Scritto: Giovedì, 02 Giugno 2016 18:18 Ultima modifica: Giovedì, 02 Giugno 2016 20:40

Rosetta in safe mode a 5 km dal nucleo!


Durante il fine settimana, Rosetta è entrata in modalità di emergenza a soli 5 km dalla superficie della cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko. Fortunatamente, il contatto con la sonda è stato ristabilito ed è già iniziata la prevista manovra di allontanamento dal nucleo.

Rate this item
(0 votes)
porzione di immagine ripresa poco prima del safe mode sabato mattina, a sinistra il "contesto" dell'immagine sul modello digitale cometario. porzione di immagine ripresa poco prima del safe mode sabato mattina, a sinistra il "contesto" dell'immagine sul modello digitale cometario. Credit: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA - processing: M. Di Lorenzo (DILO)

"Abbiamo perso il contatto con la sonda il Sabato sera per quasi 24 ore," afferma Patrick Martin, Rosetta responsabile della missione dell'ESA. "L'analisi preliminare effettuata dal nostro team di dinamica del volo suggerisce che i sensori stellari abbiano utilizzato una "falsa stella", ovvero sono stati confusi da un grano di polvere cometaria, come è già successo in passato".

ROS Startrackers 350x200

Image credit: ESA/ATG medialab >>>

 I sensori stellari della sonda (evidenziati in rosso nell'immagine accanto) vengono usati per navigare e aiutare a controllare l'assetto del veicolo spaziale. Essi utilizzano una funzione di riconoscimento automatico di immagini stellari e forniscono i dati al sistema "Attitude and Orbit Control and Measurement Subsystem" di bordo per mantenere l'orientamento della sonda rispetto alle stelle.

 Gli "star trackers" permettono dunque al veicolo di conoscere il suo assetto rispetto al Sole e la Terra, assicurando il corretto orientamento dell'antenna ad alto guadagno e dei pannelli solari. Se questo orientamento viene perso, c'è il rischio che le comunicazioni con il veicolo spaziale si interrompano. In realtà,  quando i sensori stellari non funzionano, l'assetto del veicolo viene affidato ai giroscopi, ma in questa modalità l'orientamento può andare incontro a una lenta deriva, soprattutto se il veicolo spaziale si sta spostando rapidamente.

 Lavorando vicino alla cometa il veicolo spaziale è circondato da molta polvere e, anche se l'attività della cometa è diminuita in modo significativo dal perielio di agosto, l'ambiente è ancora abbastanza polveroso da poter ingannare i sensori stellari. Qualcosa di simile era già successo in un paio di occasioni oltre un anno fa, come abbiamo raccontato.

 L'immagine in apertura, con una scala di soli 13 cm/pixel, è una porzione di una spettacolare vista ripresa dalla Osiris Narrow-Camera con un filtro arancione alcune ore prima dell'evento  di "safe mode". Essa mostra, in alto, un paio di punti luminosi contro il cielo scuro che potrebbero essere appunto grani di polvere di aspetto stellare.

 Come al solito, in una modalità di emergenza gli strumenti scientifici vengono commutati automaticamente, consentendo agli operatori di missione di prendere le misure necessarie per recuperare completamente il controllo del veicolo e, successivamente, riprendere le operazioni scientifiche. Prima del "safe mode", il piano per questa settimana era quello di spostarsi su un'orbita a 30 km dalla cometa a partire da Mercoledì 1 giugno. In effetti, secondo l'ultimo aggiornamento di oggi, il trasferimento di orbita è iniziato come previsto, ieri mattina, con una manovra di correzione orbitale che porterà Rosetta a 30 km Venerdì sera (la manovra di inserimento in orbita è prevista per 01:40 GMT Sabato).

 Gli strumenti della sonda sono ora di nuovo operativi, come dimostra questa porzione di immagine della "wide-Camera" scattata ieri mattina da una distanza di 8.3 km e qui riscalata a 1 m/pixel.

Chury 01

Credit: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA - processing: M. Di Lorenzo (DILO)

 "E 'stato un fine settimana molto drammatico", ha detto il direttore delle operazioni spaziali Sylvain Lodiot. I tecnici hanno inviato dei comandi "alla cieca" nella speranza che il veicolo fosse in grado di riceverli ed eseguirli, come effettivamente è stato. "Confermo che lo stato navicella è tornato quello normale, con gli strumenti nuovamente in modalità scientifica", ha dichiartato Martin.

 Questa drammatica esperienza è l'ennesimo duro monito sui pericoli associati al sorvolo ravvicinato della cometa,  mettendo in evidenza i rischi che la navicella dovrà affrontare durante le ultime settimane della missione, il prossimo autunno, quando scenderà ancora più vicino alla cometa.

 In questo momento, la 67P/Churyumov-Gerasimenko (e quindi anche Rosetta) è a 428 milioni di km da Terra e 468 milioni di km dal Sole, dunque tra le orbite di Marte e Giove, la velocità è di 17.65 km/s.

 

Fonti: http://blogs.esa.int/rosetta/2016/05/30/rosetta-safe-mode-5-km-from-comet/   http://phys.org/news/2016-06-europe-comet-orbiter-silence.html#jCp

Read 1411 times Ultima modifica Giovedì, 02 Giugno 2016 20:40
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS