Scritto: Venerdì, 06 Maggio 2016 17:43 Ultima modifica: Venerdì, 06 Maggio 2016 18:22

La superficie di Idra è dominata dal ghiaccio d'acqua


La sonda della NASA New Horizons ha recentemente inviato a Terra le informazioni sulla composizione dei quattro piccoli satelliti minori di Plutone, confermando che la superficie di Idra, il più esterno, è dominata dal ghiaccio d'acqua.

Rate this item
(0 votes)
La superficie di Idra è dominata dal ghiaccio d'acqua Crediti: NASA/JHUAPL/SwRI

I dati, raccolti dal Ralph/Linear Etalon Imaging Spectral Array (LEISA) il giorno del famoso fly-by del 14 luglio 2015, concordano con le prime intuizioni basate sulle immagini di LOng Range Reconnaissance Imager (LORRI) che mostravano una luna altamente riflettente.

Gli spettri in infrarosso di LEISA indicano la presenza inequivocabile del ghiaccio d'acqua cristallino, proprio come Caronte. Ma le bande di assorbimento di Idra sono ancora più profonde (immagine in apertura) suggerendo che i grani di ghiaccio sulla sua superficie sono più grandi o più riflettenti sotto particolari angoli di incidenza della luce solare.

Idra ha una forma che ricorda il corpo bilobato della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko della missione dell'ESA Rosetta. Così come è stato proposto per Chury, anche il satellite di Plutone potrebbe essere il risultato di una lenta collisione tra due lune. Le due parti si sarebbero formate dal disco di detriti ricco di acqua ghiacciata prodotto dalle collisioni dei due corpi principali mentre si stava formando il sistema binario Plutone-Caronte 4 miliardi di anni fa. Maggiori bande di assorbimento ed alta riflettanza indicherebbero un materiale poco contaminato. Ma gli scienziati stanno ancora studiando perché il ghiaccio di Idra sembra essere più "pulito" di quello di Caronte:
"Forse gli impatti con i micro-meteoriti rinfrescano in continuazione la superficie di Idra esponendo materiale incontaminato", ha detto nel report Simon Porter, del Southwest Research Institute in Boulder, Colorado. "Un processo che potrebbe risultare insufficiente su Caronte dove la gravità dovrebbe trattenere la maggior parte dei detriti generata dagli impatti".

Altre informazioni su questo articolo

Read 1256 times Ultima modifica Venerdì, 06 Maggio 2016 18:22
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 2 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 1 Aprile).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020]

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 3 Aprile sera)

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 2/4/20 - Sol 478] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS