Scritto: Martedì, 08 Ottobre 2013 06:04 Ultima modifica: Domenica, 07 Giugno 2015 11:20

Una spinta verso Giove: 9 ottobre, il flyby della sonda della NASA Juno intorno alla Terra


Domani, 9 ottobre 2013, la sonda della NASA Juno effettuerà una manovra con "effetto fionda" intorno alla Terra per catturare la spinta necessaria a raggiungere Giove nel 2016.

Il veicolo spaziale da 3.267 chilogrammi passrà a 560 chilometri dalla superficie del nostro pianeta.

Rate this item
(0 votes)

Juno

Credit: NASA/JPL-Caltech

La manovra "gravity assist" è uno dei metodi più utilizzati per imprimere alle sonde la spinta necessaria verso il Sistema Solare esterno e il flyby di domani servirà a Juno per raggiungere Giove nel minor tempo, ottimizzando i costi.

"Quando Juno è stata lanciata, non è stata dotata di un razzo abbastanza potente per inviare un veicolo spaziale così pesante direttamente su Giove, per cui il flyby è una parte essenziale della missione," spiega Scott Bolton del Southwest Research Institute, principale ricercatore di Juno.

"Il razzo Atlas 5 ha fornito la metà della spinta di cui Juno aveva bisogno per raggiungere Giove e il flyby intorno alla Terra fornirà il resto", ha aggiunto.

La manovra di domani aumenterà la velocità del veicolo a 26,28 mila chilometri all'ora.

Juno traiettoria

Credit: ASI

Purtroppo l'evento si sta verificando in un momento non proprio felice per l'Agenzia Spaziale Americana, con il 97 per cento dei dipendenti a casa a causa dello shutdown.

La sonda Juno fa parte del programma New Frontiers della NASA ed è costata 1,1 miliardi di dollari.
Lanciata il 5 agosto 2011, arriverà intorno a Giove nel 2016 e sarà la prima sonda ad energia solare a raggiungere il Sistema Solare esterno con i suoi tre grandi pannelli di circa 10 x 2,7 metri.

Alla fine i suoi pannelli solari, disposti in circolo, coprono un'area di circa 20 metri di diametro.

 Juno playload

Credit: NASA

Il suo obiettivo è studiare la formazione e l'evoluzione di Giove perché questo potrà aiutare a comprendere meglio anche il nostro Sistema Solare.

Orbiterà intorno al pianeta per un anno terrestre, rilevando dati sull'atmosfera, sul campo gravitazionale e sul campo magnetico, con otto strumenti scientifici a forte contributo italiano.
Al nostro paese va il merito di aver fornito lo spettrometro ad immagine infrarosso JIRAM (Jovian InfraRed Auroral Mapper) e lo strumento di radioscienza KaT (Ka-Band Translator).

La sonda, grande come un autobus, sarà facilmente visibile da Terra: diversi osservatori astronomici hanno organizzato degli eventi ad hoc ma anche gli astronomi amatoriali potranno cimentarsi nell'impresa di riprendere il suo flyby.
I più fortunati saranno gli osservatori del Sud Africa, mentre in Italia il momento migliore dovrebbe essere alle 22:30 quando Juno si troverà ad un'altezza di +10°/+15° sull'orizzonte in direzione est.
Il sorvolo sarà molto veloce e i più bravi potranno inviare i loro scatti alla NASA e sperare in una pubblicazione.

Maggiorni informazioni:
http://www.media.inaf.it/2013/09/23/juno-un-fly-by-tutto-da-osservare/

Per seguire il flyby:
http://www.heavens-above.com/JunoFlyby.aspx?lat=0&lng=0&loc=Unspecified&alt=0&tz=UCT
http://www.iaps.inaf.it/solarsystem/?page_id=1284&lang=it

Read 3692 times Ultima modifica Domenica, 07 Giugno 2015 11:20
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 30 Giugno [Last update...

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista