Scritto: Martedì, 23 Febbraio 2016 19:51 Ultima modifica: Giovedì, 25 Febbraio 2016 15:16

Rosetta: ultimo valzer con la cometa


Questo mese la sonda europea ha ricominciato ad avvicinarsi al nucleo della Churyumov–Gerasimenko, riprendendo immagini sempre più dettagliate da 40 km e anche meno.

Rate this item
(0 votes)
Singolo frame ripreso dalla NavCam lo scorso 10 Febbraio, mentre rosetta era a 51 km dal nucleo della 67P/Churyumov-Gerasimenko. La scala è 4.3 m/pixel e l'intera immaegine abbraccia un'area di 4.4 km di lato. Singolo frame ripreso dalla NavCam lo scorso 10 Febbraio, mentre rosetta era a 51 km dal nucleo della 67P/Churyumov-Gerasimenko. La scala è 4.3 m/pixel e l'intera immaegine abbraccia un'area di 4.4 km di lato. Copyright ESA/Rosetta/NavCam – CC BY-SA IGO 3.0

 Nell'immagine in apertura, il piccolo lobo (o testa) della cometa è in primo piano, verso la parte superiore sinistra del riquadro, mentre il grande lobo è più lontano, nella parte in basso a destra. La vista rivela la maggior parte dell'emisfero meridionale della cometa, che sta sperimentando una estate breve e intensa dal maggio del 2015. La porzione illuminata del grande lobo è dominata dalla regione meridionale di Anhur, con porzioni di Sobek sul "collo" che unisce i due lobi. Si vedono porzioni pianeggianti di Aker e Khepry verso il bordo superiore.

 Un certo numero di regioni sono visibili sul piccolo lobo: Maftet, Dado e Serqet in basso a sinistra, Bastet sul bordo superiore destro del lobo, ma in particolare la vasta cavità circolare di Hatmehit in alto a sinistra, e la regione apparentemente piatta di Wosret al centro dell'immagine. Il contrasto tra il fondo di Hatmehit, coperto di polvere e massi, e le caratteristiche accidentate della limitrofa Wosret limitrofa è stato immortalato anche in un'altra immagine suggestiva, riportata qui sotto e scattata con la fotocamera ad angolo stretto il 13 febbraio.

 Questa peraltro è proprio la zona di confine dove si è posato lo sfortunato lander Philae, dopo essere rimbalzato via da Agilka.

Comet on 13 February 2016 OSIRIS narrow angle camera

Immagine OSIRIS narrow-angle ripresa il 13 Febbraio da 45.8 km (0.82 m/pixel)- Copyright ESA/Rosetta/NavCam – CC BY-SA IGO 3.0

 

Fonte: http://blogs.esa.int/rosetta/2016/02/19/cometwatch-february-part-1/

Altre informazioni su questo articolo

Read 1605 times Ultima modifica Giovedì, 25 Febbraio 2016 15:16
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 22 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 22 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 22/10 - Sol 676] - Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista