Scritto: Sabato, 15 Ottobre 2016 18:39 Ultima modifica: Martedì, 18 Ottobre 2016 20:45

Juno: rinviata la riduzione dell'orbita


A causa di un possibile probema del sistema propulsivo, rinviata la manovra che avrebbe dovuto inserire la sonda nell'orbita definitiva attorno a Giove, nel corso della prossima settimana.

Rate this item
(0 votes)
Juno al perigiove (ricostruzione artistica) Juno al perigiove (ricostruzione artistica) Credits: NASA/JPL-Caltech

 Come si ricorderà, la sonda Juno era entrata in un'orbita provvisoria attorno al pianeta gigante lo scorso 4 Luglio e aveva poi ripetuto "il giro di boa" lo scorso 26 Agosto, stavolta effettuando anche importanti osservazioni scientifiche.

Il prossimo 19 Ottobre, completata anche la seconda ampia orbita, Juno avrebbe dovuto accendere di nuovo i suoi motori principali al perigiove per abbassare drasticamente la quota del apogiove (perigiove e apogiove sono i punti dell'orbita rispettivamente più vicino e più lontano dal pianeta); questa manovra, denominata "Period Reduction Maneuver" (PRM), è volta a ridurre il periodo di rivoluzione da 53 a soli 14 giorni, permettendo così l'inizio delle indagini scientifiche di routine. Qualcosa però deve essere andato storto perchè ultimamente due valvole di controllo dell'elio (gas usato per pressurizzare il sistema di propulsione del veicolo) non hanno reagito nel modo previsto ai comandi ed hanno impiegato diversi minuti per aprirsi, invece di pochi secondi.

 "La telemetria indicava che due valvole di ritegno dell'elio, che svolgono un ruolo importante nella accensione del motore principale, non hanno funzionato come previsto nel corso di una sequenza di comandi che è stata avviata ieri" ha dichiarato Rick Nybakken, project manager di Juno al Jet Propulsion Laboratory di Pasadena. "Abbiamo bisogno di capire meglio questo problema prima di andare avanti con un burn del motore principale". Dopo essersi consultati con la Lockheed Martin Space Systems che ha costruito la sonda e con il Quartier Generale della NASA a Washington, i dirigenti della missione hanno deciso di rinviare la manovra PRM di almeno un orbita, cioè almeno fino al prossimo perigiove dell' 11 dicembre.

 I progettisti missione avevano inizialmente previsto di limitare il numero di strumenti scientifici in funzione durante il sorvolo del 19 ottobre, per non interferire con la manovra PRM. Ora, avendo rinviato il burn, tutti gli strumenti scientifici della sonda saranno in funzione e raccoglieranno numerosi dati durante il passaggio ravvicinato. "E' importante notare che il periodo orbitale non influisce sulla qualità dei dati scientifici raccolti durante il perigiove", ha dichiarato Scott Bolton, principal investigator del Southwest Research Institute di San Antonio. "La missione è molto flessibile in questo modo. I dati che abbiamo raccolto durante il nostro primo flyby il 27 agosto sono stati una rivelazione, e sono sicuro che un risultato simile verrà anche dal passaggio del 19 Ottobre".

 La sonda Juno è stata lanciata il 5 Agosto 2011, da Cape Canaveral, in Florida e il JPL gestisce la missione per conto del ricercatore principale, Scott Bolton, del SwRI. Juno è parte del programma New Frontiers della NASA.

 

Fonte: https://www.nasa.gov/feature/jpl/mission-prepares-for-next-jupiter-pass

 

Altre informazioni su questo articolo

Read 1358 times Ultima modifica Martedì, 18 Ottobre 2016 20:45
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS