Scritto: Venerdì, 17 Giugno 2016 07:16 Ultima modifica: Venerdì, 17 Giugno 2016 08:35

L'impresa di Juno


La sera del 4 luglio (5 luglio ore 3:18 UTC), la sonda della NASA Juno inizierà ad accendere i motori per 35 minuti per collocarsi in un'orbita polare attorno a Giove.

Rate this item
(0 votes)
L'impresa di Juno Crediti: NASA/JPL-Caltech

"Nello stesso momento dell'anno scorso, la sonda New Horizons stava regalando all'umanità il primo sguardo ravvicinato a Plutone", ha ricordato Diane Brown, del programma Juno della NASA a Washington, nella press release del livestreaming che si è tenuto ieri sera.
"Ora, Juno è pronta ad andare più vicino a Giove di qualsiasi altro veicolo spaziale per svelare i suoi misteri".

Fin da quando è stata lanciata, il 5 agosto 2011, la navicella ha dovuto fare i conti con l'azione gravitazionale della Terra, del Sole e ora del gigante gassoso, essendo entrata da poco nella sua sfera di influenza.
Affinché l'inserimento in orbita riesca, Juno dovrà tenere accesi i propulsori per almeno 20 minuti sui 35 programmati ma ne serviranno 30 per raggiungere una buona orbita scientifica. Se qualcosa dovesse andare storto, entrerà in funzione una sorta di riavvicinamento automatico che manterrà accesi i razzi per 500 secondi supplementari.

Una volta giunta a destinazione, per 14 giorni, Juno si avvicinerà entro i 4.667 chilometri dalle cime delle nubi del più grande pianeta del nostro Sistema Solare.
Una serie di 37 sorvoli ravvicinati, eclisserà il precedente record di 43.000 chilometri della Pioneer 11 della NASA del 1974. Ma ovviamente, tutto questo avrà un prezzo.
"Non siamo in cerca di guai, siamo alla ricerca di dati", ha dichiarato Scott Bolton, scienziato principale presso il Southwest Research Institute di San Antonio.

La fonte dei potenziali problemi potrebbe arrivare dall'interno del pianeta.
Al di sotto delle nuvole, uno strato di idrogeno sotto pressione è in grado di agire come un conduttore elettrico. La rotazione veloce di Giove (circa 10 ore) in combinazione con questo idrogeno metallico genera un potente campo magnetico che circonda il pianeta con elettroni, protoni e ioni che viaggiano a velocità prossime a quella della luce. Il veicolo spaziale, perciò, si troverà all'interno di questo campo di particelle ad alta energia a forma di ciambella e dovrà fare i conti con l'ambiente di radiazione più duro del Sistema Solare.

"Nel corso della vita della missione, Juno sarà esposta all'equivalente di oltre 100 milioni di radiografie dentali", ha detto Rick Nybakken, project manager della missione al Jet Propulsion Laboratory della NASA. "Ma noi siamo pronti ed abbiamo progettato un'orbita che riduce al minimo l'esposizione alle radiazioni, che ci permetterà di sopravvivere abbastanza a lungo per ottenere i dati scientifici".

L'orbita di Juno assomiglierà ad un ovale schiacciato.
La traiettoria porterà la navicella prima vicino al polo nord per poi scendere rapidamente di altitudine sotto le fasce di radiazione del pianeta, verso il polo sud. Ogni passaggio ravvicinato durerà circa un giorno terrestre. Poi la sonda viaggerà sotto il polo sud e lontano da Giove, ben al di là della portata di radiazioni nocive.
La sonda è dotata di speciali cablature eletriche e di un cuore di 180 chilogrammi di titanio che protegge il computer di volo e gli strumenti scientifici ma questo non garantirà a Juno "lunga vita e prosperità" ed il bombardamento costante o prima o poi danneggerà l'elettronica ma ma non prima di 20 mesi di scienza.

A bordo di Juno, la JunoCam sarà la nostra finestra su Giove: una fotocamera nata con l'intento di coinvolgere e sensibilizzare il pubblico che offrirà una grande opportunità agli appassionati.

Ecco i prossimi appuntamenti dedicati alla missione su NASAtv:

A Juno mancano meno di 18 giorni e circa 13,8 milioni di chilometri per raggiungere Giove.
Potete seguire giornalmente la fase di avvicinamento e l'inserimento in orbita nel "Mission Log" di Marco Di Lorenzo.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1512 volta/e Ultima modifica Venerdì, 17 Giugno 2016 08:35
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista