Scritto: Giovedì, 01 Ottobre 2015 18:28 Ultima modifica: Giovedì, 01 Ottobre 2015 20:38

Rosetta: abbondanza di ghiaccio al polo sud di Chury


MIRO (Microwave Instrument for the Rosetta Orbiter), a bordo della sonda dell'ESA Rosetta, ha studiato il polo sud di Chury verso la fine della stagione invernale, suggerendo che quelle regioni ospitano le maggiori concentrazioni di ghiaccio viste sulla cometa appena sotto la superficie.

Rate this item
(0 votes)
Mappe di temperatura del sottosuolo di 67P. Le mappe si basano su osservazioni ottenute da MIRO a lunghezze d'onda millimetriche (a sinistra) e sub-millimetriche (a destra).  tra settembre e ottobre 2014. Mappe di temperatura del sottosuolo di 67P. Le mappe si basano su osservazioni ottenute da MIRO a lunghezze d'onda millimetriche (a sinistra) e sub-millimetriche (a destra). tra settembre e ottobre 2014. Credit: ESA/Rosetta/NASA/JPL-Caltech

Grazie alla particolare forma a due lobi e al proprio asse di rotazione, il nucleo della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko sperimenta cambi di stagione nel corso della sua orbita di 6,5 anni attorno al Sole. Queste variazioni stagionali, proprio a causa della curiosa forma a "paperella di gomma", non sono distribuite uniformemente tra i due emisferi e appaiono, piuttosto, dislocate a chiazze. Per la maggior parte dell'orbita, l'emisfero nord vive una lunga estate che dura per oltre 5,5 anni, mentre il sud rimane buio e freddo, avvolto nell'inverno. Pochi mesi prima del perielio, la situazione cambia e la zona meridionale passa ad una breve ma calda estate.

Quando Rosetta ha raggiunto il suo target il 6 agosto 2014, il sud era immerso nell'inverno: avvolto nell'oscurità, era inaccessibili a quasi tutti gli strumenti. Qui le fotocamere non avevano effetto, neppure gli occhi elettronici di OSIRIS, così come le rigide temperature non permettevano a VIRTIS, lo spettrometro che lavora in infrarosso, di fare le sue osservazioni. In quelle condizioni, MIRO era l'unico ad aver successo.

I risultati sui dati raccolti tra agosto ed ottobre 2014 sono stati presentati in un documento accettato per la pubblicazione dalla rivista Astronomy and Astrophysics.

"Abbiamo osservato il lato oscuro della cometa con MIRO in molte occasioni dopo l'arrivo di Rosetta", ha spiegato nel comunicato Mathieu Choukroun, del Jet Propulsion Laboratory della NASA, autore principale dello studio.

Osservando la regione polare meridionale, Choukroun e colleghi hanno notato differenze significative a lunghezze d'onda millimetriche e sub-millimetriche (immagine in apertura), che potrebbero indicare la presenza di grandi quantità di ghiaccio entro le prime poche decine di centimetri sotto la superficie.

"Sorprendentemente, le proprietà termiche ed elettriche intorno al polo sud della cometa sono molto diverse da quello che si trova altrove sul nucleo. Sembra che il materiale della superficie, o il materiale che si trova poche decine di centimetri sotto, sia estremamente trasparente alle lunghezze d'onda di MIRO di 0,5 e 1,6 mm: potrebbe essere principalmente ghiaccio d'acqua o anidride carbonica congelata", ha aggiunto Choukroun.

Tale diversità potrebbe essere una conseguenza del ciclo stagionale.
Una delle possibili spiegazioni è che l'acqua e/o altri gas rilasciati durante il precedente perielio, quando l'emisfero sud è stato illuminato e scaldato dalla luce del Sole, sia condensato di nuovo e precipitato sulla superficie al cambio di stagione..

MIRO - grafico delle temperature

Grafico delle temperature misurate da MIRO durante due scansioni consecutive della regione polare meridionale, eseguite il 23 ottobre 2014 in millimetriche (rosso) e sub-millimetriche (blu). Le immagini in alto, ricavate dal modello 3D, rappresentano la posizione del nucleo al momento delle rilevazioni. L'area ombreggiata grigia nel grafico indica un'interruzione per calibrazione.
Da M. Choukroun et al., Astronomy & Astrophysics, 2015.

Questi risultati sono tuttavia preliminari.
"Abbiamo in programma di rivedere i dati di MIRO utilizzando una versione aggiornata del modello digitale", ha spiegato l'autore.
Inoltre queste letture verranno comparate con i dati raccolti nei mesi successivi. La breve estate dell'emisfero sud, iniziata a maggio 2015, che si protrarrà fino all'inizio del 2016, sta permettendo adesso osservazioni con altri strumenti che potrebbero far luce sulla strana composizione.

Da ieri Rosetta è in gita nella magnetosfera della cometa a 1.500 chilometri dal nucleo ma presto si avvicinerà di nuovo per riprendere gli studi dei due emisferi.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1563 times Ultima modifica Giovedì, 01 Ottobre 2015 20:38
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS