Sabato 10 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Cercando il Nono Pianeta: la Cassini partecipa alla caccia

Cercando il Nono Pianeta: la Cassini partecipa alla caccia
Credit: California Institute of Technology (Caltech)

Secondo un gruppo di astronomi francesi la sonda della NASA Cassini potrebbe essere ricordata non solo per la sua gloriosa missione nel sistema di Saturno ma potrebbe passare alla storia per il suo contributo nella ricerca del misterioso Nono Pianeta.

Nel mese di gennaio i ricercatori Mike Brown e Konstantin Batygin della celebre università statunitense California Institute of Technology (Caltech) avevano annunciato l'esistenza teorica di un altro pianeta, 10 volte più massiccio della Terra, in orbita 20 volte più lontano dal Sole rispetto a Nettuno, infiammando gli animi dei sostenitori di un fatidico mondo ai confini del Sistema Solare.

D'altra parte, come lo stesso Brown fa notare su un post nel suo blog, è dal 1800 che gli astronomi utilizzano la posizione ed i parametri orbitali dei pianti noti per individuarne altri, una tecnica che portò alla scoperta di Nettuno nel 1846 e Plutone nel 1930 (magicamente svelato di recente dalle splendide immagini sonda della NASA New Horizons). Ma per il cosiddetto Pianeta X (quando Plutone faceva ancora parte quella squadra!) o Nono Pianeta che sia la situazione è rimasta irrisolta per decenni ed ogni studio si è fermato sul piano teorico. Ciò nonostante, gli scienziati sono positivi e contano di confermare o smentire i modelli entro cinque anni al massimo con osservazioni mirate. In loro aiuto arriva la ricerca dal team francese, pubblicata sulla rivista Astronomy & Astrophysics letters il 22 febbraio, secondo cui l'esistenza di questo pianeta influenzerebbe il moto degli altri otto nel Sistema Solare. Il lavoro si basa sui dati della sonda Cassini e mira a restringere la zona di caccia!

Gli oggetti della Fascia di Kuiper, piccoli corpi simili a Plutone oltre Nettuno, hanno una distribuzione caratteristica che, secondo molti, è difficile da spiegare come pura casualità. Per Batygin e Brown tutto dipende dalla presenza del Nono Pianeta.
Utilizzando delle simulazioni numeriche, i due scienziati hanno determinato la possibile orbita di questo mondo, con un semiasse maggiore di 700 Unità Astronomiche (circa 100 miliardi di chilometri), molto eccentrica (e=0,6), inclinata di circa 30 gradi (i=30°) ma non sono stati in grado di produrre alcuna informazione su quella che dovrebbe essere la sua attuale posizione.

A partire dal 2003, Agnès Fienga dell'Observatoire de la Côte d'Azur e Jacques Laskar del CNRS hanno lavorato su un sistema di effemeridi planetarie, chiamato INPOP (Integration Numerique Planetaire de l'Observatoire de Paris), che calcola il moto dei pianeti con la massima precisione, basato su più di 150.000 misurazioni individuali dei corpi del Sistema Solare, tra cui più di 200 misurazioni effettuate dalla sonda Cassini nel corso di circa 10 anni di missione sulla distanza tra la Terra e Saturno, nota con un'incertezza inferiore ai 100 metri. La squadra ha così provato ad inserire nel modello INPOP il Nono Pianeta teorizzato dagli scienziati della Caltech. Nello studio, il team francese ha dimostrato che, a seconda della posizione del Nono Pianeta, dovrebbero manifestarsi una serie di perturbazioni indotte sull'orbita di Saturno di cui si dovrebbe aver riscontro analizzando i dati radio della Cassini.

Analisi dei dati radio dalla sonda Cassini

Analisi dei dati radio dalla sonda Cassini che forniscono una misura molto accurata della distanza Terra - Saturno.
Aggiungendo il Nono Pianeta al modello, le differenze tra i calcoli e le osservazioni si discostano di molto (linea blu) ma una volta ricarlocati tutti i parametri per il Sistema Solare, queste differenze sono notevolmente ridotte (in rosso). Discrepanze superiori al 10% indicano la non presenza del Nono Pianeta in quella zona (zona grigia).

In particolare, per un angolo rispetto al perielio inferiore a 85° o superiore a -65°, le perturbazioni indotte dal Nono Pianeta sono in contrasto con le distanze osservate dalla Cassini. Il risultato è lo stesso per il settore da -130° a -100°. Al contrario, questo rende plausibile la presenza del Nono Pianeta per un angolo rispetto al perielio tra 104° e 134°, con una probabilità massima sui 117° circa.

Nono Pianeta - posizione

La zona rossa C14 è stata esclusa analizzando i dati della Cassini fino al 2014; la zona rosa C20 è un ampliamento di C14 ottenuto estendendo i dati della Cassini fino al 2020. La zona verde è la più probabile con la migliore posizione a 117.8° (pallino blu P9). L'area bianca è incerta ed è dove le pertubazioni del Nono Pianeta sarebbero troppo deboli per essere rilevate.

A partire da quest'anno la sonda Cassini eseguirà un totale di 22 immersioni tra gli anelli di Saturno, fino ad arrivare all'ultima nell'atmosfera del paineta che decreterà la fine della missione a settembre 2017. Nel frattempo, però, Juno arriverà in orbita attorno a Giove e contribuirà a migliorare il modello INPOP. Con i prossimi dati, gli scienziati si aspettano di riuscire a stabilire la posizione del Nono Pianeta ancora con maggior precisione.

 

Approfondimenti:
- http://www.aanda.org/articles/aa/pdf/forth/aa28227-16.pdf

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Link al commento Livio Venerdì, 04 Marzo 2016 07:10 inviato da Livio

    Bellissima questa caccia astromica-matematica. All'inizio dell'astronomia si scoprivano gli oggetti celesti visivamente, se ne misuravano le posizioni e si interpolava un'orbita, mentre oggi accade il contrario, il che dice tutto. Voglio ricordare qui ciò che avete omesso sicuramente per motivi di spazio, ossia che quando calcolarono la posizione di Plutone avevano sbagliato delle misure astronomiche, quindi erano sbagliati anche i calcoli connessi e la scoperta alla fine risultò casuale, ma dell'abbaglio se ne accorsero solo 50 anni dopo :D. Ovviamente dal 1930 ne é stata fatta di strada...

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 8 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.