Giovedì 13 Dicembre 2018
Accedi Registrati

Accedi con il tuo account

Username *
Password *
Ricordami

Bennu da 300 pixel In evidenza

Versione elaborata dell'ultima immagine di Bennu, con accentuazione dei dettagli e delle differenze di contrasto
Versione elaborata dell'ultima immagine di Bennu, con accentuazione dei dettagli e delle differenze di contrasto immagine OCAMS (PolyCam) - Credit: NASA/Goddard/University of Arizona - Enhancement: Marco Di Lorenzo

Dettagli sempre più fini nelle immagini di Osiris-Rex, ormai giunta a meno di 100 km dall'asteroide.

 Aggiornamento del 24/11: la foto è stata pubblicata/commentata sul sito ufficiale, specificando che è stata scattata il 16 Novembre da 136 km ed era già processata (contrast stretch) per evidenziare differenze di luminosità.

 La fotografia, non ancora ufficialmente pubblicata sul sito della missione (ma lo sarà probabilmente nelle prossime ore), è stata "rubata" dalla directory dove vengono inserite tutte le immagini e i grafici relativi. Mancano per ora i dettagli al riguardo, ma dalle dimensioni apparenti (e dal titolo) essa costituisce un balzo in alto del 50% nelle dimensioni apparenti dell'asteroide, rispetto alla sequenza di immagini pubblicate in precedenza. Qui Bennu riempie quasi il 30% del lato del sensore Polycam e sulla base di queste dimensioni, si può dedurre che è stata scattata il 17 Novembre, quando la sonda si trovava a circa 130 km da Bennu. Adesso questa distanza è scesa ulteriormente e il diametro attuale dovrebbe essere di ben 400 pixel, con dettagli di 1,75 metri/pixel, come dimostrato nella seguente grafica tratta dal "Mission Log" aggiornato quotidianamente:

OR 181123

Gli andamenti "effettivi" (rombi) e quelli pianificati della distanza e della velocità relativa tra OSIRIS-REx e Bennu, con l'indicazione delle 4 manovre di frenamento (AAM) - Prepared by M. Di Lorenzo - data source: NASA/JPL

 Tra soli 11 giorni, OSIRIS-REx effettuerà l'ultima manovra e si ritroverà entro 20 km dall'asteroide per cominciarne la perlusrtazione dettagliata, in preparazione della discesa e del prelievo di materiale (piccoli sassi e polvere di regolite) dalla sua superficie. A questo proposito, sempre nella stessa directory, ci sono altre due nuove immagini del dispositivo delegato a questa delicata operazione, il "Touch-and-Go Sample Acquisition Mechanism" (TAGSAM); contrariamente a quella grande in basso, già pubblicata nei giorni scorsi e che mostrava il dispositivo "da dietro", nelle due immagini in alto la "padella" è stata ruotata verso la fotocamera e mostra la porzione che verrà direttamente a contatto con la superficie di Bennu.

TAGSAM

Immagini del TAGSAM catturate dalla SAM-Camera - Credit: NASA/Goddard/University of Arizona - Processing: Marco Di Lorenzo

 Il 14 Novembre il braccio che sostiene il complesso dispositivo è stato allungato e risulta funzionare correttamente. Il tamburo che qui vediamo è la parte terminale che toccherà fisicamente la superficie dell'asteroide per circa 5 secondi e, aiutandosi con un getto di gas, raccoglierà almeno 60g di campioni da riportare a Terra. Esso è montato su un braccio robotico dotato di uno snodo (gomito) che ha permesso di scattare queste riprese da ambo i lati.

 Tornando all'immagine di Bennu, di seguito è mostrato un confronto con il cugino più grande Ryugu per evidenziare somiglianze e differenze tra i due. In effetti, anche se le forme si somigliano, Bennu è più tondeggiante e presenta meno massi di dimensioni medio grandi, mentre la sua superficie appare cosparsa di numerosi massi di piccole dimensioni, alcuni più chiri e altri più scuri rispetto al colore medio della superficie.

Bennu vs Ryugu

Bennu (a sinistra) vs Ryugu - Credit: NASA/JAXA - Processing: Marco Di Lorenzo

 Di seguito, l'immagine originale di Bennu senza processing:

Bennu at 300 px

OCAMS (PolyCam) - Credit: NASA/Goddard/University of Arizona

 

Riferimenti:
https://www.asteroidmission.org/?latest-news=tagsam-testing-complete-osiris-rex-prepared-tag-asteroid

 

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

Sito web: https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Altri articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Altro in questa categoria: « Campo libero attorno a Ultima Thule

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Ho letto e accetto la Cookie Policy e la Privacy policy

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO