Scritto: Giovedì, 02 Giugno 2016 09:00 Ultima modifica: Giovedì, 02 Giugno 2016 10:52

Il "cuore" di Plutone è come una lava lamp


Gran parte della superficie di Plutone viene costantemente rinnovata tramite un processo di convezione che sostituisce i vecchi ghiacci superficiali con materiale fresco.

Rate this item
(0 votes)
Un dettaglio della superficie di Plutone, ripreso dalla sonda della NASA New Horizons il 14 luglio 2015. Un dettaglio della superficie di Plutone, ripreso dalla sonda della NASA New Horizons il 14 luglio 2015. Crediti: NASA/JHUAPL/SwRI

Descrivendo il modello a cellule della Sputnik Planum, la grande pianura nel cuore del pianeta nano, William McKinnon, geologo della Washington University in St. Louis e membro del team New Horizons, aveva paragonato il meccanismo simile a quello di una lava lamp (lampada di lava) larga e più profonda della Baia di Hudson (Canada), la baia marina più vasta del mondo. Ora, uno studio, pubblicato sulla rivista Nature, basato su modelli computerizzati ed sui dati rilevati dalla sonda durante il sorvolo dello scorso anno, ha chiarito la profondità del serbatoio di azoto solido e la velocità con cui scorre il ghiaccio.

La Sputnik Planum è sempre stata una delle zone più enigmatiche di Plutone.
E' considerata giovane in termini geologici perché priva di crateri: il pavimento è composto da cellule ghiacciate di azoto dai contorni irregolari, in cui il metano ha colmato le lacune; decorata da increspature simili a dune, texture a "pelle di serpente" e "fossette".
Si trova ad una quota inferiore rispetto all'area circostante ma anche le cellule poligonali che la compongono, con diametri tra i 16 ed i 48 chilometri, hanno una topografia: osservate con un'illuminazione radente, mostrano un centro rialzato e bordi increspati, con variazioni complessive di altezza di circa 100 metri.

"Per la prima volta, siamo stati in grado di determinare la natura di questi strani 'lividi' sulla superficie di Plutone", ha dichiarato McKinnon nel report, autore principale del documento. "Abbiamo trovato la prova che anche su un pianeta freddo, a miliardi di chilometri dalla Terra, c'è energia sufficiente per un'attività geologica vigorosa a patto che si disponga della roba giusta, il che significa qualcosa di morbido e flessibile come l'azoto solido".

Secondo McKinnon e colleghi, l'azoto solido in profondità viene riscaldato dal modesto calore interno di Plutone, diventando capace di risalire e galleggiare sotto forma di grandi macchie, prima di raffreddarsi e sprofondare di nuovo. I modelli al computer hanno mostrato che il serbatoio deve trovarsi a pochi chilometri di profondità e che le celle di convezione sono molto ampie. Le simulazioni mostrano ancora che queste bolle di azoto possono fondersi ed evolversi nel corso di milioni di anni.
Le "X" o le "Y", cioè i punti in cui i blocchi si incontrano come le fughe di una pavimentazione, indicherebbero i punto in cui il ghiaccio di azoto si è raffreddato ed inizia a sprofondare di nuovo.

Questi moti convettivi interessano solo pochi centimetri all'anno quindi, per riciclare completamente una cellula ci vogliono almeno 500.000 anni o giù di lì.

"Questa attività probabilmente contribuisce a sostenere l'atmosfera di Plutone aggiornando continuamente la superficie del cuore", ha detto McKinnon. "Non ci sorprenderebbe di vedere questo processo su altri pianeti nani nella fascia di Kuiper".

Altre informazioni su questo articolo

Read 2105 times Ultima modifica Giovedì, 02 Giugno 2016 10:52
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista