Scritto: Venerdì, 02 Ottobre 2015 09:46 Ultima modifica: Venerdì, 12 Agosto 2016 18:31

Tutti i colori di Caronte


Il team di New Horizons colpisce ancora e come è consuetudine, ormai, poco prima del week-end rilascia nuove strabilianti immagini: questa è stata la volta di Caronte, la luna maggiore di Plutone.

Rate this item
(0 votes)
Questa incredibile composizione, realizzata con i filtri rosso, verde e blu della Ralph/Multispectral Visual Imaging Camera (MVIC), mostra la luna di Plutone, Caronte, ripresa dalla sonda New Horizons poco prima del flyby del 14 luglio. Questa incredibile composizione, realizzata con i filtri rosso, verde e blu della Ralph/Multispectral Visual Imaging Camera (MVIC), mostra la luna di Plutone, Caronte, ripresa dalla sonda New Horizons poco prima del flyby del 14 luglio. Credit: NASA/JHUAPL/SwRI

Poco prima del massimo avvicinamento al pianeta nano, durante il flyby dello scorso 14 luglio, la Ralph/Multispectral Visual Imaging Camera (MVIC), a bordo della sonda, ha catturato la superficie di Caronte nei filtri rosso, verde e blu, combinati insieme ed enfatizzati nell'immagine in apertura. Il risultato è una tavolozza incredibilmente varia, ad indicare una composizione geologica variegata ed una storia complessa.

Con un diametro di 1,214 chilometri, circa la metà di Plutone, Caronte era stata ritenuta finora un mondo monotono e butterato di crateri. Ma New Horizons sta mostrando una superficie caratterizzata da montagne, canyon, frane e colori. Gli scienziati sono letteralmente al settimo cielo perché mai avrebbero pensato di trovare un posto così diversificato ai confini del nostro Sistema Solare.

Le immagini ad alta risoluzione prese dalla fotocamera Long Range Reconnaissance Imager (LORRI) poco prima del massimo avvicinamento a Plutone, combinate in un mosaico in bianco e nero nella nostra gallery, sono state sovrapposte alle informazioni colore raccolte dalla camera MVIC nella composizione qui sotto. Il dettaglio risolve particolari di 0,8 chilometri.

Caronte - dettaglio

Credit: NASA/JHUAPL/SwRI

Un grande sistema di canyon si estende per 1.600 chilometri sulla faccia di Caronte e probabilmente prosegue fino al lato opposto. Quattro volte più a lungo del Grand Canyon e due volte più profondo in alcuni punti, indica un importante sconvolgimento geologico nel passato della luna.

"Sembra che l'intera crosta di Caronte sia stata aperta", ha detto John Spencer, Southwest Research Institute di Boulder, Colorado.
"Per quanto riguarda la sua dimensione rapportata a Caronte, questa caratteristica è molto simile al vasto sistema di canyon della Valles Marineris su Marte", ha aggiunto.

Uno spicchio della regione polare della luna, informalmente chiamata Mordor Macula, con il suo tipico colore rossastro, rientra in alto a destra in questa vista. Ricoperto di una sostanza chiamata "tholins" (toline), che si forma per irraggiamento da parte della radiazione ultravioletta solare di composti organici semplici come metano o etano spesso combinati con sostanze inorganiche quali l'azoto molecolare, potrebbe essere parte dell'atmosfera di Plutone catturata dalla superficie di Caronte.

La montagna incastonata spicca in basso a destra in questo mosaico, mentre una superficie a "pelle d'oca" sembra modellare le zone lisce tra i crateri in basso a sinistra. In generale, queste pianure a sud del canyon, chiamate Vulcan Planum, mostrano crateri più piccoli rispetto all'emisfero settentrionale, dice il team, cioè sono più giovani. I contorni morbidi dei solchi e delle creste indicano che la superficie deve essere stata rimodellata di recente (in termini geologici) in quei punti.

Ancora una volta, la presenza di superfici lisce riconduce all'idea di un possibile processo di criovulcanismo ma il team sta anche discutendo l'ipotesi che un oceano di acqua sotto la crosta della luna sia rimasto congelato e bloccato molto tempo fa. La relativa variazione di volume avrebbe causato le crepe che vediamo oggi su Caronte, permettendo contemporaneamente alla lava di acqua di raggiungere la superficie e rimodellarla.

La soluzione all'enigma potrebbe essere a bordo di New Horizons che conserva ancora una grande mole di dati ed immagini da trasmettere a Terra. In attesa, il team ha rilasciato una fantastica ricostruzione di un "volo" sulla superficie della luna: l'avventura parte dal polo nord per spostarsi verso sud sopra il sistema di canyon, scendendo da 1.800 chilometri a 60 chilometri sopra la superficie. Da qui sui prosegue a sud per sorvolare la montagna incastonata, informalmente chiamata "Kubrick Mons". Buona visione!

 

Credit: NASA/JHUAPL/SwRI/Stuart Robbins

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2459 volta/e Ultima modifica Venerdì, 12 Agosto 2016 18:31
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista