Scritto: Giovedì, 29 Ottobre 2020 17:42 Ultima modifica: Venerdì, 30 Ottobre 2020 07:43

Spiriti ed elfi su Giove


Nuovi dati dalla missione della NASA Juno, sembrano confermare che nella alta atmosfera di Giove si sviluppano delle scariche elettriche note come spiriti. È la prima volta che questi lampi luminosi, imprevedibili ed estremamente brevi, formalmente noti come eventi luminosi transitori o TLE, vengono osservati su un altro pianeta.

Rate this item
(0 votes)
Il polo sud di Giove e un potenziale evento luminoso transitorio - un lampo luminoso, imprevedibile ed estremamente breve - visibile in questa immagine acquisita il 10 aprile 2020, dallo strumento UVS di Juno Il polo sud di Giove e un potenziale evento luminoso transitorio - un lampo luminoso, imprevedibile ed estremamente breve - visibile in questa immagine acquisita il 10 aprile 2020, dallo strumento UVS di Juno Crediti: NASA/JPL-Caltech/SwRI

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Geophysical Research: Planets.

 

Brevi e brillanti

Spiriti ed elfi sono eventi luminosi transitori innescati da scariche di fulmini di temporali che stanno avvenendo molto al di sotto nell'atmosfera.

Sulla Terra, si verificano fino 97 chilometri di quota, sopra temporali intensi ed imponenti. Illuminano una regione del cielo di decine di chilometri di diametro ma durano solo pochi millisecondi (ossia, un battito di ciglio) .

Quasi simili a una medusa, i folletti terrestri hanno una zona centrale più luminosa di circa 24 / 48 chilometri di diametro con lunghi tentacoli che si estendono sia verso il basso che verso l'alto. Gli elfi appaiono come un disco appiattito brillante nell'atmosfera superiore della Terra. Anch'essi illuminano il cielo per pochi millisecondi ma possono diventare più grandi degli spiriti, fino a 320 chilometri di diametro.

"Sulla Terra, gli sprite e gli elfi appaiono di colore rossastro [comunemente chiamati red sprite] a causa della loro interazione con l'azoto nell'atmosfera superiore", ha detto Giles, scienziato della missione ed autore principale dell'articolo. "Ma su Giove, l'atmosfera superiore è costituita principalmente da idrogeno, quindi probabilmente apparirebbero blu o rosa".

 

La scoperta

Gli scienziati sospettavano che questi lampi luminosi e superveloci potessero esistere nell'atmosfera di Giove ma non se ne aveva alcuna prova, fino all'arrivo di Juno.

Nel 2019, lo spettrometro ultravioletto (UVS) a bordo della sonda ha registrato una striscia luminosa e sottile di emissione ultravioletta che è scomparsa in un lampo.
"UVS è stato progettato per caratterizzare le bellissime aurore boreali e meridionali di Giove", ha detto Giles. "Ma abbiamo scoperto che le immagini UVS, non solo mostravano l'aurora gioviana, ma anche un lampo luminoso di luce UV nell'angolo in cui non ci sarebbe dovuto essere alcun fenomeno. Più le abbiamo esaminate e più ci siamo resi conto che Juno poteva aver ripreso un TLE".

Lo spettrometro ha rilevato 11 eventi luminosi su larga scala in una regione dell'atmosfera gioviana, nota per la formazione di temporali. Ma gli scienziati hanno escluso che potesse trattarsi di mega-fulmini perché sono stati osservati 300 chilometri sopra alla quota dove si formano i temporali, lo strato di nubi d'acqua. UVIS, inoltre, ha registrato che queste emissioni erano dominate dall'idrogeno.

"Stiamo continuando a cercare segni rivelatori di elfi e spiriti ogni volta che Juno fa un passaggio scientifico", ha detto Giles. "Ora che sappiamo cosa cercare, sarà più facile trovarli su Giove e su altri pianeti. E confrontare gli spiriti e gli elfi di Giove con quelli della Terra, ci aiuterà a comprendere meglio l'attività elettrica nelle atmosfere planetarie".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 87 volta/e Ultima modifica Venerdì, 30 Ottobre 2020 07:43
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Anche Giove ha il suo esagono I punti caldi di Giove »

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista