Scritto: Venerdì, 04 Agosto 2017 10:31 Ultima modifica: Venerdì, 04 Agosto 2017 13:26

2014 MU69 prende forma!


Il prossimo obiettivo della New Horizons potrebbe essere un corpo molto allungato o addirittura binario, sulla base dei dati dell'ultima occultazione stellare.

Rate this item
(0 votes)
Ricostruzioni artistiche di due possibili forme per MU69 sulla base dei dati dell'occultazione del mese scorso Ricostruzioni artistiche di due possibili forme per MU69 sulla base dei dati dell'occultazione del mese scorso Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute/Alex Parker

 2014 MU69 è un oggetto nella fascia di Kuiper che, il 1 gennaio 2019, verrà visitato dalla sonda americana. Come si ricorderà, a Giugno esso ha occultato una stella e l'evento fu osservato in Africa. In seguito ci sono stati altri due eventi del genere, il 10 e il 17 Luglio, osservati in Sudamerica e di cui abbiamo raccontato. Queste occultazioni sono preziosissime per stabilire la forma del corpo che le provoca, ricostruendo il profilo della sua ombra in rapido movimento proiettata sulla Terra.

 Adesso finalmente si cominciano a conoscere i primi risultati: durante l'occultazione del 17 luglio, alcuni scienziati del team di New Horizons hanno utilizzato una manciata di telescopi disposti in punti diversi, in una zona remota della Patagonia (Argentina); essi sono stati in grado di catturare le curve di luce della stella mentre si affievoliva e poi riemergeva da dietro MU69. Questo permetterà di determinare meglio la traiettoria della sonda spaziale e capire le dimensioni, la forma e l'ambiente intorno a questo oggetto del quale, finora, si sapeva ben poco.

20170716 10

Una suggestiva immagine a lunga esposizione scattata durante la campagna osservativa del 17 Luglio - Photo Sam Chevallier, ReWildTV, for GHSPi/"Pluto & Beyond"

 Sulla base di queste nuove osservazioni, MU69 non può essere un oggetto sferico isolato, ma potrebbe essere un "sferoide estremo prolato" (si pensi a un pallone sgonfio) oppure un sistema binario, con due corpi molto vicini o addirittura in contatto, analogamente al nucleo della Churymov-Gerasimenko o all'asteroide 2014 JO25 osservato di recente con il radar. Inoltre, sembra che MU69 non sia lungo più di 32 chilometri nell'ipotesi di un corpo unico oppure, se è binario, ogni componente non supera i 15-19 chilometri di diametro.

 "Questa nuova scoperta è semplicemente spettacolare. La forma di MU69 è veramente intrigante e potrebbe costituire un altro primato per New Horizons, che visiterà per la prima volta un oggetto binario nella cintura di Kuiper", ha dichiarato Alan Stern, ricercatore principale del SwRI di Boulder, in Colorado. "Non potrei essere più felice dei risultati dell'occultazione, che promettono una ricompensa scientifica per il flyby".
 Ricordiamo che, per stabilire il cammino esatto dell'ombra di MU69 durante le occultazioni, il team ha utilizzato i dati del telescopio spaziale Hubble e del satellite Gaia dell'agenzia spaziale europea. "Entrambi questi osservatori spaziali sono stati fondamentali per il successo di tutta la campagna di occultazione", ha aggiunto Stern. Secondo Marc Buie, co-investigatore del New Horizons di SwRI che ha condotto la campagna di osservazione, "Questi risultati emozionanti e sconcertanti risultano essenziali per la pianificazione della missione, ma aggiungono altri misteri su questo obiettivo",

 Ormai mancano meno di 17 mesi al fatidico incontro, quando Dawn sfiorerà 2014 MU69 in quello che sarà il flyby più lontano della storia dell'esplorazione spaziale, un miliardo di chilometri oltre Plutone. Di seguito, la posizione aggiornata di New Horizons nel sistema solare esterno, tratta dal sito ufficiale di New Horizons:

NH 20170804

© 2016 The Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory LLC. All rights reserved.

 

Fonte: http://pluto.jhuapl.edu/News-Center/News-Article.php?page=20170803

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1848 volta/e Ultima modifica Venerdì, 04 Agosto 2017 13:26
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista