Scritto: Martedì, 15 Dicembre 2020 05:40 Ultima modifica: Mercoledì, 16 Dicembre 2020 06:44

Hayabusa 2: la capsula è stata (parzialmente) aperta


Gli scienziati hanno confermato che la polvere nera contenuta nella capsula consegnata sulla Terra il 4 dicembre 2020 dalla sonda giapponese Hayabusa-2, appartiene a Ryugu.

Rate this item
(2 votes)
Campioni di Ryugu visti all'interno di un container della capsula di rientro consegnata da Hayabusa-2. Campioni di Ryugu visti all'interno di un container della capsula di rientro consegnata da Hayabusa-2. Crediti: JAXA

Il 7 dicembre, presso il QLF (Quick Look Facility) in Australia, la JAXA aveva analizzato il gas presente all'interno della capsula di rientro.
La spettrometria di massa aveva mostrato un gas diverso dalla composizione atmosferica terrestre. Per ulteriore conferma, un'analisi simile è stata eseguita dal 10 all'11 dicembre presso il Extraterrestrial Sample Curation Center nel campus JAXA Sagamihara. I risultati hanno indicato la presenza della stessa composizione gassosa, nonostante la prima fosse stata rimossa dopo gli esami australiani. Il team ritiene pertanto che si tratti di un derivato dal degassamento dei campioni. "Questo è il primo campione al mondo di un materiale allo stato gassoso dallo spazio profondo", scrive la JAXA nella press release.

JAXA Hayabusa-2 gas RyuguCrediti: JAXA

Lunedì 14 dicembre, una polvere, simile alla sabbia nera, è stata trovata nel guscio esterno della capsula. La prima foto rilasciata mostra un piccolo deposito di materiale fuligginoso all'interno di una scatola di metallo: solo il primo assaggio di risultati di una missione senza precedenti

Granelli di Ryugu

Granelli di Ryugu - Crediti: JAXA

Martedì 15, il team ha scoperto campioni di suolo e gas più consistenti (immagine in apertura) nel compartimento che contiene il materiale raccolto durante il primo dei due touchdown di Hayabusa-2 sull'asteroide.

"Possiamo confermare una buona quantità di sabbia apparentemente alla raccolta dall'asteroide Ryugu, insieme ai gas", ha detto durante una conferenza stampa Yuichi Tsuda, responsabile del progetto JAXA Hayabusa-2. "I campioni provenienti dall'esterno del nostro pianeta, che abbiamo a lungo sognato, sono ora nelle nostre mani".

Hirotaka Sawada, scienziato della JAXA, è stato il primo a guardare all'interno del raccoglitore di campioni, dentro la capsula a forma di padella da 40 centimetri di diametro. Sawada ha detto di essere rimasto "quasi senza parole" dalla gioia quando ha scoperto che il materiale includeva, come previsto, granelli della dimensione della polvere ma anche alcuni grandi come ciottoli.

Hayabusa-2 ha viaggiato a circa 300 milioni di chilometri dalla Terra per raccogliere questo prezioso carico che, gli scienziati sperano possa far luce sull'origine della vita e sulla formazione dell'universo.
La sonda ha collezionato sia la regolite superficiale che il materiale incontaminato più profondo, esposto dall'impattatore sparato sull'asteroide.

"Continueremo il nostro lavoro per aprire il raccoglitore di campioni all'interno del contenitore", ha detto la JAXA.
La metà dei campioni di Hayabusa-2 sarà condivisa con la NASA ed altre organizzazioni internazionali, mentre il resto sarà conservato per studi futuri.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 143 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 16 Dicembre 2020 06:44
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista