Scritto: Venerdì, 25 Settembre 2020 05:27 Ultima modifica: Venerdì, 25 Settembre 2020 08:37

Anche Giove ha il suo esagono


Vicino al polo sud del pianeta, quasi nascosta da occhi indiscreti, si nasconde una serie di vorticose tempeste disposte secondo un curioso schema geometrico.

Rate this item
(1 Vote)
Il polo sud di Giove ripreso dalla JunoCam a bordo della sonda della NASA Juno, durante il 23° perigiove, il 3 novembre 2019. Il polo sud di Giove ripreso dalla JunoCam a bordo della sonda della NASA Juno, durante il 23° perigiove, il 3 novembre 2019. Crediti: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS

 Quando la sonda della NASA Juno è arrivata su Giove a luglio 2016 le sue telecamere ad infrarossi hanno scoperto cicloni giganti che circondano i poli del pianeta: nove a nord e sei a sud. Questi cicloni sono analoghi agli uragani sulla Terra ma, così come avviene per il famoso esagono al polo nord di Saturno, anche quelli di Giove si raccolgono ai poli seguendo uno schema esagonale.

 Si trattava di fenomeni transitori o avrebbero richiesto settimane per formarsi ed altrettante per scomparire? O erano addirittura permanenti?
Il sesto ciclone australe è stato scoperto il 3 novembre 2019, durante il ventiduesimo fly-by e ad ogni sorvolo della sonda sul polo sud del pianeta, si rafforzava l'idea che le tempeste fossero permanenti e ruotassero attorno ad un vortice centrale secondo uno schema esagonale.

Juno JIRAM: il polo sud di Giove

Una vista in infrarosso (5 micron) del polo sud di Giove, ripresa da JIRAM durante il 23* perigiove.
Crediti: NASA/JPL-Caltech/SwRI/ASI/INAF/JIRAM

 Secondo Andy Ingersoll, professore di scienze planetarie della Caltech, le tempeste gioviane sono notevolmente simili a quelle che colpiscono la costa orientale degli Stati Uniti ogni estate ed autunno, solo su scala molto più ampia. "Se andassi sotto le cime delle nuvole, probabilmente troverai gocce d'acqua liquida, grandine e neve", dice. "I venti sarebbero venti da uragano". Come sulla Terra, le tempeste di Giove tendono a formarsi vicino all'equatore e poi a spostarsi verso i poli. Tuttavia, gli uragani e i tifoni terrestri si dissipano lungo il percorso per via dell'orografia della superficie. Ma quelli di Giove non incontrano alcun ostacolo. Tuttavia, Ingersoll sottolinea che i vortici gioviani hanno comunque un comportamento insolito per gli uragani dei giganti gassosi perché non si fondono tra loro. Un lavoro di 150 anni fa guidato da Alfred Mayer, fisico americano, e Lord Kelvin, fisico matematico ed ingegnere britannico, potrebbe suggerire la spiegazione.

 Mayer aveva posizionato magneti circolari galleggianti in una pozza d'acqua ed aveva osservato che si disponevano spontaneamente in configurazioni geometriche, simili a quelle viste su Giove, con forme che dipendevano dal numero di magneti. Kelvin aveva utilizzato le osservazioni di Mayer per sviluppare un modello matematico e spiegare il comportamento dei magneti. Ma, "sebbene esistessero molti studi di laboratorio su questi poligoni fluidi, nessuno ha pensato di applicarli a una superficie planetaria", dice Ingersoll.

giove simulazione cicloni

In alcune condizioni sperimentali, e su Giove, le tempeste cicloniche si respingono a vicenda, invece di fondersi. Crediti: California Institute of Technology

 Per fare ciò, il team di ricerca ha utilizzato una serie di equazioni note come equazioni delle acque basse  per costruire un modello computerizzato di ciò che potrebbe accadere su Giove e ha iniziato a eseguire simulazioni per scoprire tutte le combinazioni che avrebbero potuto rendere stabili i sei cicloni, invece di spingerli alla fusione. Alla fine, è stato scoperto che le tempeste possono rimanere in una configurazione geometrica stabile, come quella di Giove, se ciascuna è circondata da un anello di venti rotante nella direzione opposta rispetto alla tempesta stessa, il cosiddetto anello anticiclonico. La presenza di anelli anticiclonici fa sì che i vortici si respingano a vicenda, piuttosto che fondersi.

 Sondando lo strato meteorologico fino a 50-70 chilometri sotto le cime delle nuvole di Giove, il Jovian Infrared Auroral Mapper (JIRAM) a bordo della sonda Juno, cattura la luce infrarossa che emerge dalle profondità di Giove. I suoi dati indicano che nell'ultimo ciclone scoperto, la velocità del vento è in media di 362 km/h, paragonabile alla velocità che già era stata rilevata nelle altre tempeste.

 La ricerca è stata pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences.

Altre informazioni su questo articolo

Read 128 times Ultima modifica Venerdì, 25 Settembre 2020 08:37
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
More in this category: « La missione estesa di Juno

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 28 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 29 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/10 - Sol 682] - Meteor...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista