Scritto: Mercoledì, 18 Maggio 2016 08:41 Ultima modifica: Mercoledì, 18 Maggio 2016 09:57

New Horizons continua l'esplorazione della fascia di Kuiper. I primi dati su 1994 JR1


In attesa che venga ufficialmente approvata la missione estesa nella fascia di Kuiper, la Kuiper belt Extended Mission (KEM), la sonda della NASA New Horizons sta scaldando i motori iniziando ad esplorare alcuni tra gli oggetti più remoti del nostro Sistema Solare.

Rate this item
(0 votes)
Grazie ai dati sulla curva di luce, cioè sulle variazioni della luce riflessa dalla superficie dell'oggetto, è stato possibile determinare il periodo di rotazione di 5,4 ore di 1994 JR1. Grazie ai dati sulla curva di luce, cioè sulle variazioni della luce riflessa dalla superficie dell'oggetto, è stato possibile determinare il periodo di rotazione di 5,4 ore di 1994 JR1. Crediti: NASA/JHUAPL/SwRI

1994 JR1 è stato osservato due volte.
Fu scoperto il 12 maggio del 1994 da M. J. Irwin e A. Zytkow con il telescopio Isaac Newton dell'Osservatorio Roque de los Muchachos a La Palma. E' un KBO (Kuiper Belt Object) di 145 chilometri di larghezza, in orbita ad oltre 5 miliardi di chilometri da Sole.

1994 JR1 novembre 2015

1994 JR1 ripreso dalla fotocamera LORRI il 2 novembre 2015.
Quando sono state scattate queste foto, l'oggetto si trovava a 5,3 miliardi di chilometri dal Sole e a 280 milioni di chilometri da New Horizons.
Crediti: NASA/JHUAPL/SwRI

Rilevato da New Horizons a novembre 2015 da una distanza di 280 milioni di chilometri, è stato fotografato dal sistema di imaging LORRI (Long Range Reconnaissance Imager) il 7 e l'8 aprile 2016, da 111 milioni di chilometri.

1994 JR1

1994 JR1 ripreso dalla fotocamera LORRI il 7 e l'8 aprile 2016.
I due frame sono i primi due di una sequenza di venti osservazioni

Crediti: NASA/JHUAPL/SwRI

"Grazie alle osservazioni di novembre 2015 ed aprile 2016, possiamo determinare la posizione di JR1 entro i 1000 km, di gran lunga meglio che per qualsiasi altro piccolo KBO", ha dichiarato nel report Simon Porter del Southwest Research Institute (SwRI) di Boulder, Colorado.
Una conoscenza più accurata dell'orbita ha anche permesso di sfatare una teoria di qualche anno fa, secondo la quale JR1 sarebbe stato un quasi satellite di Plutone.

Le osservazioni più recenti hanno consentito, inoltre, di determinare il periodo di rotazione dell'oggetto, osservando le variazioni della luce riflessa dalla superficie (immagine in apertura). 1994 JR1 ruota in 5,4 ore che "è relativamente veloce per un KBO", ha commentato John Spencer sempre dello SwRI.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1460 times Ultima modifica Mercoledì, 18 Maggio 2016 09:57
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2 commenti

  • Comment Link Elisabetta Bonora Martedì, 07 Giugno 2016 07:56 posted by Elisabetta Bonora

    Ciao Roberto, grazie a te da parte di tutto il team!

  • Comment Link Roberto Domenica, 05 Giugno 2016 22:23 posted by Roberto

    volevo solo ringraziarvi per il continuo aggiornamento che ci offrite e pensare che nel lontano 1957 il primo libro di astronomia lo trovai in canonica avevo 9 anni e da allora i miei occhi guardano il cielo grazie ancora
    Roberto M.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 4 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 4 Aprile sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 4 Aprile [Last update: 04/04/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 2/4/20 - Sol 478] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS