Scritto: Lunedì, 14 Dicembre 2020 05:48 Ultima modifica: Lunedì, 14 Dicembre 2020 06:40

I punti caldi di Giove


Nuovi risultati sul gigante gassoso sono stati presentati all''American Geophysical Union, l'11 dicembre 2020.

Rate this item
(0 votes)
Tre viste di un "punto caldo" di Giove. La immagini sono state scattate dalla JunoCam durante il 29° sorvolo ravvicinato, il 16 settembre 2020. Tre viste di un "punto caldo" di Giove. La immagini sono state scattate dalla JunoCam durante il 29° sorvolo ravvicinato, il 16 settembre 2020. Crediti: Image data: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS. Image processing: Brian Swift © CC BY

Quando la NASA inviò la sonda Galileo a studiare Giove, gli strumenti rilevarono un'atmosfera più densa e calda del previsto. Ora, i nuovi dati collezionati da Juno mostrano che questi "punti caldi" sono molto più ampi e profondi del previsto.

"I pianeti giganti hanno atmosfere profonde senza una base solida o liquida come la Terra", ha detto Scott Bolton, ricercatore principale di Juno presso il Southwest Research Institute. "Per capire meglio cosa sta accadendo in profondità in uno di questi mondi, è necessario guardare sotto lo strato di nuvole. Che è quello che sta facendo Juno, la quale ha appena concluso il suo 29° passaggio scientifico ravvicinato di Giove".

 

Un mistero di vecchia data

Il tema dei "punti caldi" gioviani risale ai 57 minuti e 36 secondi di dati inviati a Terra da Galileo il 7 dicembre 1995. Quando la sonda arrivò a Giove rilevò un ambiente asciutto e ventoso, che gli scienziati ritennero una sorta di deserto atmosferico localizzato nella regione equatoriale settentrionale. Ma le analisi a microonde di Juno indicano che l'intera fascia equatoriale settentrionale, un'ampia zona ciclonica marrone che avvolge il pianeta appena sopra l'equatore, è generalmente una regione molto secca.

Questi nuovi tasselli del puzzle potrebbero significare che le zone desertiche non sono spot isolati ma piuttosto finestre su una vasta regione dell'atmosfera più profonda, più calda e secca. Come mostrato le informazioni rilevate da Juno, questi punti caldi rappresentano delle vere e proprie interruzioni nei banchi nuvolosi che avvolgono il gigante gassoso. Spesso sono fiancheggiati da nuvole e tempeste attive, che alimentano le scariche elettriche ad alta quota recentemente osservate dalla sonda.

"In alto nell'atmosfera, dove si vedono i fulmini poco profondi, l'acqua e l'ammoniaca si combinano e diventano invisibili allo strumento a microonde di Juno. È qui che si sta formando un tipo speciale di grandine che chiamiamo mushballs", ha detto Tristan Guillot, ricercatore di Juno presso l'Université Côte d'Azur a Nizza, Francia. "Questi funghi diventano pesanti e cadono in profondità nell'atmosfera, creando una vasta regione che è priva di ammoniaca ed acqua. Una volta che i funghi si sciolgono ed evaporano, l'ammoniaca e l'acqua tornano allo stato gassoso e sono nuovamente visibili a Juno".

 

L'esagono perduto

Nel nuovo report meteo gioviano, gli scienziati fanno sapere che l'esagono al polo sud di Giove è fallito.

Lo scorso anno, il Jovian Infrared Auroral Mapper a bordo di Juno aveva osservato un nuovo ciclone che tentava di unirsi ai cinque già stabilmente presenti in configurazione pentagonale al polo sud.
"Quel sesto ciclone, il bambino del gruppo, sembrava voler cambiare la configurazione geometrica al polo da pentagono ad esagono", ha detto Bolton. "Ma, ahimè, il tentativo è fallito; il piccolo ciclone è stato buttato fuori, spostato e alla fine è scomparso".

Al momento, non ci sono teorie consolidate su come si formano questi vortici polari giganti o sul perché alcuni sembrano stabili mentre altri nascono, crescono e poi muoiono in tempi relativamente brevi.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 99 volta/e Ultima modifica Lunedì, 14 Dicembre 2020 06:40
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista