Scritto: Domenica, 12 Luglio 2015 07:16 Ultima modifica: Lunedì, 13 Luglio 2015 05:29

L'ultimo ritratto di Plutone (e Caronte) ripreso dalla sonda della NASA New Horizons


A circa 4,8 miliardi di chilometri dalla Terra ed a soli 4 milioni di chilometri da Plutone, la sonda della NASA New Horizons sta svelando incredibili dettagli dell'ex nono pianeta del nostro Sistema Solare.

Rate this item
(0 votes)
Plutone ripreso dalla fotocamera LORRI a bordo della sonda New Horizons l'11 luglio 2015 Plutone ripreso dalla fotocamera LORRI a bordo della sonda New Horizons l'11 luglio 2015 Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

L'immagine in apertura, un nostro stack delle ultime foto rilasciate nel catalogo ufficiale, disponibile sul nostro album di Flickr, e l'elaborazione pubblicata dalla NASA nelle ultime ore, qui sotto, mostrano quattro intriganti macchie scure sulla superficie del pianeta nano, sull'emisfero rivolto verso Caronte, la sua luna più grande. Entrambi sono state riprese nella mattina dell'11 luglio da una distanza di circa 4 milioni di chilometri dalla fotocamera LORRI (Long Range Reconnaissance Imager). Queste rimarranno tra le migliori foto disponibili per studiare tali caratteristiche perché il sorvolo ravvicinato del 14 luglio avverrà sul lato opposto.

Alan Stern del Southwest Research Institute , Boulder, Colorado, ricercatore principale di New Horizons, descrive queste immagini come "l'ultimo miglior sguardo che chiunque potrà dare a Plutone per i prossimi decenni".

Plutone

Credit: NASA/JHUAPL/SWRI

Con le foto scattate tra giovedì e venerdì scorso sono iniziati ad emergere intriganti elementi geoligici.
La regione scura che corre lungo l'equatore continua ad interessare gli scienziati. Questa zona si sta mostrando molto più complessa di come appariva inizialmente: sembra collegare delle aree scure, piuttosto simili per dimensioni e dalla spaziatura regolare (quella che spunta all'estrema destra, proprio sul bordo del disco del pianeta, è una parte della cosiddetta "coda della balena").

"Non possiamo ancora dire se sono altipiani o pianure, o se sono variazioni di luminosità su una superficie completamente liscia", fa notare Curt Niebur, del programma New Horizons presso la sede di Washington.

I confini tra regioni chiare e scure sono irregolari ma ben definiti.
Il team conta di scoprire i segreti di questo emisfero nelle prossime ore, combinando i dati sul colore rilevati dallo spettrometro Ralph, che ancora devo essere inviati a Terra, con le immagini di LORRI.

Le immagini dell'11 luglio presentano anche altre interessanti caratteristiche geologiche, come un elemento circolare che potrebbe essere un cratere o un picco che sembra stagliarsi sul nero dello spazio interrompendo il contorno circolare di Plutone in basso a sinistra.

Plutone - LORRI 11 luglio 2015 con annotazioni

Credits: NASA/JHUAPL/SWRI

Quando la sonda sorvolerà Plutone il 14 luglio, osserverà, invece, la faccia opposta, quella caratterizzata da un grande cuore (visibile appena in alto a sinistra vicino al bordo del pianeta nano) che tanto ha affascinato i fan in questi giorni.

Pluto and Charon New Horizons LORRI 1X1 stack - 2015-07-07

Pluto and Charon New Horizons LORRI 1X1 stack - 2015-07-07
Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Le ultime immagini in cui Plutone e Caronte appaiono ancora insieme nel campo visivo di LORRI risalgono al 9 luglio.

Pluto and Charon LORRI 2015-07-09

Pluto and Charon LORRI 2015-07-09
Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Pluto and Charon LORRI 2015-07-09 (virtual color)

Pluto and Charon LORRI 2015-07-09 (virtual color)
Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Il vantaggio è che, ora, anche Caronte, non meno intrigante di Plutone, inizia ad essere protagonista.

Charon LORRI 4x  2015-07-11

Charon LORRI 4x 2015-07-11
Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Continuate a seguirci, le prossime ore si faranno sempre più interessanti!

Letto: 5341 volta/e Ultima modifica Lunedì, 13 Luglio 2015 05:29
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link Giuseppe Domenica, 12 Luglio 2015 14:06 posted by Giuseppe

    L'immagine di Pluto in alto è un'elaborazione davvero interessante, avete abbassato l'esposizione dell'immagine, questo rivela chiaramente l'highlight della luce riflessa del sole e come questo sia visibile solo nelle zone chiare, quelle scure infatti sembrano riflettere poco o nulla. Inoltre le parti scure sembrano (pura speculazione) a quota più bassa, mi ricordano per certi versi le linee costiere di Titano e il materiale scuro sembra "fluire" a riempire i bacini. Anche se nelle zone anulari, forse crateri, questo non sta in piedi, perchè è scuro l'anello esterno che dovrebbe svettare, come il picco centrale..

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista