Scritto: Venerdì, 01 Luglio 2016 17:24 Ultima modifica: Sabato, 02 Luglio 2016 07:32

Rosetta si prepara al gran finale


Rosetta è ormai alla fine della sua avventura. La sonda, invecchiata dopo 12 anni nello spazio ed impolverata dopo due anni passati a fianco di Chury, sta accompagnando ancora la cometa verso l'orbita di Giove, dove l'energia solare a disposizione per operare è ridotta drasticamente e il downlink dei dati scientifici soffre di una riduzione di banda.

Rate this item
(0 votes)
La posizione di Rosetta al 2 luglio 2016 La posizione di Rosetta al 2 luglio 2016 Fonte: http://sci.esa.int/where_is_rosetta/

Nel viaggio di andata la sonda era stata messa in ibernazione per 31 mesi mentre questa volta sta continuando a seguire attivamente la cometa 67P/Churyumov–Gerasimenko. Ma invece di rischiare un letargo dal quale forse non si sarebbe più risvegliata, già nel 2014, il team decise che la navicella avrebbe raggiunto con una discesa controllata il piccolo lander Philae sulla superficie della cometa il 30 settembre 2016, decretando la fine della missione.

Le ultime ore di vita consentiranno a Rosetta di prendere molti dati scientifici ed anche molte immagini ad alta risoluzione.
"30 settembre segnerà la fine delle operazioni spaziali ma l'inizio della fase in cui l'attenzione delle squadre sarà pienamente focalizzata sulla scienza. Abbiamo anni di lavoro davanti a noi per analizzare a fondo i dati", ha detto nel report Matt Taylor, project scientist della missione all'ESA.

Il team inizierà a modificare la traiettoria della sonda ad agosto in vista del gran finale, in modo da avvicinarsi al nucleo con una serie di orbite ellittiche.
"La pianificazione di questa fase è in realtà molto più complessa di quanto non fosse l'atterraggio di Philae", ha dichiarato Sylvain Lodiot, a capo delle operazioni. "Le ultime sei settimane saranno molto impegnative volando in orbite eccentriche intorno alla cometa che saranno ancora più rischiose della discesa finale stessa".
"Più ci avvicineremo alla cometa e più sentiremo la sua influenza gravitazionale non uniforme. Questo richiederà maggior controllo sulla traiettoria e quindi più manovre. I nostri cicli di pianificazione dovranno essere eseguiti in tempi molto più brevi".

Circa 12 ore prima dell'impatto, la sonda sarà a 20 chilometri dal nucleo ma la regione su cui questo dovrà avvenire è ancora in discussione.
In generale, tuttavia, si prevede che il touchdown avverrà a 50 centimetri al secondo, circa la metà della velocità nell'atterraggio di Philae a novembre del 2014.

In ogni caso, l'antenna ad alto guadagno probabilmente non sarà rivolta verso la Terra al momento dell'impatto, rendendo praticamente impossibili eventuali comunicazioni anche in caso di sopravvivenza della sonda.

Nel frattempo, le attività scientifiche proseguiranno con tutti i rischi che comportano, come il safe-mode subito a soli 5 chilometri dalla cometa un mese fa. "Come sempre, dobbiamo essere preparati per il inaspettato", ha concluso Patrick Martin, responsabile della missione.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1417 times Ultima modifica Sabato, 02 Luglio 2016 07:32
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 1 Giugno

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 1 Giugno sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 1/6/20 - Sol 537] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS