Scritto: Domenica, 17 Maggio 2015 17:45 Ultima modifica: Domenica, 17 Maggio 2015 20:56

Philae: ancora nessun segnale!


Oggi si conclude la terza campagna di ascolto ma da Philae per ora non sembrano esserci segni di vita...

Rate this item
(0 votes)
Immagine della cometa ripresa il 3 maggio e processata a colori (vedi sotto) Immagine della cometa ripresa il 3 maggio e processata a colori (vedi sotto) Credit: ESA/Rosetta/NAVCAM, CC BY-SA IGO 3.0 - Processing: 2di7 & titanio44

 Dallo scorso 8 Maggio è in atto il terzo tentativo, da parte della sonda Rosetta "in orbita" al nucleo della cometa 67P-Churimov/Gerasimenko, di captare i degnali emessi dal modulo di discesa Philae che, come si ricorderà, si è posato sulla superficie della cometa dopo un rocambolesco atterraggio lo scorso Novembre e aveva trasmesso dati per soli 4 giorni prima che la batteria interna si esaurisse a causa dello scarso irraggiamento solare (per i dettagli rimandiamo ai precedenti articoli).

 Dato che ora la cometa si sta avvicinando sempre più al Sole, questo dovrebbe favorire il risveglio di Philae e il suo ritorno al lavoro; già  ora l'irraggiamento solare è divenuto 3 volte superiore a quello di Novembre perchè la cometa si è avvicinata al Sole e sta correndo verso il perielio, che verrà raggiunto in Agosto.

 Purtroppo, almeno per quanto ne sappiamo, sembra che finora nessun segnale sia stato captato.  Come illustrato in un video ASI da Mario Salatti (co-project manager di Rosetta), il fatto che finora i tentativi di ascolto non abbiano avuto successo non vuol dire necessariamente che Philae non si sia risvegliata dall'ibernazione. Questo risveglio, per poter avvenire, richiede che siano soddisfatte due condizioni: la temperatura interna del lander deve salire sopra i -45 °C (questo fa scattare una specie di interruttore interno, simile a un termostato) e i pannelli solari devono fornire una potenza di almeno 5.5 Watt per far funzionare il computer di bordo. Tuttavia, sono necessari altri 5 W di potenza affinchè Philae possa accendere il ricevitore ed entrare in modalità "ascolto"di eventuali segnali da Rosetta; infine, solo se la potenza disponibile supera i 15W è possibile effettuare trasmissioni verso Rosetta.

''Fino al 17 maggio ci dovrebbe essere almeno 10 occasioni di contatto'' ha dichiarato Cinzia Fantinati (che gestisce le operazioni di Philae per l'Agenzia Spaziale tedesca DLR) su Nature. "Per migliorare la possibilità di ascoltare i segnali, Rosetta deve stare a meno di 300 chilometri da Philae, sullo stesso lato della cometa 67P/Churyumov‐Gerasimenko e con entrambe le antenne allineate". Anche se i ricercatori sono fiduciosi sul risveglio di Philae, sottolinea Nature, ci sono delle 'scommesse' da vincere. Philae è 'bagnato' dalla luce solare solo 80 minuti al giorno e questo tempo potrebbe non essere sufficiente per ricaricare le batterie. La polvere emessa dalla cometa, inoltre, potrebbe aver coperto i pannelli solari impedendo alla luce solare di riscaldarli.

 Il team che sta lavorando alla campagna di ascolto ha sviluppato diversi "scenari" sul modo in cui Philae si risveglierà. Nella peggiore delle ipotesi la batteria secondaria a bordo del lander non sarà utilizzabile e quindi bisognerà che Philae lavori con l'energia direttamente generata dai pannelli, soltanto nei momenti in cui c'è illuminazione diretta. Un'altra importante questione riguarda l'esatta localizzazione di Philae. Per ora esistono vari candidati nelle immagini raccolte: si tratta di "macchie", di cui una più promettente delle altre, all'interno di una area molto circoscritta (30x50m circa) individuata studiando le emissioni radio di Philae prima che le comunicazioni si interrompessero. Purtroppo però Rosetta non ha fotografato con sufficiente dettaglio questa regione e non potrà farlo se non verso la fine dell'anno, quando l'attività cometaria sarà scesa abbastanza da consentire alla sonda di avvicinarsi ad meno di una decina di km dal nucleo.

Intanto, questa è l'ultima immagine pubblicata e ripresa da Rosetta 2 settimane fa; si tratta di un singolo frame che ritrae la 67P/Churyumov-Gerasimenko da una distanza di 135 km, con una risoluzione di 11.5 m/pixel (in apertura di articolo c'è la versione processata da Elisabetta e Marco).

Comet on 3 May 2015 NavCam

Copyright ESA/Rosetta/NavCam – CC BY-SA IGO 3.0

Un'altra immagine piuttosto curiosa è questo modello realistico della cometa in scala 1:1600 (circa), esposto nei giorni scorsi sugli Champs-Elysées; chi si reca a Parigi entro il 25 Maggio potrà ammirarla insieme a un modello in scala reale di Philae!

Maquette de 67P sur les Champs Elysees Paris node full image 2

Copyright © CNES/Olivier PASCAUD, 2015

Riferimenti:
- http://asitv.it/media/vod/v/1882#.VVXF_Wdcd0I.facebook
- http://www.esa.int/spaceinimages/Images/2015/05/Comet_on_3_May_2015_NavCam
- http://www.esa.int/fre/ESA_in_your_country/France/En_mai_Paris_a_rendez-vous_avec_la_comete_Tchoury

Letto: 2665 volta/e Ultima modifica Domenica, 17 Maggio 2015 20:56
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

2 commenti

  • Comment Link skorpio Lunedì, 18 Maggio 2015 10:56 posted by skorpio

    "chi si reca a Parigi entro il 25 Maggio potrà ammirarla insieme a un modello in scala reale di Philae!"

    sorry error... philae è la sonda... cancellate pure... sono scemo io

  • Comment Link skorpio Lunedì, 18 Maggio 2015 10:55 posted by skorpio

    "chi si reca a Parigi entro il 25 Maggio potrà ammirarla insieme a un modello in scala reale di Philae!"

    eh?
    hanno creato un modello in scala reale 1:1? cioè con una dimensione di 3,5x4 chilometri? e dove l'hanno messa? i centro a Parigi?

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista