press release Bethany Ehlmann, del California Institute of Technology e del Jet Propulsion Laboratory della NASA.
"Abbiamo pianificato indagini che non solo ci racconteranno la moderna attività di una duna di sabbia su Marte ma ci aiuteranno ad interpretare la composizione del basamento di arenaria che si formò molto tempo fa", ha aggiunto.

Bagnold Dunes: dal 2010 al 2014

Una duna del campo "Bagnold Dunes" ripresa tra il 2010 ed il 2014.
Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

A differenza delle semplici increspature, queste mostrano un versante sottovento piuttosto ripido e, invece di essere ricoperte da polvere chiara, sono scure a causa di una composizione basaltica, a base di olivina e cristalli di pirosseno. Gli scienziati usano il loro movimento per studiare la circolazione dei venti all'interno del cratere e mettere a punto i modelli meteorologici ma raccoglieranno con la paletta ("scoop") anche un campione da analizzare, come avevano fatto a Rocknest.

Per questa indagine sarà fondamentale poter rilevare la direzione e la velocità del vento, peccato che uno dei due sensori del REMS (Rover Environmental Monitoring Station), la suite di strumenti utilizzata da Curiosity per collezionare i dati meteorologici, rimase danneggiata il giorno dell'atterraggio, il 6 agosto 2012. Dal momento in cui un solo sensore non sarà sufficiente per ricavare dei dati direzionali, il team ha in programma di prendere molte letture modificando di volta in volta l'orientamento del rover. In questo modo, si spera di ottenere un set di informazioni sufficienti per la calibrazione e l'interpretazione dei dati.

Tuttavia, il lento spostamento delle dune marziane non è ancora ben compreso: infatti, mentre il pulviscolo rossastro che tinge di rosa l'atmosfera è leggero e facilmente trasportabile dai venti, la sabbia delle dune scure è a granulometria più grossa e difficilmente può essere spostata per azione eolica.

"Queste dune hanno una struttura diversa dalle dune sulla Terra", ha detto Nathan Bridges del Applied Physics Laboratory presso la Johns Hopkins University. "Le loro creste sono molto più grandi delle creste sulla sommità delle dune sulla Terra e non sappiamo perché".
"In base ai modelli basati su una pressione atmosferica inferiore, ci vorrebbe una velocità del vento più elevata per far muovere una particella", ha aggiunto.

Alcuni ricercatori ritengono che alla base del processo non ci sia il vento ma l'acqua liquida intrappolata appena sotto la superficie ghiacciata ipotesi che, alla luce delle recenti conferme sui flussi di sali idratati che occasionalmente scorrono su Marte, potrebbe non essere del tutto da scartare.

Il campo di dune si trova in direzione di un punto molto panoramico del cratere Gale.
Qui sotto una suggestiva veduta, ripresa al sorgere del Sole del sol 1100 (10 settembre 2015) a cui avevamo dedicato anche una nostra "Immagine del Giorno".

Curiosity sol 1100

Curiosity sol 1100
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Al momento il rover sta guidando il direzione sud-ovest per rimanere su un terreno solido ma non è escluso che il team non tenti qualche passo nella duna, sia per comparare le proprietà del terreno che per testare la capacità delle ruote. Se così fosse, spero non si avventurino troppo in là dal momento in cui Curiosity è piuttosto pesante ed i rover marziani non hanno avuto finora esperienze positive con la sabbia: Spirit era rimasto intrappolato a Home Plate, nel 2005 Opportunity aveva faticato per uscire da una "sand trap" a Meridiani Planum e lo stesso Curiosity aveva dovuto affrontare sabbie troppo scivolose nella Hidden Valley ad agosto 2014.

Il 16 novembre, Curiosity era a meno di 200 metri da quella che nella mappa è identificata come "Dune 1", mentre il 19 novembre ha raggiunto per la prima volta una quota di 100 m al di sopra di Bradbury Station, il luogo dell'atterraggio (tutti gli aggiornamenti nella rubrica "Mission Log" di Marco Di Lorenzo).

Curiosity Bagnold Dunes

Sol 1169
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Ken Kremer e Marco Di Lorenzo (DILO)

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Aprile 2017
L M M G V S D
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 27 Aprile.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.