Scritto: Giovedì, 24 Settembre 2020 05:36 Ultima modifica: Giovedì, 24 Settembre 2020 06:51

Un aurora per Chury


A quattro anni dalla fine della missione dell'ESA Rosetta, gli scienziati hanno scoperto che la cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko è circondata da un'aurora ultravioletta. Questa è la prima volta in cui le emissioni aurorali vengono osservate attorno ad un corpo diverso da un pianeta o una luna.

Rate this item
(0 votes)
Rosetta NavCam 67P 20 November 2014 (https://flic.kr/p/pVCmb5) Rosetta NavCam 67P 20 November 2014 (https://flic.kr/p/pVCmb5) More: bit.ly/15EurD8 - Image: ESA/Rosetta/NAVCAM, CC BY-SA IGO 3.0 - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today, CC BY-SA IGO 3.0

Le aurore sono un vero spettacolo della natura, ovunque si verifichino e qualunque sia la causa.
Sulla Terra vengono chiamate comunemente aurore polari perché sono fenomeni che si verificano intorno ai poli e alle alte latitudini del nostro pianeta. Si formano a causa dell'interazione delle particelle cariche provenienti dal Sole con la ionosfera terrestre, ossia la fascia di atmosfera compresa tra 100 e 500 chilometri di quota. Protoni ed elettroni arrivano con il vento solare: parte di essi "scivolano" sulla magnetosfera e proseguono oltre, altri riescono a penetrare fino alla ionosfera nel punto in cui le linee di forza della magnetosfera terrestre si chiudono riducendo l’effetto schermante, ossia ai poli. Questa interazione eccita le particelle cariche degli strati superiori dell'atmosfera terrestre che si "accendono" per ionizzazione: lo scambio di elettroni tra gli atomi genera energia sotto forma di fotoni nello spettro visibile, ossia luce. I diversi colori che vediamo dipendono dai gas interessati dal processo: ognuno risponde ad una caratteristica lunghezza d'onda e quindi produce un colore specifico.

Altrove nel sistema solare, Giove e alcune delle sue lune, così come Saturno, Urano, Nettuno e persino Marte hanno tutti esibito la propria versione dell'aurora boreale. Ma il fenomeno ancora non era mai stato osservato sulle comete.

La sonda dell'ESA Rosetta ha esplorato la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko (67P/C-G) da agosto 2014 fino al giorno della sua tragica fine a settembre 2016.
Ora, una nuova analisi dei dati ha reinterpretato quello che gli scienziati avevano inizalmente definito "bagliore diurno", un processo causato da fotoni della luce solare che interagiscono con l'involucro di gas noto come chioma. Secondo il nuovo studio, pubblicato su Nature Astronomy, si tratterebbe invece di emissioni di natura aurorale. In questo caso, gli elettroni che fluiscono con il vento solare, interagiscono con il gas nella chioma della cometa, rompendo l'acqua e altre molecole. Gli atomi risultanti emettono una luce distintiva ultravioletta, invisibile a occhio nudo.

"Il bagliore che circonda il 67P/C-G è unico nel suo genere", ha affermato Marina Galand dell'Imperial College di Londra, autrice principale del documento. "Collegando i dati di numerosi strumenti Rosetta, siamo stati in grado di ottenere un quadro migliore di ciò che stava accadendo. Questo ci ha permesso di identificare in modo inequivocabile come si formano le emissioni atomiche ultraviolette della cometa".

"Rosetta continua ed essere un dono", ha detto Paul Feldman, co-autore della ricerca e scienziato del team di Alice, lo strumento che aveva rilevato la quantità e l'energia degli elettroni vicino la sonda. "Il tesoro di dati che ha restituito durante la sua visita di due anni sulla cometa ci ha permesso di riscrivere il libro su questi abitanti più esotici del nostro sistema solare e, a detta di tutti ci sarà molto di più in arrivo".

Altre informazioni su questo articolo

Read 90 times Ultima modifica Giovedì, 24 Settembre 2020 06:51
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/10 - Sol 679] - Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista