Scritto: Lunedì, 03 Dicembre 2018 17:52 Ultima modifica: Martedì, 04 Dicembre 2018 05:25

Osiris-Rex ha raggiunto Bennu!


 Finalmente la sonda americana è giunta a destinazione. Adesso inizia l'esplorazione che porterà a raccogliere i campioni da riportare a Terra.

Rate this item
(0 votes)
Immagine PolyCam scattata il 27 Novembre, mentre la distanza da Bennu era di soli 65 km. Immagine PolyCam scattata il 27 Novembre, mentre la distanza da Bennu era di soli 65 km. Credits: NASA's Goddard Space Flight Center/University of Arizona - Processing: Marco Di Lorenzo

 Dopo aver viaggiato nello spazio per più di due anni e oltre 3 miliardi di km, intorno alle 18 di oggi il veicolo "Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security-Regolith Explorer" (OSIRIS-REx) della NASA è arrivato a destinazione, l'asteroide Bennu. La sonda spaziale impiegherà quasi un anno ad esaminare l'asteroide con cinque strumenti scientifici, con l'obiettivo di selezionare un luogo che sia sicuro e scientificamente interessante per raccogliere il campione di regolite (polvere superficiale). OSIRIS-REx recapiterà il campione alla Terra nel settembre 2023, nel deserto dello Utah.

 La manovra di oggi è conistita nell'accensione dei motori per circa 20 sec, variando la velocità del veicolo di 23 cm/s; la sonda dovrebbe essere giunta a soli 17 km da Bennu. Domani sorvolerà il polo Nord dell'asteroide a meno di 8 km, poi si sposterà sull'equatore e infine sul polo sud, eseguendo una serie di tratti rettilinei. Questo servirà anche a fare una stima preliminare della massa di Bennu, in vista di una immissione in orbita a circa 1 km di altezza. Per l'occasione, è stata rilasciata una spettacolare animazione che mostra Bennu in rotazione da una distanza di 80 km (presumibilmente lo scorso 25 Novembre), con una risoluzione di poco superiore a 1m/pixel. arrival bennu full rotation small

Sequenza di 36 esposizioni da 2,2 millisecondi, con contrasto accentuato, ottenuti dalla PolyCam in un intervallo temporale di 4 ore e 18 minuti - Credits: NASA's Goddard Space Flight Center/University of Arizona - Processing: Marco Di Lorenzo

 La versione rimpicciolita è qui sopra, mentre l'originale è visionabile nel link in fondo all'articolo. E' anche possibile ammirare anche una sequenza animata con tutte le immagini raccolte durante la fase di approccio, da cui è stata ottenuta l'immagine di apertura e la seguente selezione di fotogrammi che rendono l'idea del cambiamento mentre ci si avvicinava da 2,2 milioni di km a 65 km (17 agosto - 27 Novembre).

 approach subset

Sequenza di 14 immagini PolyCam durante l'intera fase di approccio - Credits: NASA's Goddard Space Flight Center/University of Arizona - Processing: Marco Di Lorenzo

 La fase di approccio, che abbiamo seguito costantemente nel Mission Log dedicato, è durata oltre 3 mesi durante i quali la sonda ha effettuato quattro manovre correttive che hanno ridotto la velocità relativa tra asteroide e sonda da 491 m/s  iniziali a soli 4 cm/s. La diretta NASA si è conclusa con una serie di applausi e subito dopo è passata a seguire lo spettacolare aggancio della Soyuz con la stazione spaziale internazionale, sopra l'oceano Atlantico meridionale. Di seguito, il manifesto celebrativo dell'evento di oggi.

OREx ARRIVAL Carousel 640x360

 

https://www.nasa.gov/feature/goddard/2018/osiris-rex-approach

Altre informazioni su questo articolo

Read 401 times Ultima modifica Martedì, 04 Dicembre 2018 05:25
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Please enable the javascript to submit this form

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 16 luglio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 16 luglio ore 21)

  • Tiangong-2 orbit
    Tiangong-2 orbit

    Evoluzione dell'orbita della seconda stazione spaziale cinese. Aggiornamento del 16/7 [Last update: 07/16]

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 16/7 [Last update: 07/16]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 14/6/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubbe Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 13/7 [Last update: 07/13].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 14/7 - Sol 222]

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 15/6/19).

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 10 luglio [updated on July, 10]

HOT NEWS