Giovedì 30 Marzo 2017
Accedi

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Big Sky è l'ottava roccia marziana forata da Curiosity

Big Sky è l'ottava roccia marziana forata da Curiosity
Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Il 30 settembre, il rover della NASA Curiosity ha forato la sua ottava roccia su Marte. Il target si chiama "Big Sky" ed è un'arenaria scura che fa parte dell'Unità Stimson, alle pendici del Monte Sharp.
Con questa analisi il team spera di trovare altri indizi sulle antiche condizioni ambientali del cratere Gale.

Ashwin Vasavada, project scientist della missione, aveva detto di Big Sky: "sembra simile ad un'arenaria alterata da fluidi, come acque sotterranee con altre sostanze chimiche disciolte".

Il braccio di Curiosity mentre effettua l'ottava perforazione su Big Sky

Il braccio di Curiosity, ripreso dalla Front Hazcam left, mentre il trapano esegue l'ottava perforazione su Big Sky.
Credit: NASA/JPL-Caltech

Marias Pass era stato un punto di transizione geologico sulla strada di Curiosity verso il Monte Sharp, una valle dove si incontrano almeno due diversi tipi di terreno: un fango indurito chiaro, simile a quello visto a Pahrump Hills, l'altro formato dall'arenaria scura con grani di diverse forme e colori dell'Unità Stimson. La zona è apparsa ancor più interessante perché caratterizzata da grandi fratture distanziate contornate da una sorta di alone chiaro. Perciò, dopo aver prelevato un campione dall'affioramento chiamato "Buckskin" (pelle di daino), gli scienziati erano desiderosi di trovare al più presto un nuovo bersaglio.

Qui sotto un anaglifo del foro e un'inquadratura del MAHLI che, sfruttando la luce del Sole, ne ha ripreso le pareti interne (per altre immagini tenete d'occhio la nostra gallery, dove è possibile scaricare i file alla migliore risoluzione disponibile, e il nostro album di Flickr).

Big Sky - anaglifo

Big Sky - anagliifo
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Big Sky

Big Sky - MAHLI sol 1123
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Questo è l'ottavo full-drill per Curiosity, anche se il trapano è stato utilizzato in altre occasioni per "tastate" il terreno.
Da sinistra a destra e dall'alto verso in basso, la tavola qui sotto raccoglie la compilation di immagini raw degli otto fori profondi 6,4 e larghi 1,6 centimetri:
John Klein (sol 182), Cumberland (sol 279), Windjana (sol 621), Confidence Hills (sol 759), Mojave (sol 882), Telegraph Peak (sol 908), Buckskin (sol 1060) e l'ultimo, Big Sky (sol 1119, 30 settembre 2015).

Curiosity - fori compilation

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Tutti hanno in comune un mucchietto di polvere intorno al buco, lo scarto della trapanazione, che fornisce già qualche indizio visivo: la maggior parte delle volte, Marte si è mostrato grigio piuttosto che rosso ruggine, appena sotto il primo strato superficiale.

Il rover è già al lavoro per setacciare e porzionare il campione: le analisi della Chemistry and Mineralogy (CheMin) e del Sample Analysis at Mars (SAM) avverranno nel corso della prossima settimana.

Big Sky: ChemCam

Il buco su Big Sky, ripreso dalla ChemCam di Curiosity. I fori più piccoli sono i punti colpiti dal laser per le analisi spettroscopiche.
Credit: NASA/JPL-Caltech/LANL

"La speranza è che questa posizione fornirà un buon campione della roccia tipica in questa zona da confrontare con alcune interessanti alterazioni che abbiamo visto", ha riferito Ryan Anderson, uno scienziato planetario dell'Astrogeology Science Center USGS di Flagstaff, Arizona.
"Siamo tutti entusiasti in attesa dei risultati della CheMin su Big Sky per confrontarli con i precedenti da Buckskin!", ha aggiunto.

Curiosity si trova alle pendici del Monte Sharp (potete seguire i suoi spostamenti nel "Mission Log"): un sistema di colline e valli disegnano un paesaggio incredibilmente suggestivo a sud sud-est. Questo scorcio del cratere Gale, soprannominato da Marco Di Lorenzo la "valle dorata" quando il rover lo aveva fotografato poco dopo il sorgere del Sole durante il sol 1100, ora è stato trasformato dalla NASA in una vera e propria cartolina (immagine in apertura).

Una pianura ondulata ricca di minerali argillosi separa la cresta ricca di ematite in primo piano, dal sistema di cime arrotondate e valli che si alternano sullo sfondo. Ruote permettendo, il rover si spingerà fin oltre i primi rilievi, a circa 3 chilometri di distanza dalla posizione attuale, nei prossimi anni di esplorazione.
"La cosa più sorprendente è che un giorno Curiosity guiderà dietro queste colline più basse", ha detto Vasavada. "Non potevamo fare a meno di spedire una cartolina a tutti coloro che ci seguono".

 

Oltre alle analisi del campione prelevato da Big Sky ed alle altre attività di routine, per il sol 1125 è in programma una misurazione del metano atmosferico con il SAM perché Marte ha recentemente incrociato l'orbita dell'asteroide centauro 5335 Damocles. C'è una certa speculazione su questo corpo ghiacciato, sul fatto che possa dar luogo ad una pioggia di meteore sul Pianeta Rosso e che la polvere espulsa da comete o corpi simili sia responsabile di quei pennacchi di metano occasionalmente osservati.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Marzo 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 28 Marzo.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.