Martedì 28 Febbraio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

New Horizons: le 50 scoperte più emozionanti discusse al DPS15 a quattro mesi dal #PlutoFlyBy

Pluto haze and terrain (detail)
Pluto haze and terrain (detail) Credits: NASA/JHUAPL/SwRI - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Il team scientifico della missione della NASA New Horizons ha presentato i risultati dello storico fly-by nel sistema di Plutone al 47° incontro annuale della Division for Planetary Sciences (DPS15) della American Astronomical Society, in corso a Washington D.C.

New Horizons ha stravolto la nostro conoscenza di Plutone mostrando che ai confini del nostro Sistema Solare c'è un mondo assolutamente complesso ed incredibilmente variegato.

"E' difficile immaginare come sta evolvendo rapidamente la nostra visione di Plutone e delle sue lune man mano che il flusso di dati viene ricevuto ogni settimana. [Da pianeta declassato, N.d.R.] Plutone sta diventando una star del Sistema Solare", ha detto Alan Stern del Southwest Research Institute (SwRI) a Boulder (Colorado), ricercatore principale della missione.

Una delle scoperte più emozionanti è la possibile presenza di criovulcani, ossia dei vulcani di ghiaccio che potrebbero aver eruttato un mix di acqua ghiacciata, azoto, ammoniaca o metano in un recente passato geologico. Le due montagne candidate, Wright Mons e Piccard Mons, sono caratteristiche larghe ed alte diversi chilometri.

"Si tratta di grandi montagne con un buco al vertice e sulla Terra questo generalmente significa una cosa, vulcano", ha detto Oliver White, ricercatore presso l'Ames Research Center di Moffett Field (California). "Se sono di origine vulcanica la depressione in cima si potrebbe essere formata attraverso il collasso del materiale sottostante. La strana consistenza corrugata dei fianchi della montagna potrebbe rappresentare delle colate vulcaniche di qualche tipo che hanno viaggiato dalla vetta verso le pianure, ma perché sono corrugati e di cosa siano fatti non lo sappiamo ancora", ha aggiunto.

Plutone - mappa topografica 3D

Mappa topografica di Plutone in cui sono stati indicati i due criovulcani candidati, Wright Mons e Piccard Mons.
I colori rappresentano l'elevazione del terreno: il blu le quote inferiori, il marrone quelle più elevate, i verdi le altezze intermedie.
Credits: NASA/JHUAPL/SwRI

I criovulcani, se confermati, saranno un importante elemento per l'evoluzione geologica ed atmosferica del pianeta nano di cui tener conto.

"Niente di simile è stato visto nel Sistema Solare esterno profondo", ha aggiunto Jeffrey Moore, geofisico e leader del team di imaging presso l'Ames.

D'altra parte, la complessa attività geologica, da antica a recente, che traspare dalle complesse topografie in superficie, è una delle più grandi sorprese per la missione.

Generalmente, per datare un pianeta o una luna, gli scienziati contano i crateri: più impatti ci sono e più la superficie è ritenuta antica. Ma su Plutone ci sono regioni che dimostrano tutta la loro età, circa quattro miliardi di anni, più o meno coincidente con la formazione del Sistema Solare; altre zone, invece, sono lisce e sembrano avere appena 10 milioni di anni. Come avevamo già visto, questo è il caso dell'enigmatica grande pianura priva di crateri "Sputnik Planum" che riempie la regione a forma di cuore, chiamata Tombaugh Regio in onore del suo scopritore Clyde William Tombaugh.

I dati più recenti hanno permesso di identificare anche territori di età intermedia. Ciò dimostra che la Sputnik Planum non è un'anomalia geologica ma solo il risultato più recente di processi che hanno rimodellato la superficie nel corso della storia di Plutone, il quale si è mantenuto in qualche modo attivo per 4 miliardi di anni.

"Abbiamo mappato più di un migliaio di crateri su Plutone che variano notevolmente in termini di dimensioni e di aspetto", ha detto Kelsi Singer dello SwRI.

Plutone - mappa dei crateri

Plutone - mappa dei crateri
Credits: NASA/JHUAPL/SwRI

I crateri di Plutone stanno aiutando gli scienziati a comprendere meglio anche l'evoluzione della Fascia di Kuiper.
Ad esempio, la scarsità di piccoli impatti, sia sul pianeta nano che sulla sua luna maggiore Caronte, dimostra che forse la presenza di piccoli oggetti in questa regione remota del Sistema Solare deve essere stata inferiore rispetto a quanto predetto da alcuni modelli. A sua volta, questa circostanza mette in dubbio anche la teoria secondo cui i corpi principali della Fascia di Kuiper si sono formati per accumulo di materiale minore.

Queste ipotesi saranno una partenza eccitante per l'incontro con il prossimo target di New Horizons, 2014 MU69, tra poco più di 3 anni.

La missione ha svelato anche l'intrigante mondo delle piccole lune di Plutone che, invece di mostrare sempre la stessa faccia al pianeta nano come fanno la maggior parte delle lune del Sistema Solare, compresa la nostra, rotolano caoticamente.
Il record spetta ad Idra, il satellite più distante, che gira bel 89 volte nel corso di una sola orbita attorno al pianeta nano.

Un'altra stranezza è che "le lune di Plutone si comportano come trottole", ha detto Mark Showalter del SETI Institute di Mountain View (California), riferendosi alle oscillazioni. Inoltre, alcune di loro, come Cerbero e Idra, sembrano essere nate dalla fusione di due o più corpi, lasciando ipotizzare che Plutone potrebbe aver avuto più lune in passato, a seguito del grande impatto che generò Caronte.

 

Press release:
- https://www.nasa.gov/press-release/four-months-after-pluto-flyby-nasa-s-new-horizons-yields-wealth-of-discovery

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Febbraio 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 26 Febbraio.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.