Scritto: Giovedì, 04 Dicembre 2014 05:20 Ultima modifica: Martedì, 06 Gennaio 2015 07:56

Alla ricerca di molecole organiche su 67P con Ptolemy


Ok, forse l'atterraggio del coraggioso lander Philae sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko non è andato proprio come previsto quel 12 novembre ma alcuni avvenimenti fuori programma, potrebbero considerarsi addirittura una fortuna.

Rate this item
(0 votes)
Alla ricerca di molecole organiche su 67P con Ptolemy Credits: ESA/ATG medialab

Ad esempio, come ha dichiarato il Project Scientist di Rosetta Matt Taylor, a Forbes, gli arpioni bloccati potrebbero aver salvato il lander da un sicuro rimbalzo nello spazio profondo, vista la consistenza del suolo di 67P più duro di quanto ci si aspettasse. Inoltre, se gli arpioni non fossero riusciti a penetrare in profondità ma l'ADS (Active Descent System), ossia il jet che avrebbe dovuto spingere il lander verso la superficie, avesse funzionato, in combinazione con un sottosuolo impenetrabile, sarebbe aumentato il rimbalzo, forse, irrecuperabilmente.

Invece, anche se Philae è finito in un agolo un po' troppo buio, i tre rimbalzi sono stati una grande occasione per tutti gli strumenti che hanno costantemente lavorato a partire dalla fase di discesa: in un certo senso, hanno consentito varie misurazioni in diversi punti, anziché in uno solo.

Uno di questi è Ptolemy (Tolomeo), uno strumento grande come una scatole per le scarpe che usa gascromatografia e spettrometria di massa (GC-MS) per misurare la composizione dei materiali della cometa, con particolare attenzione alle molecole organiche ed ai componenti minerali.
Prende il nome da uno dei faraoni d'Egitto (Tolomeo V) e dalla sua iscrizione sulla Stele di Rosetta, dalla quale, a sua volta, la missione prende il nome.

Ptolemy era già stato attivato a distanze di 15.000, 13.000, 30, 20, e 10 km da 67P, quando Philae era ancora sulle spalle di Rosetta.
Ma dal 12 al 14 novembre, ha avuto la possibilità di operare direttamente dalla superficie.

#CometLanding: OSIRIS narrow-angle camera - Credit: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDAHa sniffato per la prima volta la composizione subito dopo il primo touchdown, quasi nello stesso istante in cui la fotocamera OSIRIS ha immortalato nuovamente Philae sorvolare la cometa (riquadro di destra nell'immagine qui a fianco, 15:43 GMT); mentre il 13 e il 14 novembre ha fiutato nuovamente per sei volte dal luogo di atterraggio finale.
Infine, sempre il 14 novembre, il team ha velocemente riconfigurato le procedure di analisi per tentare alcune misure isotopiche.
Ptolemy ha utilizzato un forno speciale, chiamato "CASE", per determinare la composizione dei composti volatili (e forse, di tutte le particelle) che si erano accumulate al suo interno, riuscendo a completare la procedura appena 45 minuti prima che Philae entrasse in letargo.

Ptolemy: tabella di marcia

Table courtesy of the Ptolemy team.

A causa del consumo di energia relativamente elevato dello strumento, è stata una vera corsa contro il tempo.
La batteria ha dovuto tener duro, sia per eseguire le misure che per trasmettere i dati a Rosetta, in modo che arrivassero sulla Terra. Ma Ptolemy ce l'ha fatta e il team ora ha molte informazioni complesse su cui lavorare.

Per le analisi ci vorrà del tempo e l'ultimo esperimento condotto, e non programmato, richiederà di tornare in laboratorio con nuove simulazioni per una corretta interpretazione dei dati ottenuti.

Per il team sarà sicuramente interessante concentrarsi sulle misurazioni acquisite subito dopo il primo touchdown, comparandole con quelle di COSAC di circa 14 minuti più tardi.

"Il team è impaziente di fare queste analisi nei prossimi mesi e di condividere i risultati con voi", conclude l'articolo sul blog di missione, per cui, come sempre... stay tuned!

Read 1282 times Ultima modifica Martedì, 06 Gennaio 2015 07:56
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 3 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 3 Aprile sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 4 Aprile [Last update: 04/04/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 2/4/20 - Sol 478] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS