Domenica 17 Dicembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

New Horizons svela il cuore montuoso di Plutone

Questa foto è stata acquisita dal Long Range Reconnaissance Imager (LORRI) il 14 luglio 2015 da una distanza di 77.000 km. (riesce a risolvere caratteristiche di circa 1 km).
Questa foto è stata acquisita dal Long Range Reconnaissance Imager (LORRI) il 14 luglio 2015 da una distanza di 77.000 km. (riesce a risolvere caratteristiche di circa 1 km). Credit: NASA/JHUAPL/SWRI

Ad una settimana dallo storico flyby nel sistema di Plutone, la NASA sta rilasciando nuove incredibili immagini della superficie del pianeta nano.
L'immagine in apertura mostra una catena montuosa, appena scoperta, vicino al margine sud-occidentale della Tombaugh Regio, il cuore di Plutone.

 Questa foto è stata acquisita dal Long Range Reconnaissance Imager (LORRI) il 14 luglio 2015 da una distanza di 77.000 chilometri. La catena montuosa si trova appena ad ovest della pianura chiamata Sputnik Planum, a circa 110 chilometri dalle montagne di ghiaccio denominate Norgay Montes. Rispetto a quest'ultima, i picchi sembrano meno alti, da 0.8 a 1,5 chilometri rispetto alla pianura circostante.

 La stessa immagine è stata qui sotto unita ad un'altra da poco pubblicata e copre la regione sud-ovest di Tombaugh:

lor 0299175145 0x632 sci 7.v01

Mosaico di due immagini riprese a circa 1 minuto di distanza da LORRI, vicino al margine sud-occidentale della Tombaugh Regio (il Nord è a sinistra); i dettagli più piccoli misurano 1 km circa
Credit: NASA / JHUAPL / SwRI - Processing: M. Di Lorenzo (DILO)

 "C'è una differenza marcata nella struttura tra le giovani pianure ghiacciate ad est e il terreno scuro pesantemente craterizzato a ovest", ha detto Jeff Moore, geologo della missione presso l'Ames Research Center a Moffett Field, California. "C'è una complessa interazione, che stiamo ancora cercando di capire, tra i materiali scuri e chiari". Mentre Sputnik Planum sembra essere relativamente giovane in termini geologici, forse meno di 100 milioni di anni, la regione più scura risale probabilmente miliardi di anni, come suggerito dalla presenza o meno di crateri.

 La Tombaugh Regio si sta rivelando, dunque, una regione molto complessa e varia: dalle montagne di ghiaccio (l'unico materiale che, secondo il team, alle temperature gelide di Plutone può comportarsi come roccia tanto da costruire rilievi alti chilometri) al materiale scuro che potrebbe essere formato da composti carboniosi ed esotici, fino alla superficie liscia poligonale che sarebbe monossido di carbonio ghiacciato.

Plutone - mappa del monossido di carbonio

Mappa della concentrazione del monossido di carbonio rilevato dallo spettrometro Ralph.
Credit: NASA / JHUAPL / SwRI

 Di sicuro, Plutone e la sua luna maggiore Caronte non sono corpi inerti come pensato finora: "Sono molto attivi e lo sono stati per miliardi di anni, ma non sappiamo da dove provenga l'energia. Si tratta di un puzzle", aveva dichiarato Alan Stern, ricercatore principale della missione. "Hanno superfici senza crateri, vediamo linee di faglia, scarpate ed altre caratteristiche tettoniche inconfondibili". Una teoria è che ci sia una fonte di calore radioattiva nel suo nucleo roccioso, ritenuto circa il 60 per cento della sua massa.

 Intanto, nel catalogo di immagini raw, la famiglia di Plutone sta lentamente aumentando. Ieri, oltre ad alcune foto di Plutone e Caronte del 13 e del 14 luglio (si vedano le immagini qui sotto) sono state rilasciate anche quelle di Idra e Notte che, sebbene sottintendano una manciata di pixel, cominciano ad acquisire una loro personalità:

Nix e Hydra 13

Immagini di Nix/Notte (a sinistra) e Hydra/Idra (a destra) riprese il 13 luglio da una distanza di 600mila km - Credit: NASA / JHUAPL / SwRI - Processing: M. Di Lorenzo (DILO)

 Immagini più ravvicinate dei due piccoli satelliti sono state pubblicate ieri in un comunicato stampa e sono state prese da 165000 km nel caso di Notte e 230000 km da Idra.

nh nix hydra 7 21

Immagini Ralph di Hydra e immagine LORRI di Nix, entrambe scattate il 14 luglio - Credit: NASA / JHUAPL / SwRI

 La luna Notte (a sinistra) qui è anche riprodotta a colori "esagerati", ripresi dallo strumento Ralph; c'è una macchia rossastra che ha attirato l'interesse degli scienziati; l'immagine mostra dettagli di circa 3 chilometri e le dimensioni del satellite sono stimate in 42x36 km. Idra , che è leggermente più grande (55 km) mostra una forma ancora più irregolare e qualcuno ha notato una forte somiglianza con l'asteroide NEO Eros, visitato dalla sonda americana NEAR Shoemaker 15 anni fa; anche se la distanza di scatto è maggiore, grazie alla risoluzione dello strumento LORRI i dettagli più fini misurano solo 1,2 chilometri; si riconoscono chiaramente una macchia chiara e una scura che potrebbero essere dovute alla presenza di grossi crateri.

lor 0299147641 0x632 sci 3

Caronte ripreso da LORRI 9 ore prima del massimo avvicinamento, da una distanza di circa 500mila km - Credit: NASA / JHUAPL / SwRI - Processing: M. Di Lorenzo (DILO)

19917988071 53bcf6df26 o

Viste tridimensionali di Plutone (da osservare con occhialini anaglifi) ottenute da due immagini LORRI scattate la sera del 13 luglio a distanza di 15 minuti una dall'altra.
Pluto LORRI 2015-07-13 20:17:35 & 20:02:50 UTC anaglyph - Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Qui sotto ancora un mosaico di Plutone, in colori virtuali realizzato con i due frame in formato raw ripresi da New Horizons il 14 luglio, durante il flyby sulla Tombaugh Regio (il cuore di Plutone). In questa elaborazione, i colori aiutano a migliorare la percezione di alcune caratteristiche come una diversità di materiale tra la zona pianeggiate e i rilievi, le texture a pelle d'oca simili a dune di ghiaccio e forme irregolari che ricordano il pack artico.

Pluto LORRI 2015-07-14 virtual color

Pluto LORRI 2015-07-14 virtual color
Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2 commenti

  • Link al commento Elisabetta Bonora Giovedì, 23 Luglio 2015 06:39 inviato da Elisabetta Bonora

    Salve Livio, in effetti, come ho scritto, alcune caratteristiche mi ricordano molto il pack artico.
    Vedremo i prossimi dati e le prossime immagini cosa sveleranno :)

  • Link al commento Livio Mercoledì, 22 Luglio 2015 21:04 inviato da Livio

    La foto ultima, quella elaborata da Elisabetta e Marco, mostra un qualcosa che sembra nettamente un oceano ghiacciato con le sue onde... emozionante. La differenza di temperatura tra afelio e perielio forse genera qualche fenomeno di ghiacciamento/sghiacciamento atmosferico, chissà!

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.