Scritto: Mercoledì, 06 Agosto 2014 12:58 Ultima modifica: Lunedì, 19 Gennaio 2015 06:22

Fine di un viaggio, inizio di un'avventura: la sonda dell'ESA Rosetta ha raggiunto la cometa 67P


Dopo un viaggio di dieci anni, cinque mesi e quattro giorni, oggi la sonda dell'ESA Rosetta ha raggiunto la sua meta, la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.

Da poco si è concluso l'evento online organizzato dall'ESA per seguire in diretta l'ultima delle delle dieci correzioni di orbita, Orbit Correct Manoeuvres (OCMs), iniziate il 7 maggio scorso.

Rate this item
(0 votes)

Ora, finalmente, 67P, Rosetta e Philae viaggiano insieme ad una velocità di circa 55.000 chilometri all’ora, a 405 milioni di chilometri dalla Terra.

Una breve ma cruciale accensione dei propulsori, iniziata alle 11:00 UTC e durata solo 6 minuti e 26 secondi, ha portato la sonda in orbita attorno alla cometa. I comandi erano stati inviati durante la notte del 4 agosto. Ma la conferma dalla telemetria è arrivata dopo 22 minuti e 29 secondi, un tempo interminabile durante la diretta nonostante le interviste e i filmati.

ESA Rosetta 6 agosto - screenshot

Il segnale di conferma è stato ricevuto dalla stazione a New Norcia in Australia, una delle tre principali stazioni dell'ESA insieme a Cebreros in Spagna e Malargüe in Argentina, e poco dopo nella sala operativa ESA-ESOC a Darmstadt: Rosetta l'ha fatta tagliando un traguardo storico!

Jean-Jacques Dordain, Direttore Generale ESA, ha dichiarato:
"Questa è la vostra unica possibilità per assistere ad una navicella spaziale che raggiunge una cometa".
"Dopo 10 anni, 5 mesi e 4 giorni di viaggio, con 5 giri intorno al Sole e 6,4 miliardi di chilometri percorsi, finalmente ci siamo. Rosetta è ora la prima sonda nella storia ad aver incontrato una cometa: le scoperte possono iniziare".

Adesso Rosetta continuerà ad orbitare intorno a 67P seguendo dei percorsi triangolari, con lati di circa 100 chilometri. La sonda impiegherà dai 3 ai 4 giorni per completarne uno. Ad ogni vertice accenderà brevemente i propulsori per piegare verso il lato successivo.
Quest'orbita permetterà agli scienziati di vedere il nucleo con angoli di illuminazione diversi, di mappare il terreno e il campo gravitazionale della cometa. Con questi dettagli in mano, il team di missione potrà far scendere Rosetta di quota, seguendo un'orbita circolare più convenzionale. il percorso verrà progressivamente abbassato fino a quando la gravità di 67P non catturerà la sonda e questo accadrà a circa 10 chilometri di altezza.

ESA Rosetta - schema orbita

Source: www.newscientist.com

Matt Taylor, project scientist di Rosetta all'ESA in Olanda, aveva dichiarato:
"la nostra è una corsa contro il tempo per conoscere la cometa e selezionare il sito di atterraggio. Dobbiamo atterrare prima che la cometa diventi troppo attiva".
"Non vogliamo atterrare troppo vicino al collo perché abbiamo bisogno delle migliori comunicazioni con l'orbiter e di massimizzare la luce del Sole per far sopravvivere il lander più a lungo possibile".

Una suggestiva animazione composta da 101 frame ripresi con la Navigation Camera di Rosetta, dal 1 agosto alle 11:07 UTC da una distanza di 832 chilometri, fino ad oggi alle 06:07 UTC, è stata presentata durante la diretta ed è ora disponibile online.

ESA Rosetta NavCam dal 1 al 6 agosto

Credits: ESA/Rosetta/Navcam

Ma ancora più emozionanti sono le ultime immagini della Narrow Angle Camera di OSIRIS del 3 agosto riprese da una distanza di 285 chilometri con una risoluzione di 5,3 metri / pixel; mentre un'altra vista del 2 agosto, scattata da una distanza di 550 chilometri con un filtro sulla lunghezza d'onda di 631,6 nm (ossigeno), a banda stretta (4 nm), mette in risalto la chioma.

ESA Rosetta - OSIRS Narrow Angle Camera 2 e 3 agosto

Credit: Marco Di Lorenzo

La posizione del nucleo nella nuova immagine della chioma a lunga esposizione non è perfettamente coincidente con lo scatto della NavCam già pubblicato online, sempre del 2 agosto ma, Marco Di Lorenzo ha provato a fonderle insieme ottenendo una buona ricostruzione di come 67P, completa di chioma, doveva apparire quel giorno.

67P nucleo e chioma 2 agosto 2014

Credits: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA/NavCam/Marco Di Lorenzo

E mentre sto concludendo l'articolo, continuano ad arrivare nuove immagini assolutamente da non perdere!

La prima ripresa oggi dalla Narrow Angle Camera di OSIRIS da una distanza di 130 chilometri con una risoluzione di 2,4 metri per pixel e la seconda da una distanza di 120 chilometri, con una risoluzione di 2,2 metri per pixel.

ESA Rosetta OSIRIS NavCam - 6 agosto

ESA Rosetta OSIRIS narrow-angle camera 6 agosto

Credits: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

La press release dell'evento è disponibile sul sito ESA al seguente link: http://www.esa.int/For_Media/Press_Releases/Rosetta_arrives_at_comet_destinationhttp://www.esa.int/For_Media/Press_Releases/Rosetta_arrives_at_comet_destination 

Aggiornameto 8 agosto 2014 7:00

Per chi non avesse visto la diretta ecco il video.

Read 4467 times Ultima modifica Lunedì, 19 Gennaio 2015 06:22
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS