Scritto: Giovedì, 24 Luglio 2014 05:39 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Contrordine: la Voyager 1 potrebbe NON aver raggiunto lo spazio interstellare


Nel 2012 il team della missione Voyager 1 aveva annunciato che la sonda era ufficialmente diventata il primo veicolo spaziale costruito dall'uomo ad aver raggiunto lo spazio interstellare.

Dopo una serie di notizie contrastanti, infatti, i dati mostravano che la Voyager stava viaggiando, da circa un anno, nel plasma, o gas ionizzato, presente nello spazio interstellare. La sonda si trovava dunque in una sorta di zona di transizione, sempre all'interno del nostro Sistema Solare, ma al di fuori dell'eliosfera, ossia di quella gigantesca bolla dominata dal campo magnetico della nostra stella e dal vento solare.

Rate this item
(0 votes)

NASA Voyager 1: eliosfera diagramma

Credit: Southwest Research Institute

Nel 2012 il team della missione Voyager 1 aveva annunciato che la sonda era ufficialmente diventata il primo veicolo spaziale costruito dall'uomo ad aver raggiunto lo spazio interstellare.

Dopo una serie di notizie contrastanti, infatti, i dati mostravano che la Voyager stava viaggiando, da circa un anno, nel plasma, o gas ionizzato, presente nello spazio interstellare. La sonda si trovava dunque in una sorta di zona di transizione, sempre all'interno del nostro Sistema Solare, ma al di fuori dell'eliosfera, ossia di quella gigantesca bolla dominata dal campo magnetico della nostra stella e dal vento solare.

Ma nonostante siano passati due anni da quell'annuncio, le incertezze persistono ed alcuni sono convinti che la sonda si trovi ancora all'interno dell'eliosfera.

Ora, due scienziati del team Voyager hanno sviluppato un test che dovrebbe, una volta per tutte, chiarire la situazione.
Il loro studio è stato pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters dell'American Geophysical Union.

Secondo il nuovo documento, nei prossimi due anni, la sonda attraverserà una zona chiamata "current sheet", o foglio di corrente o corrente eliosferica diffusa, dove cambia la polarità del campo magnetico solare.
Quest'ultimo ruota in direzione opposta ai poli e i due settori sono separati appunto da una sorta di campo, spesso circa 10.000 chilometri, che si estende per miliardi di chilometri e può essere inteso come una superficie spianata che si protende verso l’esterno dall'equatore del Sole, in cui la lenta rotazione del campo magnetico solare induce una corrente elettrica.

Ebbene se la Voyager dovesse attraversare il foglio di corrente eliosferica, allora i membri del team dovrebbero rilevare un'inversione nel campo magnetico che circonda la sonda.
Si prevede che tale situazione debba verificarsi entro 1 o 2 anni al massimo: se ciò accadrà, vorrà dire che la Voyager 1 si trova ancora all'interno dell'eliosfera, diversamente, sarà la conferma che sta già viaggiando nello spazio interstellare.

L'elemento determinante, che aveva convinto gli scienziati nel ritenere che la sonda aveva raggiunto lo spazio interstellare, è stato la densità del plasma, 40 volte superiore rispetto a quello incontrato nello strato esterno dell'eliosfera.

Ma in base ai modelli un oggetto in uscita dall'eliopausa dovrebbe sperimentare tre situazioni:
un forte aumento delle collisioni dei raggi cosmici
un calo drammatico delle particelle provenienti dal Sole
un cambiamento nella direzione del campo magnetico circostante

Ed è proprio quest'ultimo punto il pomo della discordia perché il cambiamento che tutti si aspettavano, non è ancora arrivato.
"Questa polemica continuerà fino a quando non avremo dei dati", ha detto Gloeckler, che ha lavorato alla missione Voyager dal 1972.

Gloeckler e il co-autore, Len Fisk, professore di scienze atmosferiche, oceaniche e spaziali presso l'Università del Michigan, stanno basando il loro test su un modello sviluppato all'inizio di quest'anno e pubblicato sulla rivista The Astrophysical Journal.

ON WHETHER OR NOT VOYAGER 1 HAS CROSSED THE HELIOPAUSE [abstract]

The Voyager 1 spacecraft is currently in the vicinity of the heliopause, which separates the heliosphere from the local interstellar medium. There has been a precipitous decrease in particles accelerated in the heliosphere, and a substantial increase in galactic cosmic rays (GCRs), suggesting easy escape of the former across the heliopause, and entry of the latter. The question is, has Voyager 1 actually crossed the heliopause and is it now in the interstellar medium? We contend that the evidence is inconclusive. The direction of the magnetic field observed by Voyager 1 is unchanged from the direction of the heliospheric magnetic field, and different from the expected direction of the interstellar magnetic field. However, the plasma density, which is measured from observations of plasma waves, is similar to the expected interstellar density and much larger than the solar wind plasma density observed by Voyager 2 (which has a working plasma detector) at smaller heliocentric distances than Voyager 1. In this paper, an analytic model is presented that is based upon and is consistent with all Voyager observations, and in which the higher plasma densities measured by Voyager 1 are due simply to compressed solar wind. Thus both the magnetic field and the plasma density observations are consistent with Voyager 1 still remaining well within the heliosheath. The model has a simple test: Voyager 1 should encounter a magnetic sector boundary crossing, where the behavior of particles accelerated in the heliosphere and the GCRs will be different from what Voyager 1 is now observing.

In pratica, sencodo i due ricercatori, la densità del plasma rilevata è dovuta al fatto che, ai confini dell'eliosfera, il vento solare rallenta e di conseguenza può essere compresso.

In ogni caso, non bisognerà attendere poi molto per verificare la nuova teoria, probabilmente tutto potrebbe svolgersi entro il 2015.

Il lato positivo è che sono tutti abbastanza in accordo nel considerare questo modello un buon test per mettere fine alla diatriba. D'altra parte, una conferma in tal senso aprirà la strada anche a nuove considerazioni.
Se i dati convalideranno le ipotesi di Gloeckler e Fisk, bisognerà allora capire se la Voyager non è mai passata realmente allo spazio interstellare o se è l'eliosfera che si sta espandendo, inglobando nuovamente la sonda.

Read 4240 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 novembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/11 - Sol 710] - Meteor...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 21 novembre [updated on Nov,19]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 23 Novembre [Last upda...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 23 Novembre [Last upda...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista