Scritto: Mercoledì, 08 Aprile 2015 20:16 Ultima modifica: Giovedì, 09 Aprile 2015 09:07

New Horizons: meno di 100 giorni a Plutone


Dopo 111 mesi di navigazione, il veicolo spaziale più veloce lanciato finora dall'uomo, si trova a meno di 100 giorni dalla sua destinazione finale: Plutone.

Il prossimo 14 luglio alle 11:49:58 UT la sonda della NASA News Horizons effettuerà un passaggio ravvicinato raggiungendo la distanza minima di 12.500 chilometri dalla superficie del pianeta nano.

Rate this item
(0 votes)
New Horizons: meno di 100 giorni a Plutone Credit: Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute (JHUAPL/SwRI)

Mentre la NASA sta coinvolgendo il pubblico nella ricerca di nomi appropriati per le caratteristiche topografiche che verranno scoperte, con un concorso che terminerà il 24 aprile, al Johns Hopkins Applied Physics Laboratory nel Maryland, al KinetX Aerospace in California e al Jet Propulsion Laboratory della NASA, sempre in California, si sta lavorando duramente per organizzare lo storico incontro.

Dal loro lavoro dipenderà il successo della missione, spiega Alan Stern, ricercatore principale, sul sito web skyandtelescope.com.
La navigazione e il corretto puntamento in questa fase di avvicinamento saranno fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi.

Siamo abituati a sentir parlare di "finestra di lancio" durante le partenze dei veicoli spaziali da Terra: sia che si tratti di un cargo o della Soyuz diretti alla Stazione Spaziale Internazionale o di una sonda verso Marte, la finestra di lancio rappresenta l'arco di tempo ottimale, spesso vincolato, per raggiungere la destinazione stabilita. Se per qualche motivo il lancio non dovesse avvenire, pur causando una serie inconvenienti anche economici, non sarebbe così grave perché si potrebbe attendere l'opportunità successiva. Ma per la New Horizons la finestra del flyby sarà molto stretta e senza una seconda chance. Se gli eventi non dovessero verificarsi nel posto e nel momento giusto, la sonda, ad esempio, eseguirebbe le sequenze scientifiche programmate a vuoto, riprendendo lo spazio invece di Plutone e Caronte.

New Horizons - traiettoria

Se la sonda si troverà nel posto giusto al momento giusto, potrà osservare il Sole e la Terra sorgere sopra Plutone e Caronte.
Credit: NASA / JHU-APL

Fondamentale è quindi stabilire con estrema precisione la posizione di News Horizons: per far ciò le squadre stanno combinando i dati ricevuti dal Deep Space Network della NASA con la tecnica di navigazione ottica della sonda, con cui la fotocamera LORRI registra la posizione di Plutone ed i suoi satelliti sullo sfondo stellato. Tutte quelle immagini rilasciate finora in cui si assapora il fascino di mondi lontani, hanno in realtà una grande valenza tecnica.

Le ultime le trovate qui:

"Dopo tutto non siamo mai stati lì", ha detto Stern, "e la sua orbita [di Plutone] è meno nota di quella dei pianeti più vicini al Sole".

Il ritmo di queste riprese si intensificherà nei prossimi mesi e dopo una revisione incrociata dei dati, le squadre potranno pianificare fino a sei correzioni di traiettoria tra il 15 maggio e il 1 luglio. Dopo tale data non sarà più possibile accendere il motore ma si potranno ancora apportare alcune compensazioni sulla pianificazione dei tempi.

"E' come infilare la cruna di un ago nello spazio intorno a Plutone con un telecomando da Terra, che si trova a 4,8 miliardi di chilometri di distanza", ha dichiarato Stern, aggiungendo: "grazie al loro lavoro ci aspettiamo il massimo approccio entro 8 minuti rispetto all'ora prevista, dopo un viaggio di 9 anni e mezzo (che corrisponde a 5 milioni di minuti), entro 800 chilometri dalla posizione prevista dopo un viaggio di 4,8 miliardi di chilometri".

Cosa aspettarsi durante l'incontro? Gli scienziati della missione prevedono raffiche di particelle cariche con velocità fino a 1,6 milioni di km/h, che rallenteranno interagendo con l'atmosfera del pianeta nano. Infatti, nonostante Plutone di trovi a 5,8 miliardi di chilometri dal Sole, sente ancora gli effetti del vento solare. Il Solar Wind Around Pluto (SWAP) ed il Pluto Energetic Particle Spectrometer Science Investigation (PEPSSI) aiuteranno gli scienziati a caratterizzare l'ambiente.

"Per qualche ragione sconosciuta, il Sole sta soffiando meno duramente gli ultimi dieci anni e mezzo, stiamo assistendo al vento solare più debole dell'era spaziale," ha detto il co-ricercatore Dave McComas, del SwRI (Southwest Research Institute). "Un vento solare debole significa che la dimensione della regione dove interagisce con l'atmosfera superiore sfuggente dal pianeta nano, è maggiore rispetto alle nostre precedenti previsioni".

Il co-ricercatore Fran Bagenal, dell'Università del Colorado, a Boulder, ha aggiunto: "questo significa che New Horizons potrebbe attraversare il confine di interazione tra il vento solare e l'atmosfera di Plutone per molte ore, ancor prima del suo approccio più vicino del 14 luglio e ciò sarà una vera miniera d'oro scientifica".

Ultim'ora!

Un messaggio molto interessante è da poco apparso su Twitter:

Tenetevi pronti!!!! Yeah!

Read 4571 times Ultima modifica Giovedì, 09 Aprile 2015 09:07
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista