Scritto: Giovedì, 18 Dicembre 2014 17:16 Ultima modifica: Domenica, 04 Gennaio 2015 09:12

Il punto su Rosetta e Philae


Presentati ieri in California i risultati delle ultime indagini scientifiche insieme a nuove immagini.

Rate this item
(0 votes)
Philae #CometLanding - rappresentazione artistica Philae #CometLanding - rappresentazione artistica Image: ESA/Rosetta/NAVCAM, CC BY-SA IGO 3.0 / OSIRIS/MPS/UPD/LAM/IAA/SSO - Processing: 2di7 & titanio44, CC BY-SA IGO 3.0

In questi giorni, a San Francisco, si sta svolgendo l'annuale raduno dell'"American Geophysical Union" (AGU); nei giorni scorsi abbiamo già discusso i risultati pubblicati in quella sede a proposito di Maven e Curiosity, ieri i ricercatori dell'ESA e della NASA hanno presentato nuovi risultati sulla missione di Rosetta e Philae. 

AGU2

Kathrin Altwegg (ROSINA Principal Investigator) ha reso noti i risultati sulle analisi dei gas emessi dal nucleo della 67P, evidenziando la curiosa periodicità "modulata" nella densità di gas (immagine sopra), una sorta di "battito cardiaco" rivelato già a grande distanza e legato al periodo di rotazione della cometa e all'emissione dei suddetti gas da zone ben precise. Si è poi soffermata sulla complessità della chimica organica rivelata, con molecole ben più complesse del metano (figura sottostante) e ha accennato nuovamente alla questione del rapporto deutoerio/idrogeno anomali rispetto all'abbondanza terrestre. Ha concluso dicendo che questo è solo un assaggio poichè, da Agosto ad oggi, l'attività della cometa è cresciuta relativamente poco mentre, entro il prossimo Agosto, è previsto un aumento di un fattore 100 nell'emissione di gas cometari! Questo permetterà di stabilire le proprietà termiche e strutturali del nucleo, le sue eventuali stratificazioni e le eterogeneità di composizione. Si spera anche di rivelare gas nobili, nuovi isotopi e di misurare il rapporto D/H in molecole diverse dall'acqua.

AGU3

E' stata poi la volta di Jean-Pierre Bibring (Lead Lander Scientist) che ha parlato dello storico atterraggio di Philae e delle attività che sono in atto in previsione di un possibile (auspicabile) risveglio dall'ibernazione. Come noto, la fase di separazione e discesa (SDL) del lander è andata esattamente come previsto, permettendo di misurare il campo magnetico da grande distanza fino al suolo con lo strumento ROMAP (presto avremo dati sul livello di magnetizzazione primordiale del nucleo) e fotografando il nucleo con un dettaglio crescente (dai metri ai millimetri) tramite ROLIS, come esemplificato nell'immagine sottostante (la stellina rossa indica il luogo prescelto per l'atterraggio).

AGU4

L'atterraggio è stato invece decisamente più rocambolesco ma ha permesso di fare una "scienza del rimbalzo", basata soprattutto sui dati di ROMAP e MUPUS, oltre che sulle informazioni fornite dai pannelli solari e dalle immagini panoramiche CIVA; e proprio da questo complesso di microcamere viene la nuova impressionante immagine, scattata 2 minuti dopo il primo touchdown:

AGU5

mosaico di immagini CIVA durante il rimbalzo di Philae - ESA/Rosetta/Philae/CIVA

Dal forte effetto "mosso" è evidente che Philae stava ruotando rapidamente su se stessa attorno a un asse diverso da quello perpendicolare. Una volta finiti i rimbalzi, Philae si è fermata in posizione non orizzontale e in un luogo poco esposto alla luce solare; questo viene illustrato nella seguente simulazione, dove Philae appare "incastrata" tra due costoni e riceve luce per sole 4h 33m durante ogni rotazione:

AGU8

Sono state presentate anche un paio di immagini già note e riprese da CIVAS/ROLIS ma riprocessate per dare maggiore risalto ai deboli dettagli:

AGU9

AGU1

Il video della conferenza stampa è reperibile su http://www.ustream.tv/recorded/56575467

Letto: 2500 volta/e Ultima modifica Domenica, 04 Gennaio 2015 09:12
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2 commenti

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista