Scritto: Giovedì, 16 Luglio 2015 22:07 Ultima modifica: Venerdì, 17 Luglio 2015 06:50

Una "montagna incastonata" su Caronte


Una nuova chicca è stata da poco pubblicata sul sito ufficiale di New Horizons e riguarda stavolta Caronte, il pianeta nano compagno di Plutone*

Rate this item
(0 votes)
Immagine globale di Caronte, dettaglio originale (al centro) e dopo la "ripulitura" Immagine globale di Caronte, dettaglio originale (al centro) e dopo la "ripulitura" Credit: NASA / Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory / Southwest Research Institute - processing by M. Di Lorenzo (DILO)

 Nel mosaico qui sopra, l'immagine al centro è quella ormai famosa, la vista globale di Caronte ripresa il giorno prima del flyby da quasi mezzo milione di km. Quella al centro, invece, è una visione ravvicinata ed è un "subframe" di una ripresa effettuata intorno alle 10:30 UTC del 14 luglio, 1h 20m prima del massimo avvicinamento a Plutone, da una distanza di soli 79000 km. Essa abbraccia una zona lunga quasi 400 km nei pressi del terminatore, dove i rilievi si apprezzano meglio.

 Purtroppo, come avviene per molte delle immagini trasmesse in questi giorni, si è sacrificato il dettaglio in favore della rapidità di download e quindi l'immagine è stata fortemente compressa, una compressione "lossy" anologa a quella del formato jpeg e che distrugge, in parte, le informazioni di partenza. Nella versione a destra ho cercato di fare un ritocco puramente estetico (per la precisione uno "smoothing selettivo gaussiano") che restituisce una visione più naturale e meno "squadrettata" delle regioni più uniformi, anche se a costo di una ulteriore lieve perdita di dettaglio. Queste immagini verranno comunque ritrasmesse a terra nella versione "ad alta fedeltà", nei prossimi mesi, questa è solo una "anteprima".

 Oltre ad un certo numero di crateri di varie dimensioni, le caratteristiche più accattivanti mostrate dall'immagine sono due. La prima è una serie di fratture dritte e sottili che sembrano formare una pavimentazione "poligonale", tipica di terreni sottoposti a stress termico che subiscono una contrazione fratturandosi. La seconda, a cui si riferisce il titolo ironicamente, è la curiosa montagna (o se si preferisce un gigantesco masso dall'aspetto spigoloso) lungo oltre 30 km e che sembra affiorare, anzi sprofondare, nel terreno circostante, come se fosse incastrata in un crepaccio o capitata nelle sabbie mobili! Le ipotesi sulla reale natura e sulla genesi di questa inedita struttura sono molte e vanno da un eccesso di sublimazione del ghiaccio attorno alla montagna a causa dello stress meccanico fino al frammento di meteorite che, rimbalzando a bassa velocità e agevolato dalla gravità ridotta, si sarebbe conficcato nella superficie senza scavare un vero cratere...

Riferimenti:
- http://pluto.jhuapl.edu/Multimedia/Science-Photos/pics/CHARON%20GRAPHIC%207-16.jpg

* Nota sulla terminologia "doppio pianeta nano". Come già spiegato in un precedente articolo, definire Caronte, come fanno tutti, "luna di Plutone" è scorretto poichè i due corpi hanno dimensioni confrontabili e soddisfano entrambi la definizione di "pianeta nano"! ma tant'è, in questi giorni sull'onda degli entusiasmi hanno anche detto tutti che Plutone è un pianeta, riesumandolo al suo antico ruolo con buona pace per le decisioni prese dalla Unione Astronomica Internazionale...

Read 2069 times Ultima modifica Venerdì, 17 Luglio 2015 06:50
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS