Martedì 21 Novembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Juno entra ed esce dal Safe Mode

Juno entra ed esce dal Safe Mode
Crediti: NASA

Superato qualche inconveniente, la sonda della NASA Juno è di nuovo in pista, pronta per il so prossimo sorvolo ravvicinato su Giove.

Dopo un possibile probema del sistema propulsivo che aveva costretto il team a rinviare la manovra per inserire la navicella nell'orbita definitiva attorno a Giove, Juno era entrata in safe mode il 19 ottobre alle 5:47 UTC, stato che viene attivato se il computer di bordo percepisce qualche anomalia. In tal caso la strumentazione scientifica e alcuni componenti non essenziali vengono spenti mentre i pannelli solari vengono puntati verso il Sole per garantire l'alimentazione.
Le cause sono ancora sotto indagine ma il riavvio dei sistemi è stato eseguito con successo e la sonda è subito apparsa in buona salute. Purtroppo, però, come da procedura, non è stato possibile raccogliere nessun dato durante il Perigiove 2 mentre girava la diagnostica e bisognerà aspettare l'11 dicembre per il prossimo fly-by (massimo avvicinamento alle 17:03 UTC).
Quando il safe mode si è attivato "eravamo ancora piuttosto lontano dalle fasce di radiazione più intense e dai campi magnetici del pianeta. La sonda è sana e stiamo lavorando sulla nostra procedura di recupero standard", aveva dichiarato Rick Nybakken, project manager della missione al Jet Propulsion Laboratory della NASA.

Il 24 ottobre alle 5:05 UTC, Juno è uscita dal safe mode ed il 25 ottobre alle 1:51 UTC, ha utilizzato i suoi propulsori secondari per modificare l'assetto orbitale in previsione del prossimo passaggio ravvicinato su Giove.
"Juno è uscita dal safe mode come previsto, è sana e sta rispondendo a tutti i nostri comandi", ha commentato Nybakken.

L'accensione è durata poco più di 31 minuti, ha cambiato velocità orbitale di Juno di circa 2,6 metri al secondo e consumato circa 3,6 chilogrammi di propellente.

Nubi di Giove viste con il Microwave Radiometer (MWR)

Le nubi di Giove viste con il Microwave Radiometer (MWR). Lo strumento può penetrare per un paio di centinaia di chilometri nell'atmosfera del pianeta come una cipolla che viene sbucciata a strati per vedere l'interno.
Crediti: NASA/JPL-Caltech/SwRI/GSFC

"Siamo tutti eccitati e impazienti per il prossimo passaggio vicino a Giove", ha dichiarato Scott Bolton, ricercatore principale di Juno del Southwest Research Institute di San Antonio. "La scienza raccolta finora è stata veramente sorprendente".

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 20 Novembre.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.