Scritto: Sabato, 29 Giugno 2013 09:46 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Spazio, ultima frontiera. Questi sono i viaggi della Voyager 1 alla ricerca di strani nuovi mondi...


Il 27 giugno, sulla rivista Science è stato pubblicato un ultimo report sul viaggio della sonda della NASA Voyager 1, ottenuto combinando i dati dello scorso anno con quelli di aprile 2013.

La sonda, oramai ad oltre 18,5 miliardi di chilometri dal Sole, è il primo oggetto costruito dall'uomo prossimo a raggiungere lo spazio interstellare.

Rate this item
(0 votes)

Voyager 1 ai confini del Sistema Solare

Credit: NASA/JPL-Caltech

Il 27 giugno, sulla rivista Science è stato pubblicato un ultimo report sul viaggio della sonda della NASA Voyager 1, ottenuto combinando i dati dello scorso anno con quelli di aprile 2013.

La sonda, oramai ad oltre 18,5 miliardi di chilometri dal Sole, è il primo oggetto costruito dall'uomo prossimo a raggiungere lo spazio interstellare.

Da uno degli ultimi tweet, del 28 giugno:

La Voyager 1 sta attraversando quella che dovrebbe essere l'ultima regione dell'eliosfera, ossia della bolla magnetica intorno al nostro Sole.

I documenti descrivono l'ingresso della sonda in una zona particolare chiamata autostrada magnetica, in cui le particelle energetiche cambiano radicalmente: qui, si nota un aumento considerevole delle particelle cariche ad alta energia provenienti dallo spazio interstellare fluire verso l’interno, mentre quelle che hanno origine nella nostra eliosfera tendono a sfuggire via lungo le linee del campo magnetico.

Gli scienziati si aspettato che quando la Voyager 1 abbandonerà definitivamente il nostro Sistema Solare, si verificheranno tre condizioni:

  • un forte aumento delle collisioni dei raggi cosmici
  • un calo drammatico delle particelle provenienti dal Sole
  • un cambiamento nella direzione del campo magnetico circostante

L'ultimo segnale ancora non è stato rilevato.

"Questa strana e nuova regione dello spazio interstellare è venuta alla luce grazie alla Voyager 1, l'esploratore più distante del genere umano", ha dichiarato Ed Stone, scienziato del progetto Voyager al California Institute of Technology di Pasadena.
"Se guardiamo solo i raggi cosmici ed i dati sulle particelle energetiche si potrebbe pensare che la Voyager abbia raggiunto lo spazio interstellare, ma il team della Voyager 1 pensa che non sia così perché siamo ancora nel dominio del campo magnetico del Sole".

In effetti, questi dati avevano generato un po' di confusione nel mese di marzo, quando l'American Geophysical Union aveva accettato la pubblicazione di uno studio in cui si confermava che la sonda era uscita dall'eliosfera.

Gli scienziati, invece, non sanno esattamente quando accadrà: potrebbero volerci mesi oppure anche anni, considerato che l'eliosfera si estende per almeno 13 miliardi chilometri al di là tutti i pianeti del nostro Sistema Solare.

Le sue sonde gemelle Voyager 1 e Voyager 2 sono stati lanciate nel 1977. Hanno fatto un giro Giove, Saturno, Urano e Nettuno nel corso della loro missione interstellare.

La Voyager 2 si trova ora a 15 miliardi di chilometri dal Sole, ancora ben all'interno dell'eliosfera mentre la Voyager 1 si trovava a 18 miliardi di chilometri dalla nostra stella, lo scorso 25 agosto quando è entrata in questa nuova regione, l'autostrada magnetica.

Read 3267 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 novembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 21 novembre [updated on Nov,19]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 23/11 - Sol 708] - Meteor...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 23 Novembre [Last upda...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 23 Novembre [Last upda...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista