Venerdì 26 Maggio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Aggiornamenti "Curiosity" da Marias Pass

Curiosity MAHLI sol 1065 wheel
Curiosity MAHLI sol 1065 wheel Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / Alive Universe

Avevamo lasciato Curiosity alle prese con l'ultima perforazione marziana su un target chiamato Buckskin (pelle di daino) nella zona di Marias Pass, alle pendici del Monte Sharp. Ora, il rover è di nuovo in direzione delle dune scure che circondano la cosiddetta "Unità Stimson" ma ci sono diverse curiosità da scoprire sui sol appena trascorsi.

Curiosity: mappa 14 agosto 2015

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona / Phil Stooke, University of Western Ontario

Prima di tutto, Curiosity ha assaggiato Buckskin durante il sol 1056, lo ha perforato nel sol 1060 ed è ripartito nel sol 1066 ma prima di andare, si è scattato un nuovo selfie a ricordo del lavoro svolto.

Qui sotto due versioni, già pubblicate nella nostra "Immagine del giorno", del mosaico 360° formato da oltre 90 frame.

Curiosity MAHLI sol 1065 selfie

Curiosity MAHLI sol 1065 selfie
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / Alive Universe

Curiosity MAHLI sol 1065 selfie

Curiosity MAHLI sol 1065 selfie
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / Alive Universe

Questo autoritratto ha qualcosa di divertente: un piccolo sasso sembra aver trovato un passaggio sopra la ruota centrale sul lato destro dell'immagine. In apertura un dettaglio del ponte del rover visto da sotto, disponibile in dimensioni originali sul nostro album di Flickr.

La pietrolina, probabilmente rimasta incastrata nei fori che disegnano il battistrata delle ruote di Curiosity, si deve essere staccata rapidamente dato che nel sol 176 non è più presente.

Curiosity MAHLI sol 1065 wheel det

Curiosity MAHLI sol 1065 wheel det
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / Alive Universe

Curiosity MAHLI sol 1076 wheels

Curiosity MAHLI sol 1076 wheels
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / Alive Universe

Tornando ai fatti seri, invece, bisogna ricordare che Marias Pass è un punto chiave per comprendere la storia del cratere Gale.
Agli scienziati interessa capire il rapporto tra la zona sottostante, quella di Pahrump Hills dove il rover si era scattato il selfie precedente ed aveva perforato Confidence Hills e Mojave2, caratterizzata da una roccia sedimentaria di colore chiaro a grana molto fine e a volte stratificata come un millefoglie e l'Unità Stimson, più resistente all'erosione.

Durante il sol 1031 il MAHLI aveva catturato uno splendido mosaico in cui i due diversi tipi di terreno si incontrano.

Curiosity MAHLI sol 1031

Curiosity MAHLI sol 1031 - l'Unità Stimson, la parte scura in alto nell'immagine, è una pietra arenaria piena di piccoli noduli (solo di pochi millimetri), mentre Pahrump Hills, in basso, è caratterizzata da venature di calcio.
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / Alive Universe

Durante la congiunzione, tra i dati inviati a Terra dal rover, il team aveva scoperto una roccia insolita, ricca di silice, un composto che formano le rocce contenenti silicio e ossigeno e si trova comunemente sulla Terra come quarzo: "alti livelli di silicio potrebbero indicare le condizioni ideali per la conservazione di materiale organico antico", dichiarava il report. Di conseguenza, ho trovato particolarmente interessanti le ultime immagini rilasciate nel catalogo.

Tra il sol 1075 e 1077, il Sample Analysis at Mars (SAM) di Curiosity, la suite di tre strumenti che contiene uno spettrometro di massa, un gascromatografo ed uno spettrometro laser, è stato impegnato con l'analisi dei campioni recentemente raccolti. Ma quello che è interessante è l'assidua ripresa dell'Organic Check Material (OCM), cinque cilindri a bordo del rover, finora quasi passati inosservati.

Curiosity MAHLI  sol 1076 - Organic Check Material

Curiosity MAHLI sol 1076 - Organic Check Material
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / Alive Universe

I cilindri si trovano sulla parte anteriore del rover, a portata di trapano, sigillati da un foglio spesso circa 6,5 centimetri.

Questi blocchi contengono materiale organico di controllo da utilizzare nel caso in cui il SAM rilevi materiale organico su Marte.
Se venissero rilevate sostanze organiche, infatti, sarebbe necessario prima di tutto confermarne l'origine autoctona. Per far ciò il team deve controllare che il percorso in cui si muove il campione durante le analisi, risulti pulito ed incontaminato.
A tale scopo, l'OCM contiene degli elementi di controllo ceramici porosi conditi con piccole quantità di sostanze organiche fluorurate sintetiche non presenti in natura sulla Terra e quindi, non previste per Marte. Il trapano di Curiosity raccoglie un campione dal cilindro così come fa durante la perforazione e lo consegnerà al SAM che potrebbe quindi rilevare composti organici "clandestini" diversi dai marcatori contenenti fluoro. Se così fosse significherebbe che la strumentazione non ha passato l'esame, le sostanze organiche estranee richiederebbero ulteriori indagini ed i risultati ottenuti potrebbero non essere attendibili.

Una sequenza della NavCam del sol 1076 mostra che il team ha eseguito una calibrazione sull'OCM.

Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / Alive Universe

A memoria, direi che questa è la prima volta il cui è stato eseguito un test del genere e forse, lascia presuppore che la squadra si stia preparando ad un prossimo utilizzo effettivo dell'OCM. Se così fosse, potrebbe voler dire che, nell'ultimo campione prelevato da Buckskin, il SAM ha identificato qualcosa di veramente interessante. Tratteniamo il respiro!

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Maggio 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 25 Maggio.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.