Scritto: Lunedì, 05 Aprile 2021 09:00 Ultima modifica: Lunedì, 05 Aprile 2021 14:24

Aurore di Giove: Juno scopre nuove deboli caratteristiche ad anello


Lo spettrometro Ultraviolet Spectrograph (UVS), a bordo della sonda della NASA Juno, ha rilevato nuove deboli caratteristiche dell'aurora gioviana..

Rate this item
(1 Vote)
Le deboli caratteristiche dell'aurora gioviana scoperte da UVS. Questo evento, mostrato nella serie di immagini in falsi colori registrate a 30 secondi di distanza (pannelli rossi), mostra le emissioni caratteristicamente ad anello, espandendosi rapidamente nel tempo. Le deboli caratteristiche dell'aurora gioviana scoperte da UVS. Questo evento, mostrato nella serie di immagini in falsi colori registrate a 30 secondi di distanza (pannelli rossi), mostra le emissioni caratteristicamente ad anello, espandendosi rapidamente nel tempo. Courtesy of NASA/SWRI/JPL-Caltech/SwRI/V. Hue/G. R. Gladstone/B. Bonfond

Analizzando i dati dello strumento, guidato dal Southwest Research Institute (SwRI), gli scienziati hanno determinato che queste deboli emissioni simili ad anelli vengono innescate dalle particelle cariche provenienti dal bordo della massiccia magnetosfera di Giove.

"Riteniamo che queste deboli caratteristiche ultraviolette scoperte di recente abbiano origine a milioni di chilometri da Giove, vicino al confine della magnetosfera gioviana con il vento solare", ha affermato il dottor Vincent Hue, autore principale di un articolo accettato dal Journal of Geophysical Research: Space Physics. “Il vento solare è un flusso supersonico di particelle cariche emesse dal Sole. Quando raggiunge Giove, interagisce con la sua magnetosfera in un modo che non è ancora ben compreso".

Sia Giove che la Terra hanno campi magnetici che forniscono protezione dal vento solare. Più forte è il campo magnetico, più grande è la magnetosfera. Il campo magnetico di Giove è 20.000 volte più forte di quello terrestre e crea una magnetosfera così grande che inizia a deviare il vento solare già a 3-6 milioni di chilometri dal pianeta. "Nonostante decenni di osservazioni dalla Terra combinate con numerose misurazioni di veicoli spaziali in situ, gli scienziati ancora non comprendono appieno il ruolo svolto dal vento solare nel moderare le emissioni aurorali di Giove", ha detto il dottor Thomas Greathouse dello SwRI, un coautore di questo studio. "La dinamica magnetosferica di Giove, il movimento delle particelle cariche all'interno della sua magnetosfera, è in gran parte controllata dalla rotazione di 10 ore di Giove, la più veloce del Sistema Solare. Il ruolo del vento solare è ancora dibattuto".

Precedenti osservazioni del telescopio spaziale Hubble e di Juno hanno permesso agli scienziati di determinare che la maggior parte delle potenti aurore gioviane sono generate da processi interni, ovvero dal movimento delle particelle cariche all'interno della magnetosfera. Tuttavia, in numerose occasioni, UVS ha rilevato un debole tipo di aurora, caratterizzata da anelli di emissioni che tendono ad espandersi rapidamente nel tempo.

aurora features animation

Courtesy of NASA/SWRI/JPL-Caltech/SwRI/V. Hue/G. R. Gladstone

"La posizione ad alta latitudine degli anelli indica che le particelle che causano le emissioni provengono dalla lontana magnetosfera del pianeta, vicino al suo confine con il vento solare", ha detto Bertrand Bonfond, coautore di questo studio dell'Università di Liegi in Belgio. In questa regione, il plasma del vento solare interagisce spesso con il plasma gioviano formando, probabilmente,  un'instabilità fluidodinamica Kelvin-Helmholtz (un fenomeno che può verificarsi all'interfaccia di due fluidi che si muovono a velocità relative diverse). Oppure gli anelli potrebbero essere prodotti anche da eventi di riconnessione magnetica diurna, in cui il campi magnetico gioviano e quello interplanetario opposti, convergono, si riorganizzano e si riconnettono. Si pensa che entrambe questi processi generino fasci di particelle che potrebbero viaggiare lungo le linee del campo magnetico planetario, per poi precipitare e innescare le aurore ad anello osservate da UVS.

"Anche se questo studio non chiarisce quali processi producano queste caratteristiche, la missione estesa di Juno ci consentirà di catturare altri di questi deboli eventi transitori", ha detto Hue.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 66 volta/e Ultima modifica Lunedì, 05 Aprile 2021 14:24

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Juno fa luce sulle aurore di Giove

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 12 Aprile 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 11/4 - Sol 843] - Meteoro...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Aprile [updated on 04/1...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 10Aprile [Last update: ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 10 Aprile [Last update...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista