Scritto: Lunedì, 24 Agosto 2015 05:27 Ultima modifica: Lunedì, 24 Agosto 2015 20:12

Una storia racchiusa nelle fratture


Le numerose fratture che caratterizzano la superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko sarebbero il frutto dello stress termico provocato dal Sole durante i diversi passaggi al perielio.

Rate this item
(0 votes)
L'immagine in alto a sinistra mostra fratture poligonali sul bordo della regione Apis, sul grande lobo cometa; l'immagine in alto a destra mostra una zona fratturata al bordo della regione Atum, vicino al collo della cometa; in basso a sinistra Nut; in basso a destra i modelli poligonali sul crinale che separa le regioni Anubis / Atum da Ash e Seth, sul grande lobo della cometa. L'immagine in alto a sinistra mostra fratture poligonali sul bordo della regione Apis, sul grande lobo cometa; l'immagine in alto a destra mostra una zona fratturata al bordo della regione Atum, vicino al collo della cometa; in basso a sinistra Nut; in basso a destra i modelli poligonali sul crinale che separa le regioni Anubis / Atum da Ash e Seth, sul grande lobo della cometa. Credits: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

Lo studio, pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters, si basa sulle numerose immagini raccolte tra il 6 agosto 2014, quando Rosetta aveva raggiunto il target, e il 1 marzo 2015.

Fractures on comet 67P/Churyumov-Gerasimenko observed by Rosetta/OSIRIS [abstract]

The Optical, Spectroscopic, and Infrared Remote Imaging System (OSIRIS) experiment onboard the Rosetta spacecraft currently orbiting comet 67P/Churyumov-Gerasimenko has yielded unprecedented views of a comet's nucleus. We present here the first ever observations of meter-scale fractures on the surface of a comet. Some of these fractures form polygonal networks. We present an initial assessment of their morphology, topology, and regional distribution. Fractures are ubiquitous on the surface of the comet's nucleus. Furthermore, they occur in various settings and show different topologies suggesting numerous formation mechanisms, which include thermal insulation weathering, orbital-induced stresses, and possibly seasonal thermal contraction. However, we conclude that thermal insolation weathering is responsible for creating most of the observed fractures based on their morphology and setting in addition to thermal models that indicate diurnal temperature ranges exceeding 200 K and thermal gradients of ~15 K/min at perihelion are possible. Finally, we suggest that fractures could be a facilitator in surface evolution and long-term erosion.

 Le fratture sono presenti un po' ovunque sulla superficie di Chury e ce ne sono di tutti i tipi: reti lunghe e strette; su pendii e rocce; parallele che attraversano scarpate alte 900 metri come Hathor; oppure casi isolati come la fessura lunga 500 metri sul collo della cometa nella regione Anuket (per scoprire le regioni della cometa, consiglio il tool interattivo descritto qui).

 Le reti di fratture strette che si estendono da pochi metri a 250 metri di lunghezza, tipicamente su superfici relativamente piatte, sembrano essere la tipologia più diffusa:
"Le fratture mostrano una varietà di morfologie e si verificano su tutta la superficie e in tutte le scale: si trovano nelle torreggianti scarpate di Hathor proprio come sulle superfici di massi di pochi metri di diametro", ha detto l'autore principale dello studio, M. Ramy El-Maarry dell'Università di Berna. In alcuni casi, sembrano seguire modelli poligonali con angoli di 90 gradi che, sulla Terra e su Marte, indicano la presenza di ghiaccio che contrae la superficie.

Altre caratteristiche sono state osservate sulle pareti verticali, ad esempio nella regione Seth sul grande lobo e, in piccola scala, ad Abydos, il luogo dove è atterrato Philae. Il fatto che le fratture seguono orientamente diversi, suggerisce che la direzione delle sollecitazioni cambia nel tempo.

Lo studio ha preso in esame massi con dimensioni fino a 60 - 20 metri: in alcuni casi è chiaro che le fratture interessano anche il terreno circostante, mentre in altri sembrano limitate al masso stesso.

Fratture nella regione Imhotep (a sinistra) e Atum (a destra).

Fratture nella regione Imhotep (a sinistra) e Atum (a destra).
Credits: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

 Gli scienziati ritengono che la maggior parte di queste caratteristiche siano legate alla storia termica della cometa, le cui sollecitazioni si manifestano sia su lungo periodo, durante l'orbita di 6,5 anni intorno al Sole, che nel giorno cometario, con conseguente perdita di materiale volatile. Questi continui 'shock', stagionali e giornalieri, con variazioni che raggiungono i 15 gradi/minuto in prossimità del perielio, indeboliscono la superficie che si frattura.

 Tuttavia, "la presenza di fratture in contesti diversi, oltre alle fratture isolate nei siti Anuket e Aker, suggerisce che possono entrare in gioco altri meccanismi. Per esempio, le forze meccaniche legate alla rotazione della cometa o all'orbita intorno al Sole sono responsabili delle spaccature nel sito Anuket", fa notare Ramy, "mentre le scarpate fratturate di Hathor possono essere il risultato dei processi di formazione cometaria, forse quando si sono fusi insieme di due lobi".

 In ogni caso, qualunque sia la causa, è chiaro che le fratture hanno un ruolo importante nell'evoluzione di Chury. Capirlo sarà l'obiettivo delle prossime osservazioni di Rosetta ora che, superato il perielio, sta tornando verso il Sistema Solare esterno insieme alla cometa.

 

Riferimenti:
- http://blogs.esa.int/rosetta/2015/08/18/do-comet-fractures-drive-surface-evolution/

Altre informazioni su questo articolo

Read 1603 times Ultima modifica Lunedì, 24 Agosto 2015 20:12
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:21 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/10 - Sol 674] - Meteor...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 17 ottobre [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 17 ottobre [Last updat...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista