Scritto: Domenica, 18 Gennaio 2015 06:58 Ultima modifica: Domenica, 18 Gennaio 2015 12:08

Cometa 67P: tanti piccoli getti


E' la prima immagine di OSIRIS rilasciata quest'anno ma risale al 22 novembre 2014, ripresa 12 giorni dopo lo storico #CometLanding.

Rate this item
(0 votes)
67 - OSIRIS 22 novembre, distanza 30 km, risoluzione 2.8 m/pixel 67 - OSIRIS 22 novembre, distanza 30 km, risoluzione 2.8 m/pixel Credits: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

Questa foto, scattata dalla wide-angle camera da una distanza di 30 chilometri, con una risoluzione di 2,8 metri per pixel, rivela che quelli che apparivano come singoli getti grandi nelle immagini precedenti, sono in realtà formati da molti getti più piccoli che emergono dalla superficie e tendono a fondersi insieme più lontano dal nucleo della cometa.

Anche se la concentrazione maggiore rimane nella zona del collo, che da sempre è stata la più attiva, ora interessano evidentemente anche i lobi.

L'immagine fa parte di una sequenza dedicata allo studio dell'attività cometaria: come tale, il nucleo è deliberatamente sovraesposto per mettere in evidenza le caratteristiche più deboli (l'immagine precedente di OSIRIS rilasciata risale al 10 settembre).

"Questo è ancora l'inizio dell'attività rispetto a quello che ci aspettiamo di vedere questa estate [perielio, 13 agosto 2015]", dice il ricercatore principale per OSIRIS, Holger Sierks, del Max Planck Institute for Solar System Research (MPS) in Germania.
"Da l'ultimo passaggio al perielio [13 mazo 2009] sappiamo che l'attività cometaria si evolverà di un fattore 100 in quel momento rispetto ad ora".

In questo caso specifico, i getti sono stati osservati per tutto il periodo di rotazione della cometa:
"Per il monitoraggio da un'immagine all'altra, ricostruiamo le loro strutture tridimensionali e li colleghiamo ad aree specifiche sul nucleo, la cui morfologia e composizione è ora in fase di studio", spiega Jean-Baptiste Vincent dal MPS, scienziato del team di OSIRIS.

Ricollegando i getti a precisi elementi topografici, come scogliere o pianure, gli scienziati potranno capire come si genera l'attività cometaria.
Inoltre, studiando 67P da una distanza maggiore, ad esempio con il Very Large Telescope (VLT) in Cile, si potrà capire come i getti interagiscono con la chioma, la debole atmosfera di particelle di polvere e gas che circonda il nucleo.

La nuova immagine svela anche qualche caratteristica della parte in ombra del nucleo che inizierà a ricevere luce diretta quando la cometa si avvicinerà al perielio, quella stessa luce e calore che, si spera, riuscirà a svegliare Philae dal letargo.

67P - NavCam 10 gennaio 2015

67P - NavCam 10 gennaio 2015
Image: ESA/Rosetta/NAVCAM, CC BY-SA IGO 3.0 - Processing: 2di7 & titanio44

Qui sopra, l'ultimo mosaico della NavCam, ripreso il 10 gennaio da una distanza di 27,5 chilometri, con una risoluzione di 2,3 metri per pixel.
L'immagine è praticamente opposta a quella di OSIRIS e mostra il lobo più piccolo in basso a sinistra e quello più grande in alto a destra.
Confrontando le foto, è facile notare come la capacità di risoluzione della NavCam sia nettamente inferiore a quella di OSIRIS: in questo scatto, più recente, che ritrae presumibilmente una cometa più attiva rispetto a due mesi fa, i getti sono confusi ed appena percepibili.

Letto: 1219 volta/e Ultima modifica Domenica, 18 Gennaio 2015 12:08
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista