Scritto: Mercoledì, 15 Luglio 2015 21:31 Ultima modifica: Giovedì, 16 Luglio 2015 21:42

Plutone, Caronte e Idra: rilasciate le prime spettacolari immagini del flyby


La NASA ha mostrato, in diretta su NASA TV, le prime spettacolari immagini di Plutone e le sue lune, riprese dalla sonda della NASA New Horizons durante il flyby. E con le foto sono arrivati anche molti dati ma questo è solo l'inizio.

Rate this item
(0 votes)
La prima incredibile immagine della superficie di Plutone ripresa dalla sonda della NASA New Horizons La prima incredibile immagine della superficie di Plutone ripresa dalla sonda della NASA New Horizons Credits: NASA/JHU APL/SwRI

Dopo aver contattato con successo la Terra alle 00:52:37 UT di questa notte, oggi New Horizons ha comunicato per ben due volte, dalle 09:32 UT alle 10:59 UT e dalle 12:31 UT alle 19:25 UT, trasmettendo i primi dati e soprattutto le prime immagini tanto attese.

Già da qualche ora giravano in rete i volti entusiasti del team, soprattutto quello di Alan Stern, ricercatore principale della missione New Horizon. Le loro espressioni di sorpresa e stupore non hanno fatto altro che aumentare la suspense tra il pubblico ma avevano ragione: le foto mostrate poco fa sono semplicemente fantastiche!

Alan Stern

Vi ricordate Plutone e Caronte come apparivano il giorno prima del sorvolo?

Charon and Pluto - LORRI 2015-07-13

Charon and Pluto - LORRI 2015-07-13
Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Davvero molto dettagliati ma niente in confronto alla risoluzione che New Horizons è riuscita a regalarci oggi.

John Spencer, co-ricercatore principale della missione del Southwest Research Institute, dopo aver annunciato che la zona a forma di cuore è stata chiamata "Tombaugh Regio" in onore dello scopritore del pianeta nano Clyde Tombaugh, ha svelato la prima vista ravvicinata della superficie di Plutone (in apertura la migliore risoluzione finora disponibile), solo un frame che fa parte di un mosaico più grande.

#PlutoFlyby

#PlutoFlyby

Questa foto è stata scattata 1,5 ore prima del massimo avvicinamento, quando la sonda era a 770.000 km di distanza, non è perciò ancora la migliore risoluzione che vedremo.

Spencer ha descritto l'area come un letto roccioso di ghiaccio d'acqua. Anche se il metano e l'azoto ghiacciato coprono gran parte della superficie del pianeta nano, questi materiali non sono abbastanza forti per costruire montagne, mentre il ghiaccio d'acqua può comportarsi come la roccia alle basse temperature di Plutone.
"Questo è il primo mondo ghiacciato che abbiamo visitato che non è in orbita intorno ad un pianeta gigante", ha detto.

Spencer ha aggiunto che la superficie di Plutone è giovanissima, qualcosa come 100 milioni di anni, niente rispetto ai 4,56 miliardi di anni del Sistema Solare: ci sono pochissimi crateri da impatto (nessuno nel dettaglio mostrato), le montagne superano i 3 chilometri di altezza e potrebbero ancora essere in formazione. Oppure potrebbe esserci qualche processo attivo in grado di rimodellare la superficie cancellando gli impatti e creando rilievi.

Jeff Moore, geologo della missione, ha dichiarato: "Si tratta di una delle superfici più giovani che abbiamo mai visto nel Sistema Solare"

Finora, abbiamo trovato queste caratteristiche sulle lune di pianeti giganti dove le maree gravitazionali riscaldano e modellano la superficie. Pensate ad Europa, il satellite di Giove, o a Encelado di Saturno. Ma Plutone da dove e da cosa ricevere calore? Si trova nella fascia di Kuiper ed intorno ha oggetti troppo piccoli per generare un simile effetto. Questa è una novità assoluta e dimostra che non c'è bisogno del riscaldamento mareale per avere una geologia sui mondi ghiacciati. Una possibile spiegazione potrebbe risiedere nel decadimento di elementi radioattivi oppure nel calore residuo generato dalla formazione del pianeta nano o dall'impatto catastrofico che ha dato vita a Caronte.

Alan Stern ha aggiunto che il team è alla ricerca di vulcani di ghiaccio e geyser perché potrebbero esserci; ha anche accennato al fatto che la grande regione scura equatoriale finora ufficiosamente chiamata "balena" è stata battezzata "Cthulu Regio".

Credit: NASA

Durante la conferenza è stata mostrata anche una mappa del metano di Plutone ripresa da Ralph/LEISA. "Abbiamo appena appreso che nella calotta polare nord il ghiaccio di metano è diluito in una spessa lastra trasparente di ghiaccio di azoto con conseguente forte assorbimento della luce infrarossa", ha detto New Horizons co-ricercatore Will Grundy, del Lowell Observatory di Flagstaff, Arizona. In una delle zone equatoriali scure, invece, il ghiaccio metano ha profondi assorbimenti infrarossi indicativi di una struttura molto diversa: "lo spettro appare come se il ghiaccio fosse meno diluito in azoto", Grundy specula "o che abbia una struttura differente in quella zona."

nh pluto ice

Mappa infrarossa con, in evidenza, due regioni il cui diverso spettro infrarosso è riportato a desta -  Credit: NASA-JHUAPL-SwRI

Passando alle lune, Idra risulta grande all'incirca 45 x 30 km (la stima precedente, 58 x 34 km, si basava sulle immagini Hubble) e sembra essere più riflettente del previsto (a metà strada tra l'albedo di Caronte e quello di Plutone): la sua superficie è composta probabilmente in prevalenza di ghiaccio d'acqua.

Hydra

Immagne LORRI di Hydra, con una risoluzione di 3 km/pixel - Credit: NASA-JHUAPL-SwRI

Idra

Versione "smoothed" dell'immagine precedente, con una intrigante struttura circolare sulla destra (cratere?)

La sua forma a mezzaluna e leggermente allungata, dipenderà solo dal punto d'inquadratura o Idra si potrebbe rivelare un corpo bilobato come la cometa 67P/Churyumov–Gerasimenko di Rosetta?

Anche l'immagine di Caronte rivela incredibili dettagli. E' stata ripresa da LORRI 13 luglio 2015 e ha una risoluzione di 5 km/pixel:

Caro

Immagine LORRI (da una distanza di 466.000 km); nell'inserto in alto, una immagine precedente ripresa da 1.5 milioni di km e colorata in base ai dati Ralph - Credit: NASA-JHUAPL-SwRI - Processing: M. Di Lorenzo (DILO)

Un corridoio di scogliere e depressioni si estende per circa 1.000 km, da sinistra a destra, suggerendo una diffusa fratturazione della crosta, probabilmente risultato di processi endogeni. In alto a destra, lungo il bordo del disco lunare, è visibile un canyon profondo 7-9 chilometri. Ma anche su Caronte c'è il mistero dei crateri mancanti: i segni di impatto sono pochissimi, persino vicino al terminatore dove anche una minima irregolarità topografica risulterebbe evidente; segno questo di una superficie giovane o recentemente modellata. La regione polare settentrionale è dominata dalla macchia scura dal confine diffuso, informalmente chiamata Mordor, forse uno strato di qualche tipo di materiale che copre le strutture sottostanti, con delle scarpate "ad angolo" che sembrano delimitare una depressione irregolare dal colore più scuro, la cui reale natura si comprenderà sicuramente meglio nelle immagini a più alta risoluzione e non compresse, da ricevere nelle prossime settimane/mesi. Stay tuned!

Read 4640 times Ultima modifica Giovedì, 16 Luglio 2015 21:42
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

3 commenti

  • Comment Link leopoldo Lunedì, 20 Luglio 2015 09:37 posted by leopoldo

    tks, :D

  • Comment Link Marco Di Lorenzo (DILO) Giovedì, 16 Luglio 2015 16:24 posted by Marco Di Lorenzo (DILO)

    Leopoldo, non è un problema di "modem" ma di potenza del segnale: alla distanza di Plutone, utilizzando l'energia del generatore al Plutonio a bordo di New Horizons, anche le enormi antenne del Deep Space Network (diametro di 34 e 70 m) raccolgono una potenza inferiore ai 10^-18 Watts (o, se preferisci, meno di 1 zeptowatt). Un segnale di questa potenza non può venire modulato rapidamente poichè, durante l'amplificazione, il rapporto segnale/rumore diventerebbe inaccettabile, anche utilizzando tecnologie di punta come ricevitori superconduttori criogenici (che sono quelli usati). Di conseguenza, la banda usata, o se preferisci il bitrate, deve essere necessariamente bassa, al massimo 1 kbit al secondo, confrontabile con quella dei modem BBS degli anni '80 (pre-internet); in caso contrario, gli errori di ricezione sarebbero molto frequenti a causa dell'elevato disturbo!
    Tanto per fare un altro esempio, le sonde Voyager, ancora più lontane e con le batterie ormai quasi scariche, trasmettono dati a soli 150 bit/s!

  • Comment Link leopoldo Giovedì, 16 Luglio 2015 09:42 posted by leopoldo

    azoto? interessante :D.

    sapete perché hanno inserito un modem a banda così bassa per le comunicazioni?

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS