Scritto: Lunedì, 20 Luglio 2015 05:44 Ultima modifica: Lunedì, 03 Aprile 2017 06:12

L'ESA si prepara a costruire JUICE


La Airbus Defence & Space si occuperà della prossima missione dell'ESA, JUICE (JUpiter ICy moons Explorer), uno dei programmi di punta del Cosmic Vision 2015–25. La sonda verrà lanciata nel 2022 ed arriverà nel sistema di Giove nel 2030.

Rate this item
(0 votes)
L'ESA si prepara a costruire JUICE Credit: ESA/AOES

Mentre la navicella della NASA Juno sta per raggiungere il gigante del nostro Sistema Solare, la missione primaria di JUICE durerà tre anni durante i quali gli strumenti di bordo studieranno la turbolenta atmosfera e l'enorme magnetosfera di Giove, i suoi anelli e le lune, Ganimede, Europa e Callisto. Tutti questi satelliti dovrebbero nascondere oceani di acqua liquida sotto la crosta ghiacciata e potrebbero fornire indizi chiave sul potenziale delle lune come ambienti abitabili.

Callisto e Ganimede saranno utilizzati per il "gravity assists", per modificare la traiettoria del veicolo, mentre due sorvoli ravvicinati su Europa si concentreranno sulla composizione del materiale presente in superficie e forniranno un primo sondaggio del sottosuolo.

La fionda gravitazionale intorno a Callisto verrà usata anche per aumentare l'inclinazione orbitale di JUICE di quasi 30°, per osservare le regioni polari di Giove.

La missione si concluderà con un tour di otto mesi intorno a Ganimede, che diventerà la prima luna ghiacciata ad avere in orbita una sonda.

Jiuce - tre studi di design

Tre proposte per Juice - credit: ESA

JUICE avrà un payload di 10 strumenti, tra cui macchine fotografiche, spettrometri, un radar penetrante, un altimetro, esperimenti di radio-scienza e sensori per monitorare i campi magnetici e le particelle cariche nel sistema gioviano.

  • JANUS - Camera system
    Una telecamera ottica per studiare la morfologia ed i processi globali, regionali e locali sulle lune e per eseguire la mappatura delle nubi su Giove. E' dotata di 13 filtri, un campo di vista di 1.3 gradi ed una risoluzione fino a 2,4 m per Ganimede e circa 10 km per Giove

  • MAJIS - Moons and Jupiter Imaging Spectrometer
    Uno spettrometro che coprirà lunghezze d'onda del visibile e dell'infrarosso da 0,4 a 5,7 micron, con risoluzione spettrale di 3-7 nm. La risoluzione spaziale è fino a 25 metri per Ganimede e circa 100 km per Giove. Studierà le nubi troposferiche e la composizione delle superficie ghiacciate delle lune.

  • UVS - UV imaging Spectrograph
    Uno spettrometro UV per caratterizzare l'esosfera delle lune ghiacciate, per studiare Giove e la sua atmosfera superiore.
    Coprirà lunghezze d'onda tra i 55 ed i 210 nm con risoluzione spettrale di <0,6 nm. La risoluzione spaziale raggiungerà 0,5 km per Ganimede e 250 km per Giove.

  • SWI - Sub-millimeter Wave Instrument
    E' uno spettrometro submillimetrico eterodina che utilizza un'antenna da 30 cm e lavora in due intervalli spettrali, 1080-1275 GHz e 530-601 GHz, con potere risolutivo spettrale di ~ 107. Indagherà la struttura della temperatura, la composizione e le dinamiche della stratosfera e troposfera di Giove e della superficie delle lune ghiacciate.

  • GALA - GAnymede Laser Altimeter
    Un altimetro laser per studiare le deformazioni mareali di Ganimede, la morfologia e la topografia delle superfici delle lune ghiacciate.

  • RIME - Radar for Icy Moons Exploration
    Un radar penetrante per studiare la struttura del sottosuolo delle lune ghiacciate fino a 9 km di profondità con una risoluzione verticale nel ghiaccio fino a 30 m. RIME funzionerà ad una frequenza centrale di 9 MHz (banda 1 e 3 MHz) ed userà un antenna 16 m.

  • J-MAG - A magnetometer for JUICE
    E' un magnetometro per caratterizzare il campo magnetico di Giove, la sua interazione con il campo magnetico interno di Ganimede e studiare gli oceani sotto la superficie delle lune ghiacciate.

  • PEP - Particle Environment Package
    Una suite dedicata a caratterizzare l'ambiente del plasma nel sistema gioviano.
    Misurerà: densità e flussi di ioni positivi e negativi, elettroni, gas neutro, temperatura ed atomi neutri energetici nel campo dell'energia da <0,001 eV per> 1 MeV con una copertura angolare completa.

  • RPWI - Radio & Plasma Wave Investigation
    Caratterizzerà le emissioni radio ed il plasma nel sistema di Giove.
    Utilizzerà quattro esperimenti, Gandalf, MIME, FRODO e JENRAGE.

  • 3GM - Gravity & Geophysics of Jupiter and Galilean Moons
    Una suite di radio-scienza. Sarà utilizzato anche per sondare l'interno delle lune e verificare la dimensione dei mari sotto la crosta ghiacciata.

  • PRIDE - Planetary Radio Interferometer & Doppler Experiment
    Utilizzerà il sistema di telecomunicazioni standard di JUICE e il VLBI (Very Long Baseline Interferometry) per effettuare misurazioni precise della posizione navicella, della sua velocità ed indagare i campi gravitazionali di Giove e delle lune ghiacciate.

 

Maggiori informazioni:
- http://sci.esa.int/juice/

Altre informazioni su questo articolo

Read 1889 times Ultima modifica Lunedì, 03 Aprile 2017 06:12
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS