Scritto: Martedì, 23 Giugno 2015 19:59 Ultima modifica: Domenica, 28 Giugno 2015 16:46

Plutone e Caronte: -20 allo storico incontro con la sonda New Horizons


Domani mancheranno solo 20 giorni all'incontro tra la sonda della NASA New Horizons ed il sistema di Plutone, mentre nuove immagini sempre più ravvicinate documentano lo storico viaggio e offrono un vedute inedite di un mondo così lontano.

Rate this item
(0 votes)
Plutone e Caronte ripresi dalla fotocamera LORRI a bordo della sonda della NASA New Horizons il 22 giugno 2015 Plutone e Caronte ripresi dalla fotocamera LORRI a bordo della sonda della NASA New Horizons il 22 giugno 2015 Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

In appena un mese, la fotocamera Long Range Reconnaissance Imager (LORRI), a bordo della navicella, ha fatto passi da gigante ed ora le foto iniziano a svelare incredibili dettagli del pianeta nano e la sua luna maggiore, Caronte che sfoggia un un misterioso "polo scuro".

Un'animazione NASA mostra l'intera sequenza dal 29 maggio al 19 giugno.

Fonte: https://youtu.be/navsfeb19vI

Qui sotto, invece, un mosaico di Plutone e Caronte con le ultime immagini, dal 16 al 22 giugno, rilasciate nel catalogo ufficiale, processate per aumentarne i dettagli e scalate come se fossero state scattate tutte dalla stessa distanza dal target di 10 milioni di chilometri (che New Horizons raggiungerà il prossimo 6 luglio). L'immagine di Caronte, che risulta naturalmente meno luminosa di Plutone, è stata leggermente schiarita.

New Horizons - Plutone e Caronte

Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Marco Di Lorenzo/Ken Kremer/kenkremer.com

Ed ecco una rotazione completa:

Plutone e Caronte

Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Marco Di Lorenzo/Ken Kremer/kenkremer.com

"Questo sistema è semplicemente fantastico", ha detto Alan Stern, del Southwest Research Institute di Boulder, Colorado, ricercatore principale per New Horizons. "Il team scientifico è proprio entusiasta con quello che si inizia a vedere nell'emisfero di Plutone". "E su Caronte, wow! credo che nessuno avesse previsto un terreno scuro al polo".

Gli scienziati della NASA usano una tecnica chiamata deconvoluzione per migliorare le immagini raw, ossia le immagini grezze trasmesse dal veicolo spaziale a Terra. Questo procedimento potrebbe, tuttavia, produrre artefatti che andranno verificati man mano che si avranno a disposizione risoluzioni maggiori. Probabilmente, la combinazione e sovrapposizione di più frame e le grandi variazioni di luminosità rendono anche Plutone meno sferico di quello che è in realtà.

Plutone LORRI 4x e deconvoluzione

Plutone - deconvoluzione

Plutone: LORRI 4x e deconvoluzione
Credits: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute

"L'identificazione inequivocabile di unità di terreno luminose e scure sia su Plutone che su Caronte indica una vasta gamma di paesaggi nel sistema", ha detto Jeff Moore, del NASA Ames Research Center a Mountain View, California. "Per esempio, la sorta di frangia luminosa che vediamo su Plutone potrebbe essere una calotta polare in evaporazione ora che è riscaldata dal Sole estivo".

In apertura, un nostro stack degli ultimi quattro frame trasmessi da New Horizons a Terra, ripresi il 22 giugno nell'arco di 45 secondi. L'immagine ottenuta, ingrandita del 400% rispetto all'originale e processata per enfatizzare i dettagli, è disponibile in dimensione originale sul nostro album di Flickr.

La sonda New Horizons, che ha da poco completato un'importante correzione di rotta, si trova ora nella "Approach Phase 3", a 4,7 miliardi chilometri dalla Terra ma a soli 25 milioni di chilometri da Plutone.

Seguite le fasi di avvicanemento nel post costantemente aggiornato da Marco Di Lorenzo!

Letto: 3955 volta/e Ultima modifica Domenica, 28 Giugno 2015 16:46
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista