Scritto: Mercoledì, 16 Marzo 2016 09:08 Ultima modifica: Mercoledì, 16 Marzo 2016 17:13

Una bolla priva di campo magnetico circonda Chury


Quando la sonda Giotto aveva sorvolato la cometa di Halley tre decenni fa, aveva scoperto una vasta regione priva di campo magnetico estesa per oltre 400 chilometri dal nucleo, confermando qualcosa che gli scienziati sospettavano da tempo ma non avevano mai osservato direttamente. Ora anche i dati di Rosetta mostrano che attorno alla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko c'è una grande bolla dove il campo magnetico è assente.

Rate this item
(0 votes)
Una rappresentazione artistica della cavità diamagnetica attorno alla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Una rappresentazione artistica della cavità diamagnetica attorno alla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Credit: ESA–C.Carreau

Lo spazio interplanetario è permeato dal vento solare, il flusso di particelle elettricamente cariche che arriva dal Sole e che trasporta il suo campo magnetico in tutto il Sistema Solare. Dall'altra parte, le comete riversano molto gas lungo il loro percorso che si scontra e ostruisce il vento solare stesso. Nel punto di interazione le particelle della chioma vengono ionizzate creando una barriera in grado di rallentare e deviare il vento solare, evitando che questo impatti direttamente con il nucleo. Tale situazione può portare alla formazione di una zona priva di campo magnetico attorno alla cometa, chiamata "cavità diamagnetica".

Durante il 2015, l'aumento dell'attività di Chury era diventato un problema per la navigazione di Rosetta, costringendo il team a scegliere traiettorie più lontane. A luglio 2015, ossia poche settimane prima del perielio, la sonda si trovava a circa 170 chilometri di distanza dal nucleo. Una posizione che ha permesso agli scienziati di rilevare e studiare la cavità diamagnetica.

Charlotte Götz, autrice principale dello studio pubblicato sulla rivista Astronomy and Astrophysics, dell'Institute for Geophysics and extraterrestrial Physics di Braunschweig  (Germania), ha commentato nel report: "avevamo quasi rinunciato a trovare la cavità diamagnetica, per questo siamo rimasti stupiti quando l'abbiamo vista".
Il documento descrive la bellezza di oltre 700 rilevamenti effettuati nella regione senza alcun campo magnetico a partire da giugno 2015.
L'osservazione è stata possibile grazie al magnetometro della suite RPC-MAG (Rosetta’s Plasma Consortium MAGnetometer).

Cavità diamagnetica

Scoperta della cavità diamagnetica attorno alla cometa 67P/Churyumov–Gerasimenko.
Copyright ESA/Rosetta/RPC/IGEP/IC

"Siamo stati in grado di rilevare la cavità e, in molte occasioni, si è mostrata molto più grande e dinamica di quanto ci aspettassimo", ha aggiunto Charlotte.

Per spiegare le misure inaspettate, il team ha iniziato a scandagliare ogni possibile anomalia tra i dati degli altri strumenti di Rosetta, come le immagini della fotocamera OSIRIS e le rilevazioni di ROSINA (Rosetta Orbiter Spectrometer for Ion and Neutral Analysis).
Dall'analisi è emerso che, mentre il rilevamento del 29 luglio si è verificato in concomitanza di un forte sfogo di gas e polveri, tutte le altre misurazioni non sono state accompagnate da alcuna apprezzabile attività di degassamento. Un fatto davvero strano perché come ha fatto notare il co-autore Karl-Heinz Glassmeier, ricercatore principale RPC-MAG presso la Technische Universität Braunschweig in Germania, per ottenere nelle simulazioni una cavità diamagnetica così grande sarebbe stata necessaria un'attività di degassamento almeno 10 volte superiore.

La spiegazione più probabile sembra perciò risiedere nella natura dinamica del confine della cavità.
I confini tra le regioni di plasma con diverse proprietà sono spesso instabili e piccole oscillazioni possono verificarsi dove il vento solare incontra la zona priva di campo magnetico sul lato della cometa illuminato dal Sole. Queste oscillazioni si propagano e vengono amplificate lungo il confine, in direzione opposta alla nostra stella, causando una probabile crescita della cavità. Tale instabilità spiegherebbe anche perché le misurazioni delle regioni prive di campo magnetico sono sporadiche ed interessano solo brevi lassi di tempo, con la più lunga registrata nel mese di novembre durata per circa 40 minuti.

"Quello che abbiamo visto non è la parte principale della cavità ma le tasche più piccole al confine della cavità, che sono talvolta spinte più lontano dal nucleo dalle onde che si propagano lungo il confine", ha aggiunto Charlotte.

Ora gli scienziati stanno analizzando tutti gli eventi registrati per cercare di comprendere al meglio le proprietà del plasma nell'ambiente cometario e la sua interazione con il vento solare.
Dopo il perielio, quando la cometa si è allontanata dal Sole ed il tasso di emissione di gas e polvere è diminuito, il veicolo spaziale ha potuto avvicinarsi di nuovo al nucleo, con il magnetometro che ha continuato le rilevazioni della cavità diamagnetica per diversi mesi, fino all'ultima a febbraio 2016.

First detection of a diamagnetic cavity at comet 67P/Churyumov-Gerasimenko [abstract]

Context. The Rosetta magnetometer RPC-MAG has been exploring the plasma environment of comet 67P/Churyumov-Gerasimenko since August 2014. The first months were dominated by low-frequency waves which evolved into more complex features. However, at the end of July 2015, close to perihelion, the magnetometer detected a region that did not contain any magnetic field at all.
Aims. These signatures match the appearance of a diamagnetic cavity as was observed at comet 1P/Halley in 1986. The cavity here is more extended than previously predicted by models and features unusual magnetic field configurations, which need to be explained.
Methods. The onboard magnetometer data were analyzed in detail and used to estimate the outgassing rate. A minimum variance analysis was used to determine boundary normals.
Results. Our analysis of the data acquired by the Rosetta Plasma Consortium instrumentation confirms the existence of a diamagnetic cavity. The size is larger than predicted by simulations, however. One possible explanation are instabilities that are propagating along the cavity boundary and possibly a low magnetic pressure in the solar wind. This conclusion is supported by a change in sign of the Sun-pointing component of the magnetic field. Evidence also indicates that the cavity boundary is moving with variable velocities ranging from 230−500 m/s.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1745 times Ultima modifica Mercoledì, 16 Marzo 2016 17:13
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2 commenti

  • Comment Link Elisabetta Bonora Giovedì, 17 Marzo 2016 07:53 posted by Elisabetta Bonora

    Ciao Claudio,
    potrebbe essere, l'idea non è da scartare ma almeno per ora, gli autori, che hanno i dati in mano, non sembrano mettere in relazione le variazioni ed il dinamismo ad un trend orario, come mi aspetterei se la forma e la dimensione della “bolla” fosse in qualche modo relazionata alla alla rotazione del nucleo con tutte le sue asimmetrie. Dall'altra parte ciò potrebbe anche dipendere dalle misurazioni raccolte che, per quanto numerose, potrebbero non essere ancora sufficienti ad avere un quadro completo.

  • Comment Link Claudio Costerni Mercoledì, 16 Marzo 2016 14:52 posted by Claudio Costerni

    La forma e la dimensione così irregolari, instabili, dinamiche, effervescenti di questa bolla potrebbe essere in qualche modo il risultato anche dell'interazione tra forma fortemente assimetrica del corpo di Chury (al di là del macroscopico degassamento) ...

    - che assieme alla rotazione della cometa stessa, genera perturbazioni locali di varia natura, interne, di superficie ed esterne -

    ... e flussi variabili del vento solare, anch'essi piuttosto irregolari per densità ed intensità?

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS