Scritto: Venerdì, 04 Marzo 2016 07:21 Ultima modifica: Venerdì, 04 Marzo 2016 08:47

Cime imbiancate su Plutone con neve di metano


Se i paesaggi innevati sulla Terra hanno il loro fascino, le cime imbiancate di Plutone potrebbero diventare un'agognata meta esotica per astronauti alpinisti e sciatori in un futuro lontano. Analizzando i dati e le immagini inviate dalla sonda della NASA New Horizons, gli scienziati hanno scoperto che il metano presente in atmosfera, può condensare sotto forma di ghiaccio sulle vette più alte.

Rate this item
(0 votes)
Dettaglio della Cthulhu Regio, ottenuto dalla sonda New Horizons da una distanza di 33.900 chilometri da Plutone, circa 45 minuti prima del massimo avvicinamento del 14 luglio 2015. Il riquadro a destra mostra  i dati del Ralph/Multispectral Visible Imaging Camera (MVIC) mostrano la distribusione del ghiaccio brillante in falsi colori, come viola. Dettaglio della Cthulhu Regio, ottenuto dalla sonda New Horizons da una distanza di 33.900 chilometri da Plutone, circa 45 minuti prima del massimo avvicinamento del 14 luglio 2015. Il riquadro a destra mostra i dati del Ralph/Multispectral Visible Imaging Camera (MVIC) mostrano la distribusione del ghiaccio brillante in falsi colori, come viola.

Una delle caratteristiche maggiormente riconoscibili di Plutone è la cosiddetta Cthulhu Regio, la zona montuosa che delimita la Sputnik Planum, la grande pianura nel "cuore" del pianeta nano, verso ovest, nord-ovest. Misura 3.000 chilometri di lunghezza per 750 chilometri di larghezza.
Cthulhu ha una superficie scura, probabilmente ricoperta di toline, una sostanza che si forma per irraggiamento da parte della radiazione ultravioletta solare di composti organici semplici come metano o etano, spesso combinati con sostanze inorganiche quali l'azoto molecolare. Non esistono in natura sulla Terra ma sono state ricreate in laboratorio. Il loro colore dipende dal rapporto tra le diverse molecole e dalla quantità ed il tipo di radiazione a cui il materiale è esposto: può andare dal giallo, al rosso, al nero.

La topografia della zona è molto varia: montagne, colline, crateri e fratture.

Una prima mappatura del metano, che include anche la Cthulhu Regio, risale a settembre 2015.

Mappa del metano rilevata dallo spettrometro ad infrarossi Ralph/LEISA.

Mappa del metano rilevata dallo spettrometro ad infrarossi Ralph/LEISA.
Credit: NASA/JHUAPL/SWRI

In linea generale, le concentrazioni più elevate appaiono nelle pianure e lungo i bordi dei crateri mentre è assente al centro dei bacini da impatto e nelle zone scure. Al di fuori della Sputnik Planum, il metano ghiacciato sembra preferire le aree più luminose ma non è chiaro che tipo di correlazione esista tra le due caratteristiche: se questa distribuzione avviene perché quei punti sono più favorevoli alla condensazione del metano o se è la sua condensazione a renderli più brillanti.

Ora, il team ha fatto un ulteriore passo avanti nell'interpretazione degli enigmi plutoniani, scoprendo che il metano che riveste le cime più alte, brillanti ed in netto contrasto con il rosso mattone scuro circostante della Cthulhu, non fa propriamente parte della superficie di Plutone ma arriva dall'atmosfera, condensando e formando una sorta di manto nevoso.
"Il fatto che questo materiale ricopra solo le cime più alte suggerisce che il ghiaccio di metano può agire come l'acqua nell'atmosfera terrestre, condensando come brina ad alta quota", ha spiegato nel report John Stansberry, dello Space Telescope Science Institute, Baltimore, Maryland.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1287 times Ultima modifica Venerdì, 04 Marzo 2016 08:47
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS