Scritto: Giovedì, 17 Marzo 2016 11:06 Ultima modifica: Giovedì, 17 Marzo 2016 17:48

La "pelle di serpente" di Plutone potrebbe essere un antico reperto antecedente alla formazione del Sistema Solare?


La sonda della NASA New Horizons ha svelato paesaggi misteriosi durante lo storico fly-by di Plutone del 14 luglio 2015.
Uno di questi è una caratteristica texture detta a "pelle di serpente" sul lato orientale del famoso "cuore" del pianeta nano. Secondo il team questa strana superficie squamosa potrebbe contenere indizi della nebulosa protosolare da cui si è formato il Sistema Solare.

Rate this item
(0 votes)
Plutone - Tartaro Dorsa Plutone - Tartaro Dorsa Credit: NASA/JHUAPL/SwRI

I modelli suggeriscono che si tratta di mini-montagne, alte circa 500 metri, molto fitte e compatte, orientate in direzione nord-sud.
"La loro distanza relativa di circa 3-5 chilometri le rende una delle caratteristiche più ripide viste su Plutone", ha scritto in un post il fisico matematico Orkan Umurhan, membro del team scientifico di New Horizons presso l'Ames Research Center della NASA a Moffett Field, California.

L'immagine in apertura mostra una di queste regioni nota come Tartaro Dorsa ed è un esempio di quello che i geologi chiamano "terreno lamellare".

I dati sprettroscopici rilevati da LEISA (Linear Etalon Imaging Spectral Array) a bordo di New Horizons hanno mostrato che questa zona è composta in prevalenza di metano (CH4) con una buona dose di acqua mescolata insieme.
Il team si è chiesto da quanto tempo esistono tali formazioni che hanno mantenuto spigoli così vivi e versanti scoscesi a quelle condizioni di gravità e temperatura.

Secondo Umurhan la struttura portante potrebbe essere composte sia da ghiaccio di metano puro che da un clatrato di metano, cioè un composto a gabbia in cui una specie molecolare primaria, per esempio l'acqua, forma una struttura cristallina in grado di contenere una molecola ospite, come potrebbe essere il metano.
Non è chiaro, però, se il metano puro sarebbe in grado di mantenere pendii così ripidi e taglienti per un lungo periodo ed i studi che affrontano l'argomento mostrano risultati ambigui. Secondo un documento elementi di metano ghiacciato di quelle dimensioni si sarebbero appiattiti nel giro di qualche decennio ma se, invece, il costituente base del terreno lamellare fosse un clatrato di metano, allora probabilmente la struttura sarebbe rimasta stabile per molto tempo. D'altra parte, i clatrati di metano esistono anche sulla Terra nei fondali marini più profondi. Quelli terrestri sono, però, particolarmente sensibili alle variazioni termiche. In caso di aumenti di temperatura, la gabbia si rompe e lascia fuoriuscire il metano, un problema che su Plutone non dovrebbe esistere.

Alcuni studi recenti suggeriscono, inoltre, che i clatrati di metano nelle lune ghiacciate del Sistema Solare esterno e anche nella fascia di Kuiper si sono formati all'interno della nebulosa protosolare, quindi agli arbori del Sistema Solare, il che li rende probabilmente tra i materiali più antichi.
Forse, quindi, Tartaro Dorsa racchiude in sé un tesoro archeologico: "il materiale costituente il terreno lamellare di Tartaro Dorsa potrebbe essere un record geologico antecedente alla formazione del Sistema Solare? Sarebbe interessante!", ha concluso Umurhan.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1614 times Ultima modifica Giovedì, 17 Marzo 2016 17:48
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 3 Giugno

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 2 Giugno sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 2 Giugno [Last update: 06/02/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 1/6/20 - Sol 537] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 3 Giugno [updated on Jun,03]

HOT NEWS