Scritto: Lunedì, 20 Giugno 2016 07:41 Ultima modifica: Lunedì, 20 Giugno 2016 18:43

Tra i gas nobili di Chury anche kripton e Xeno


La sonda dell'ESA Rosetta ha rilevato anche kripton e xeno tra i gas nobili della chioma della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, mentre volava a meno di 10 chilometri dal nucleo lo scorso mese.

Rate this item
(0 votes)
kripton e Xeno misurati da ROSINA a maggio 2016 kripton e Xeno misurati da ROSINA a maggio 2016 Courtesy Kathrin Altwegg.

"I gas nobili provenienti dal nucleo sfuggono molto facilmente nello spazio attraverso la sublimazione quindi rilevarli è difficile se non si è abbastanza vicino da annusarli appena vengono emessi", ha detto nel report Kathrin Altwegg, principale ricercatrice dello strumento ROSINA che ha presentato i risulti alla riunione della Royal Society a Londra.
Perciò "avevamo visto accenni sporadici di kripton volando brevemente a 12 chilometri di distanza i primi di marzo ma la conferma è stata possibile solo grazie al lungo periodo di osservazione durante queste orbite strette".

Dei gas nobili presenti in natura, elio, neon, argon, kripton, xeno e radon, Rosetta aveva già rilevato l'argon ad ottobre 2014 quando volava a 10 chilometri dal nucleo. Da allora, la cometa ha attraversato il perielio, cioè il momento di maggiore attività, costringendo la sonda ad allontanarsi a centinaia di chilometri per diversi mesi. Ma ora, che può, avvicinarsi di nuovo la ricerca di questi gas rari può proseguire.
"Le firme isotopiche di questi e di altri gas funzionano come traccianti per individuare i blocchi originari della cometa, come comprendere meglio le proprietà fisiche e chimiche dell'ambiente in cui si è formata. Come tali, rilevarli è un obiettivo chiave della missione Rosetta", ha aggiunto Altwegg. I gas nobili, infatti, raramente reagiscono chimicamente con altri elementi per formare molecole, soprattutto rimanendo in uno stato atomico stabile e, quindi, sono rappresentativi dell'ambiente attorno alle giovani stelle dove nascono i pianeti, le comete e gli asteroidi.

La loro abbondanza e le concentrazioni isotopiche possono essere confrontate con i valori conosciuti per la Terra e per Marte, per il vento solare ed i meteoriti. Inoltre, la loro presenza nelle atmosfere dei pianeti rocciosi è controllata dalla prima fase di evoluzione planetaria, dall'attività di degassamento, perdita atmosferica ed attività geologica e/o dalla consegna tramite bombardamento di comete ed asteroidi. Di conseguenza, il loro studio per quanto riguarda le comete può fornire informazioni anche su tali processi ed aiutare a comprendere il loro ruolo nell'apporto di gas nobili nei pianeti stessi.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1313 times Ultima modifica Lunedì, 20 Giugno 2016 18:43
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 1 Giugno

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 1 Giugno sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 1/6/20 - Sol 537] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS